RECENSIONE "RED" di T.L. Smith

Titolo: RED
Titolo originale: Red
Autrice: T.L. Smith
Editore: Hope Edizioni
Genere: Dark Romance
Serie: Black #2
Data di uscita: 23 Aprile 2019




Una ferita al cuore, una voragine profonda.
Si può aggiustare? O anche solo sostituire?
Le persone mentono e quelle a me più vicine lo fanno più di tutti gli altri.
Non sanno chi sono? E di cosa sono capace?
A volte mi chiedo se ne siano a conoscenza, perché quando svelerò le loro menzogne verranno spediti nell’inferno che, un tempo, io stesso ho visitato.
E non sarà piacevole.


Buongiorno lettori, oggi sono qui a parlarvi di Red, il seguito di Black, di T.L.Smith edito da Hope Edizioni, solitamente scrivo le mie recensioni di getto, subito appena finito il mio libro, proprio perché ho bisogno di mettere per iscritto le mie sensazioni a caldo e soprattutto perché non voglio dimenticarmi niente... a differenza delle altre volte, con Red ho avuto bisogno di un po' di tempo per elaborare il tutto...

Per leggere questo libro è necessario aver letto prima Black, perché non si può scrivere questa recensione senza per forza spoilerare qualcosa del primo volume. 
La storia tra Rose e Liam (Black), nasce tra due anime danneggiate. Rose è una mamma a cui viene tolta la custodia della sua bambina a causa dell'uomo di cui si è fidata e ha creduto di amare per tanto tempo, ma che ben presto si è rivelato un mostro portandola persino a diventare una tossicodipendente, ed è cosi che Liam la ritrova dopo tanto tempo. 
Anche Liam è un'anima danneggiata, che nel suo passato ha trovato solo oscurità. Oscurità nei sentimenti, oscurità nel suo futuro, l'unica cosa di cui è certo è che è bravo nel suo terribile mestiere. Tenere in mano una pistola lo calma e lo fa sentire invincibile, perché è l'unica cosa che sa fare bene, senza sbagliare mai un colpo. E questa è l'unica cosa che ricorda. 

Abbiamo lasciato "Black" in un finale con Rose disperata dopo che vengono perse le tracce di Liam, tutti lo credono morto, ma Liam non lo è. Si risveglia in un letto con una donna al suo fianco che gli racconta tutto di lui, compreso di essere la sua fidanzata, Liam crede a quelle parole, perché è l'unica cosa su cui può contare, eppure ben presto si rende conto che ciò che pensava di sapere non torna, è come se tutti sapessero chi è, oltre al Sicario che rappresenta, ma nessuno ha il coraggio o il permesso di dirgli nulla. Persino il suo nome è diverso... Nonostante tutto, questo non gli vieta di ricollegarsi alla vita delle persone che ama, il destino lo porterò a ritrovarsi a un evento "particolare" calamitato dalla voce di una donna, la stessa che sente continuamente nei suoi sogni, e attratto da quegli occhi azzurri e capelli biondi che lo hanno sempre portato a girarsi per strada vedendo donne simili. Non sa chi è quella donna ma il suo cuore nero lo conduce continuamente a lei, fino a quando capisce che anche lei lo conosce e molto bene. Visto che l'evento a cui sta presenziando pare essere proprio un anniversario di morte, con l'inaugurazione di una associazione in suo onore...


Black ritornerà dall'inferno in cui è stato però non sarà più lo stesso, non sarà più il Liam che metteva la sua famiglia al primo posto, perché quella famiglia non la riconosce, la sente ma la vede estranea. Avrà bisogno, prima di tutto, di ritrovare se stesso. Ed è questo che Rose dovrà fare per la seconda volta...

"Come si fa ad amare tanto qualcuno e lasciarlo andare? è possibile non andare in pezzi? Non autodistruggersi?"

La storia tra Rose e Liam sembrerà giunta a un punto di non ritorno, i fantasmi dal passato torneranno a chiederne i conti, il Black temerario ritornerà a farsi strada con tutta la sua prepotenza per vendicarsi di coloro che si sono presi gioco di lui. Riuscirà Black a tornare a vestire i panni di Liam? Questo sarà un lungo cammino. Ho amato molto Black, mi sono un po' persa in Red, ora attendo il capitolo finale per poter mettere la parola "fine" a questa storia. La storia aveva del potenziale che poteva essere elaborato meglio. Eppure continuate a seguirlo perché confido in un capitolo della serie che possa colmare tutti i dubbi e i vuoti lasciati in sospeso.

"Una parte di me vorrebbe poterlo riavere. Lo rivoglio. Non voglio più sentirmi rotta interiormente. Voglio sentirmi me stessa. Invece, tutto quello che provo è per lui.Mi ruba i pensieri. Mi ruba il cuore. Mi ha rubato l'anima."

Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni