BLOG TOUR " Dimness – nella penombra" di Alessandra Paoloni I PERSONAGGI



Titolo: Dimness – nella penombra
Autore: Alessandra Paoloni
Editore: Delrai Edizioni
Genere: paranormal romance mistero
Collana: Vega
Progetto: Cose strane
Formato: ebook
Pagine: 100
Prezzo: 2,99 (offerta lancio 1,99 solo per il primo giorno)










I personaggi 
Nella prima tappa del blogtour abbiamo parlato della struttura di un racconto e delle sue caratteristiche, menzionando anche la parte relativa ai personaggi. In un racconto, per via della sua brevità, i personaggi sono davvero pochi. Quelli principali sono importanti per la trama mentre quelli secondari svolgono ruoli di comparse ma comunque funzionali alla trama stessa. Conosciamo insieme alcune “personalità” di Dimness... 


Il Professor Frank White Wood, esperto in arte occulta. «Stanotte rimanderemo quel demonio nell'abisso dal quale è risorto, signori miei!» Questo personaggio, il primo a parlare nel racconto tra l'altro, l'ho ricalcato sul più celebre Van Helsing. Cacciatore di vampiri, un poco fuori dall'ordinario ma coraggioso, sarà protagonista delle scene più movimentate e misteriose. 




Dorian Eliot Il lui della storia. Incarna l'eroe romantico, che tanto piace alle lettrici di questo genere. Mentre scrivevo ho tenuto bene a mente la figura di Matthew Mcfayden in Orgoglio e pregiudizio a causa dei suoi occhi chiari e dello sguardo bellissimo e profondo: Si ritrovò ancora una volta gli occhi chiari e profondi di Mr Eliot addosso e, giudicandoli così belli, non si sentì in diritto di biasimare Miss Cavendish per esserne stata avviluppata tanto in fretta. Dorian è costretto a credere nel paranormale e a farci i conti, anche se avrebbe preferito vivere una vita tranquilla... come non essere d'accordo? 




Eleanor Cavendish. Cresciuta nella immensa tenuta di Landlord, lontana dalla società londinese, è perseguitata dagli incubi a causa della morte misteriosa di sua madre. È una ragazza innocente che non sa quasi nulla del mondo. Nel racconto è lei che rappresenta la componente romance anche se, in realtà, non sa nulla nemmeno dell'amore. Ci sarà un piccolo fraintendimento che la farà vacillare ma si sa... l'amore più complicato è quello più bello. «Non cambia le cose. Lui era lì quella notte, al capezzale di mia madre, mentre lei moriva, mentre quel professore la uccideva anziché salvarla. E Dorian magari si trovava d'accordo nell'ammazzarla piuttosto che provare a somministrarle una cura diversa» 




Lydia Clark, la governante di Landlord è l'angelo custode di Eleanor. Un personaggio onnipresente che determina anche una chiave di svolta importante per la ragazza. Mamma protettiva, conosce più cose dei Cavendish stessi. Forse uno dei personaggi ai quali mi sono affezionata di più. «Ed Eleanor? Cosa le direte? Perché dovrete essere sincero con lei, se desiderate frequentarla. Vi hanno veduti, ieri sera, parlare da soli in giardino. Perché credete che io sia arrivata dal nulla? Dovreste sapere quanto le chiacchiere possano trasformare un piccolo granello di sabbia in un immenso deserto nella manciata di poche ore. Lei deve sapere. Non tollererò che le vengano dette altre bugie. Miss Cavendish fa incubi su quella notte perché non ne ha mai capito il senso. Non si è mai rassegnata all'idea di scoprire come sua madre sia morta realmente.» 


Lo straniero. Eccolo, il misterioso personaggio che il lettore vedrà soltanto attraverso gli occhi degli altri personaggi. Comparirà per creare scompiglio, sia in passato che nel presente. «Ho visto, o creduto di vedere, un uomo... uno straniero... nei giardini di Landlord.» «Che tipo di uomo? Lo avete visto in volto?» Herbert si avvicinò e l'espressione eccitata che Lydia scorse sul suo viso non le piacque per nulla. «No... ma ricordo bene che indossava un cilindro scuro e un abito grigio.» Avete visto il film di Coppola, Dracula di Bram Stoker? Non aggiungo altro. Poi ci sono Herbert Marshall, Lord Percy Cavendish, Beth Salinger, le due domestiche Olivia e Loreen... insomma pochi personaggi sì, ma non troppo.

Buona conoscenza!


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni