RECENSIONE "Singing Sands - La sabbia che canta" di Amy Shay

Titolo: Singing Sands – La sabbia che canta
Autrice: Amy Shay
Editore: Self Publishing
Genere: Fantasy
Formato: e-book/ Cartaceo
Prezzo:  2.99 / 12,48
Data di pubblicazione: 2018
Pagine: 319
Serie: Singing Sands
ACQUISTO


Adesso. 
Ogni estate è sempre la stessa storia: quando Dayaniel e il suo gruppo approdano a Mackinaw City, portando con loro chiasso e maleducazione, Alice sa che dovrà dileguarsi insieme all'amica Aylen se non vuole essere vittima dei loro cattivi scherzi. Ma quest'anno Alice decide che sarà diverso e che non si nasconderà come sempre. Scopre così uno dei tanti locali sul lago Huron, il Singing Sands, un luogo che subito l'attrae per la simpatia e la particolarità dei suoi frequentanti. 
Tuttavia, ben presto strani fenomeni iniziano a circondarla: sogni inquietanti dove un imponente cancello nero si staglia davanti a lei, qualcuno che la spia nell'oscurità e persone che scompaiono nel momento in cui le incontra per sbaglio. 
E quando Singing Sands rivela la sua vera natura, per Alice non resta che gettare le armi e arrendersi all'inspiegabile. 
Perché il capobranco Dayaniel sembra odiarla ma allo stesso tempo desiderarla come non mai? E chi è davvero Aylen, l'amica e sostegno da tantissimi anni? 
Singing Sands: solo lì Alice otterrà le risposte che cerca.
Prima. 
Quando Alice incontra Dayaniel, sa che è amore a prima vista, e sa di essere contraccambiata. La loro storia impiega poco a decollare, per la gioia dei genitori di Alice e degli abitanti del villaggio in cui vivono. 
Tuttavia Dayaniel e il suo gruppo racchiudono un segreto: un segreto che, forse, cambierà la vita di Alice. 
E quando lei, dopo averlo scoperto, scopre di aspettare un figlio e si sente minacciata dal fratello violento, capirà che dovrà diventare parte del segreto, per potersi difendere e difendere le persone che ama.
Due vicende parallele legate da un unico filo rosso: la sabbia che canta e che, con la sua melodia, rivela una storia di amore e tradimento, antica e infinita. Una storia che non terminerà mai, fino a che Alice, l'unica Alice, non rimedierà agli sbagli che ha compiuto sotto l'inganno di un essere diabolico.

Intrecciate un ramo di edera e uno di agrifoglio per tenere lontani gli spiriti maligni, e avventuratevi nei misteri di Singing Sands.


Buongiorno lettori/lettrici, oggi vi parlo di “Singing Sands – La sabbia che canta” di Amy Shay, il primo volume dell’omonima serie.
Inizia sulle parole di questa antica leggenda questa storia.

“Si racconta che lo gnomo Monachicchio sia in realtà un bambino morto prima di ricevere ilbattesimo….ma è proprio così?E se il Monachicchio fosse più di un semplice folletto burlone?Se il suo scopo non fosse solo divertirsi alle spalle del povero malcapitato che lo ha accolto?Io so che il Monachicchio è più di un semplice e antipatico gnomo. E adesso ve lo svelerò.Prima di ascoltare le mie parole, però, vi consiglio di appendere sulla soglia della vostra casa unramo di edera e uno di agrifoglio: dicono che tenga lontani gli spiriti maligni.”
Ma cosa ha a che fare un’antica leggenda sugli gnomi e gli spiriti, con Alice, una ragazza adolescente come tante?
La vicenda si svolge, in realtà, in due archi temporali differenti. I capitoli si alternano, raccontando le vicende di Alice adesso, e le vicende di Alice nel passato, un passato molto lontano, che però si collega al presente.
Sullo sfondo di una graziosa cittadina sulle rive del Lago Huron, Alice trascorre le vacanze con la madre, e Aylen, che incontra tutte le estati durante le vacanze, e con cui ha stretto una profonda amicizia. Da alcuni anni però, un gruppo di ragazzi approda a Mackinaw City portando scompiglio con scherzi di cattivo gusto e atti di bullismo. A capo di questo gruppo c’è Dayaniel, e Alice lo odia profondamente e cerca di stargli il più possibile alla larga, eppure c’è qualcosa in lui la attrae come una calamita.
Quando decide di seguirlo, scopre Singing Sands, un locale dove si ritrovano per divertirsi, e dove Alice incontra altri ragazzi con cui farà amicizia. Nel contempo strani avvenimenti avvengono intorno a lei, legati a un passato lontano di cui lei non è a conoscenza.
Durante gli ultimi giorni di vacanza, tutto precipita. Gli amici di Singing Sands spariscono senza nemmeno salutare, Aylen la evita e inizia a stare con il gruppo di Dayaniel, persino il locale dove avevano trascorso le serate durante l’estate sembra non esserci più.

Chi è veramente Dayaniel? Chi sono i ragazzi incontrati a Singing Sands e perché sono spariti nel nulla? E Aylen è veramente sua amica? Mille domande e mille segreti si nascondono sulle sponde del lago Huron, e in antiche leggende si potrebbero nascondere grandi verità.

Considerazioni
Una storia intrigante, ricca di misteri e uno stile di scrittura accattivante e coinvolgente, accompagnano il lettore nelle vicende di Alice. L’autrice è stata molto brava a intrecciare le due
storie, quella del presente e quella del passato, creando mille analogismi e altrettanti misteri. Molti dei quali devono essere ancora svelati. Sono rimasta totalmente coinvolta da questa storia tanto che quando il libro è terminato, lasciando in sospeso molte questioni, avrei voluto avere tra le mani il secondo volume per poterlo continuare. Assolutamente consigliato agli amanti del genere.
Non mi resta che aspettare il seguito di questo intrigante romanzo per scoprire tutti i misteri di Singing Sands, e fare i complimenti all’autrice. 
Buona lettura.





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni