RECENSIONE - "Love each other" di Viola Raffei

Titolo: Love each other
Autore: Viola Raffei
Editore: Self-publishing
Genere: Romanzo contemporaneo
Prezzo ebook: € 1,99
Data pubblicazione: 18/05/19
Pagine: 248
Serie: autoconclusivo
ORDER


New York - Ispirato a una storia vera

Quante volte, guardando al futuro, ci chiediamo che piega stia prendendo la vita o se, a causa di scelte sbagliate, non sia, invece, pronta a metterci al tappeto? E se fosse il futuro stesso a volerci mettere alla prova?

La storia d’amore che andrò a raccontare vuole insegnarci proprio questo, imparare dai nostri errori perché niente è impossibile se non ci arrendiamo.

Violet ha alle spalle un passato fatto di violenze da parte dell’uomo che diceva di amarla. Stanca di subire, con il tempo trova la forza di fuggire pagando, però, uno scotto molto alto. Ma guarda avanti, alla vita, perché c’è sempre una seconda occasione di felicità e lei la trova in Josh, l’unico capace di regalarle serenità, amore e rispetto per se stessa.

"Se stasera lei fosse qui, sarei il più felice del mondo. La stringerei fra le braccia per rassicurarla e le direi di non temere ciò che ancora non conosce, ma di lasciarsi andare. Voglio essere il porto sicuro che tanto cerca, l'ancora di cui ha bisogno per sostenersi e restare a galla… È un incantesimo che conoscono in pochi."

Ma basterà l’amore di Josh? Riuscirà a sconfiggere quei mostri che potrebbero tornare da un momento all’altro?

Lascio a voi la curiosità di scoprirlo!
Viola Raffei vive nelle Marche con la sua famiglia e lavora come impiegata part-time. Da sempre ama scrivere storie d’amore travolgenti e finalmente, nel 2016 trova il coraggio e pubblica la duologia "A modo mio" e "A modo nostro". La sua carriera come scrittrice prosegue con il bestseller "Resilienza" e altri romanzi che i lettori hanno amato.
Buona domenica a tutti, vi voglio parlare di "Love each other" l'ultimo libro di Viola Raffei, pubblicato in self-publishing.
Il file mi è stato fornito dall'autrice.

Violet è una donna resa fragile da un passato che l'ha vista vittima di un amore malato. 
Una condizione che ne ha minato il carattere, l'ha fatta rinchiudere in un se stessa e l'ha resa incapace di qualsiasi contatto. Una vita a metà la sua, nonostante questo vuole cercare di riprendersela ma il destino non ha finito di intralciare il suo cammino.

"Le cicatrici che portavo sul corpo erano lì e simboleggiavano tutto il male che mi faceva, così decisi di fare ciò che era necessario: lasciarlo."

Josh è un uomo di successo, un lavoratore impeccabile che non si fa distrarre da nulla per raggiungere l'obiettivo che si è prefissato. Rappresenta quello che si definisce un buon partito, affascinante, determinato e con un grande cuore.

L'incontro tra i due è casuale ma, basta uno sguardo per smuovere emozioni che sembravano assopite.
Difficile riuscire a costruire delle basi su un terreno d'argilla quali sono il passato e le paure. Complicato il lavoro che richiede conquistarsi la fiducia, una lotta impara, se uno deve svolgerlo da solo mentre l'altro vorrebbe solo fuggire e nascondersi.

"In fondo la paura che cos’è veramente? È una serpe. S’insinua nelle nostre viscere, nei nostri pensieri, come una sorta di veleno che ci annienta un minuto dopo l’altro, che ci paralizza finché non riusciamo a vivere davvero."

Considerazioni

Una storia attuale che si svolge a New York ma potrebbe essere ambientata ovunque, una sinossi molto pretenziosa che lascia presupporre un progetto davvero impegnativo.
Seguo Viola da 2017 e con Love each other ho letto tutti i suoi libri, devo dire che ne ho apprezzato la crescita sia come autore che come capacità di arrivare al lettore.
Questa storia parla di sofferenza, porta a vedere lo stato mentale sia della vittima che del carnefice, si addentra nel profilo psicologico e apre una finestra anche sui possibili scenari che hanno dato il via a tutto ciò che avviene. La narrazione in prima persone e a più pov fa sì che davvero si abbiano tutti gli elementi, tanti i colpi di scena che si scoprono durante la lettura. Colpi di scena ben progettati e riescono a mozzare il fiato.

"La sento piangere. Non la conosco, e non voglio farlo, però riesco a comprendere il suo malessere. Svegliarsi e accorgersi che tutto è stato un errore non è mai bello, la propria esistenza viene stravolta nel profondo e non sempre si è capaci di darsi una seconda possibilità."

Si assiste a un percorso fatto di piccoli passi in avanti e scivoloni all'indietro, dovuti a perdita di fiducia o a sensazioni di tradimento. I personaggi principali e secondari sono ben sviluppati, il passato si tutti si intrufola nel presente sotto forma di ricordi, la scelta del font differente rende ancor più facile la distinzione.
Le scene di sesso sono dettagliate ma, anche in queste, Viola è cresciuta e riesce a dosarne meglio le tempistiche e soprattutto a far una distinzione tra l'amore tenero e il sesso violento, contestualizzandole per gergo e sensazioni.
Un libro che porta a riflettere senza ergersi a giudice, una storia emozionante e toccante che fa vibrare corde profonde che vanno dall'indignazione al sospiro di sollievo. Risvolti sconvolgenti che tengono col fiato sospeso fino all'ultimo rigo.

"Come ho potuto essere debole a tal punto da convincermi di non meritare altro che il suo amore malato, che non ci fosse niente di meglio per me a questo mondo? Oh, come mi sbagliavo!"

Per tutto questo faccio i miei complimenti a Viola e la invito a proseguire con questo suo percorso.
La revisione è ben fatta, cosa che mi fa sempre piacere quando leggo un testo.
Consiglio questa storia a chi segue l'autrice, vi stupirà. Se adorate i contemporanei che trattano di tematiche purtroppo attuali questo libro fa per voi.
Lettura consigliata a un pubblico adulto.


Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni