RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Non te l’ho mai detto" di Marialuisa Gingilli

Titolo: Non te l’ho mai detto
Autore: Marialuisa Gingilli
Genere: Contemporary Romance
Uscita: 27 Giugno 2019
Editore: Self Publishing
Pagine: 350
Prezzo ebook:  € 2,99
Prezzo Cartaceo: € 14,90
Serie: Under The Irish Sky #2
#1 Solo per me
#2 Non te l'ho mai detto
Numero previsto di volumi della serie: 2 + 2 spin-off


Allontanare Margherita dalla sua vita è sempre sembrata a Joshua l’unica scelta possibile, ma se dopo un anno le loro strade stessero per incrociarsi nuovamente e lui si accorgesse di aver fatto un errore madornale?
Un segreto nascosto per più di trent’anni è pronto a sconvolgere la vita di Susanna, tanto da spingerla a chiedere aiuto a suo cugino e alla sua migliore amica.
Se Joshua non potrà far a meno di lasciarsi risucchiare dalle complicate dinamiche della sua famiglia, Margherita sarà disposta ad avere ancora a che fare con l’uomo che le ha spezzato il cuore?

Marialuisa Gingilli nasce a Roma nel 1983 ed è dal 2008 che vive nella splendida cornice dei Castelli Romani.
Dopo aver trascorso cinque terrificanti anni presso il Liceo Scientifico Statale “Plinio Seniore”, capisce che nella sua vita potrà percorre qualsiasi strada, basta che non abbia a che vedere con le materie scientifiche. Nel 2002, quindi, inizia a frequentare la facoltà di “Lettere e Filosofia”, presso l’Università “La Sapienza”, con il sogno di diventare, un giorno, un’affermata giornalista di cronaca.
Il destino, però, sa essere beffardo ed è così che nel 2006 comincia a lavorare per un’azienda di servizi alle imprese, dove, ancora oggi, i suoi migliori amici sono proprio i numeri.
Impiegata - e mamma dal 2015 - a tempo pieno e da sempre grande appassionata di libri, nel 2017 decide per gioco di lanciarsi nella stesura del suo primo romanzo, scoprendo così che l’amore per la scrittura non l’ha mai davvero abbandonata.
“Solo per me” esce il 6 dicembre 2018 in self publishing.
È di febbraio 2019, invece, la pubblicazione di “Se fosse Amore?”, raccolta di dodici racconti firmata assieme a Giusy Moscato, Martina Pirone e Melissa Pratelli.

Buongiorno lettori, ho avuto il piacere di leggere in anteprima il romance Non te l’ho mai detto di Marialuisa Gingilli, il secondo volume della serie Under The Irish Sky, e finalmente ho potuto continuare a leggere una storia che mi era piaciuta e che mi aveva lasciato in sospeso, con la curiosità di sapere che cosa era accaduto a Susanna. Se volete leggere la recensione del primo volume, Solo per me, la trovate sul blog (QUI).
Già nell’epilogo del primo volume sapevamo che i protagonisti, Margherita e Joshua, non si vedevano da mesi, e in questo romanzo si rincontrano dopo un anno. Per chi ha letto “Solo per me” (e consiglio di leggerlo a chi non l’ha ancora letto), sa che entrambi hanno in comune Susanna (la cugina di Jousha e migliore amica di Margherita) ed è proprio a causa dell’affetto che Margherita prova per lei che sarà costretta a rivedere Joshua in una circostanza drammatica e dolorosa che riguarda la famiglia dei due cugini.
Margherita scrive per il giornale Galway Bay Telegraph e, mentre sta lavorando su un articolo di cronaca, riceve la telefonata del fratello di Joshua: deve recarsi a Derry perché Susanna ha bisogno di lei.
Ovviamente Margherita non si tira indietro, pur sapendo che incontrerà Joshua, e l’incontro dei due protagonisti non sarò per niente idilliaco. Margherita è ancora molto ferita per il comportamento del ragazzo e non farà nulla per nasconderlo.

Perfetto. Non appena aveva incrociato il mio sguardo, Margherita aveva smesso di ridere. Incoraggiante, non c’era dubbio. Non che mi aspettassi che si comportasse come se niente fosse mai accaduto tra noi, ma neanche che il fastidio nel vedermi fosse tale da indurle un simile cambiamento nell’umore.

Da questo momento in poi, lei si troverà coinvolta in un segreto che riguarda la famiglia di Susanna e, quando l’amica le chiede di passare l’estate a Derry con lei, perché le serve il suo aiuto, Margherita non riuscirà a rifiutarsi, consapevole che dovrà passare l’estate non solo con lei ma anche con Joshua.

«’Sei la mia persona’ e non ti abbandono… okay.»
Non servì dire altro. Susanna mi si lanciò addosso, cominciando a piangere come una bambina e ripetendomi un grazie dietro l’altro.
Per fortuna la giornata si avviava alla sua conclusione. Ero stravolta fisicamente ed emotivamente. Avevo bisogno di far chiarezza tra i pensieri, rielaborare le ultime novità e decidere la linea da tenere con Joshua. Dopodiché, non mi restava che sopravvivere a un’intera estate con lui.
Una passeggiata, no?

Passare l’estate insieme permetterà ai due protagonisti di riavvicinarsi e, fra battibecchi e scene divertenti, alternate alle ricerche che svolgeranno per scoprire il mistero che riguarda la famiglia dei cugini, riusciranno a chiarirsi e riscoprirsi.
Torneranno finalmente insieme o continueranno a punzecchiarsi? Non vi resta che leggere il romanzo per scoprirlo.

Il testo è scritto bene e ho trovato gli avvenimenti di “Non te l’ho mai detto” raccontati in modo più “leggero” (ma non superficiale, ci tengo a sottolinearlo) rispetto a “Solo per te”. Nel primo volume l’autrice ci ha mostrato una protagonista nella fase della sua crescita, ci ha raccontato la vita di una ragazza che doveva affrontare diversi problemi familiari ed era imprigionata in una relazione che non faceva per lei. L’incontro con Joshua le aveva messo di fronte tutte le sue fragilità, e il testo presentava diversi momenti di riflessione ed era una scrittura più intimista rispetto al secondo volume.
Nel seguito, Margherita è cresciuta e l’autrice è riuscita a portare avanti la storia con intelligenza, mostrandoci una protagonista diversa, una ragazza che ha sofferto ed è caduta ma si è rialzata più forte di prima. Nonostante la sua famiglia non sia cambiata, e le provoca sempre dolore, lei ha trovato se stessa ed è soddisfatta della vita che si è costruita. L’ho trovata più matura e, come mi aspettavo, molto diffidente nei confronti di un ragazzo che l’ha fatta soffrire. È un personaggio davvero costruito bene, in cui è facile rispecchiarsi.
L’unica nota dolente per me è solo il motivo per cui Joshua si era allontanato da lei. L’ho trovata immatura come giustificazione, per un uomo di trentacinque anni. Mi aspettavo che la sua spiegazione fosse meno infantile, ma durante la narrazione si è saputo riscattare ed è riuscito ad aprirsi con Margherita e a comportarsi in modo responsabile. 
In conclusione, posso dirvi che l’autrice ha scritto un romanzo romance con tutti i cliché del rosa, ma con una trama che vi incuriosirà e che non vi deluderà. Ci sono dei momenti molto commoventi e teneri, scritti con uno stile semplice e moderno, dove l’amore, l’amicizia, la famiglia sono al centro della narrazione.
Faccio i complimenti all’autrice per essere riuscita a scrivere un seguito tenendo sempre viva l’attenzione del lettore. Non è facile scrivere una serie con gli stessi protagonisti, c’è sempre il rischio di annoiare e magari di deludere le aspettative. Non è il caso di questo romanzo. Però, mi permetto di fare una piccola critica: in alcuni punti forse si poteva dare più ritmo alla narrazione, tagliando il superfluo. A volte c’è un po’ di lentezza che contrasta con i dialoghi frizzanti che ci sono in alcune scene.

Consiglio la lettura di questa serie a chi ama le storie d’amore a lieto fine, con personaggi che entrano nel cuore e che non dimenticherete facilmente. Il finale è davvero emozionante e vi suggerisco di preparate i fazzolettini perché ne avrete bisogno. 

Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni