RECENSIONE "Georgiana" di Deborah Begali

Titolo: Georgiana
Autore: Deborah Begali
Editore: Leggereditore
Genere: Regency
Formato: ebook e cartaceo
Prezzo: ebook 4,99€ cartaceo 11,96€
Data Pubblicazione: 28 Marzo 2018



Inghilterra, 1815. Georgiana Eagle è una donna intelligente e arguta che non ha ancora trovato l'amore della sua vita e che, sotto lo pseudonimo C.C. Eliot, si diletta a scrivere articoli pungenti contro le svenevoli convenzioni della nobiltà per il Wollenbridge Journal. Lucas Benedict è un capitano della marina di Sua maestà, appena rientrato in patria dopo aver combattuto le guerre napoleoniche. Affascinante e sicuro di sé, unico futuro erede del patrimonio della sua facoltosa famiglia, è stato cresciuto da una madre ipocondriaca e dalla dispotica zia Lady Asheby, che vuole a tutti i costi vederlo prendere moglie. Il primo incontro tra i due giovani non sembra far sperare per il meglio: entrambi, troppo orgogliosi, presuntuosi e fuori dagli schemi, amano vivere secondo le proprie regole e negano ogni sentimento. Ben presto, però, un'irrinunciabile proposta di matrimonio e l'avvento della stagione a Londra stravolgeranno le loro esistenze.

Benvenuti su Opinioni Librose, oggi vi parleremo del romanzo edito Leggereditore, dell'autrice Deborah Begali, "Georgiana".

Questo romanzo è ambientato in Inghilterra nell'epoca della Reggenza, un periodo di transizione per gli inglesi e "Georgiana" rispecchia a pieno gli usi e i costumi dell'epoca. 
La protagonista è una giovane donna che per i canoni dell'epoca è lontana dall'età da marito. Tante vicissitudini tra cui la morte del padre per suicido e la relativa caduta economica, hanno tenuto Georgiana "ai limiti" della società. Una società in cui un buon matrimonio combinato e il buon nome della famiglia erano fattori determinanti per godere dei privilegi dati dalla nobiltà.
Questo a Georgiana non importava tanto. Libera, emancipata, forte, indipendente e per questo sulla bocca di tutti, la protagonista con il suo carisma e la sua lingua lunga è stata capace di tenere testa al Capitano Lucas Benedict. Uomo orgoglioso, scostante e lunatico dal carattere difficile.

Ogni loro incontro è caratterizzato da battibecchi. I due caratteri sono avvezzi allo scontro molto spesso. Lucas è un uomo di poche parole, ma ha il potere di riuscire a manipolare Georgiana, che nonostante il suo carattere deciso cade nella sua rete.

CONSIDERAZIONI
Il romanzo è scritto in terza persona. Prevalgono le narrazioni e i lunghi periodi ai dialoghi, che sono molto pochi ma molto intensi.
Si denota uno studio approfondito del periodo e dei luoghi in cui è ambientato il romanzo.
La descrizione degli ambienti e minuziosa, ricca di dettagli forse anche troppi.
Il romanzo è ben contestualizzato all'epoca di riferimento, non so però se per via dei dettagli o della narrazione in terza persona, la lettura a me personalmente non è risultata molto scorrevole, sopratutto inizialmente.
I personaggi sono molto ben caratterizzati, ma la parte emotiva risulta molto celata, anche se mostrare i propri sentimenti in pubblico era sconveniente, avrei preferito immedesimarmi meglio nei sentimenti dei due protagonisti, invece la storia è stata incentrata molto più sulla vita della nobiltà di quell'epoca, sui pettegolezzi, sui balli, gli avvenimenti mondani. Ovviamente trattandosi di uno storico, non poteva essere altrimenti, ma mi aspettavo uno sviluppo più intenso della storia d'amore, che ha un gran potenziale!
Consiglio la lettura agli amanti del genere. A presto!













Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni