REVIEW PARTY - RECENSIONE "Tutto il tempo tra noi" di Sara Purpura

Titolo: Tutto il tempo tra noi
Autore: Sara Purpura
Editore: Mondadori
Genere: Young adult
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 8,99 €  / 14,45 €
Data pubblicazione: 25 giugno 2019
Pagine: 240
Serie: La storia di Des e Ana  #3


L'ultimo emozionante capitolo della storia d'amore tra Desmond e Anais.

Fanno parte dell'emozionante storia di Des e Ana:
Tutto il tempo del mondo 
il raccontino gratuito Tutto il tempo del mondo e poi...
Tutto il tempo con te
Tutto il tempo tra noi 

Vorrei chiamare Anais. Lei non sa nulla, non può immaginare cosa è successo in questa stanza pochi minuti fa. Ho bisogno di aggrapparmi a lei perché sto vacillando, ma so che devo fare questa cosa da solo.
A bussare alla porta di Des, aiutato da una persona che così facendo ha tradito la sua fiducia, è una figura di un passato lontanissimo, che lui aveva cercato di lasciarsi alle spalle anni prima, tanto grandi erano stati la sofferenza e il dolore che gli aveva provocato. Ma adesso, l'orco che ha popolato i suoi incubi di bambino è tornato a ricordarglieli uno per uno. E allora, come ha sempre fatto fino a ora, Desmond si convince che il modo migliore per affrontare la situazione sia non coinvolgere in questa vicenda morbosa le persone che più ama, in particolare Anais. Infatti è deciso a lasciarla fuori dalla sporcizia che un tempo lo ha travolto, anche perché non è del tutto certo che la sua ragazza sia così forte da raccogliere i mille frammenti in cui sta per esplodere.
Anais, però, è determinata. Forse, per la prima volta nella sua vita, non intende lasciare decidere ad altri cosa sia meglio per lei. Sa che in questo momento Desmond ha bisogno di fiducia e spazio e, nonostante le costi uno sforzo sovrumano stargli lontana per più di qualche ora e per quanto la mente viaggi e i brutti pensieri siano pronti ad aggredirla appena abbassa la guardia, è disposta a concederglieli. Di una cosa è certa: vuole esserci. Vuole essere forte. E se non lo è abbastanza, vuole diventarlo. Vuole che Des in lei veda il rifugio dove trovare riparo. Perché quando tutto è avvolto nel caos e nella tempesta, solo la forza di un amore potente, non convenzionale e autentico come il loro può condurre alla salvezza.

Sara Purpura, classe 1981, palermitana, scrive, legge e ama. La sua vita si ciba di questo. Autrice self-published di romance contemporanei per adulti, con “La storia di Des e Ana”, di cui Mondadori ha pubblicato nel 2018 il primo volume, Tutto il tempo del mondo, firma la sua prima trilogia young adult.


Buongiorno lettori, oggi vi parlo di Tutto il tempo tra noi, il terzo volume della serie La storia di Des e Ana scritto da Sara Purpura, pubblicato da Mondadori.
Ho letto questa serie dal primo volume (sul blog trovare le altre recensioni) e ho avuto il tempo di conoscere i protagonisti Des e Ana e di affezionarmi a loro. Ho avuto il piacere di scoprire, tramite la penna delicata dell’autrice, una storia coinvolgente dove i tempi trattati sono diversi e attuali. 
La famiglia è il punto di riferimento di tutti noi, soprattutto quando si è adolescenti, e se la famiglia è assente o non riesce per diversi motivi a non essere un punto di riferimento positivo per un figlio, le conseguenze possono essere davvero tragiche. 
In questo terzo volume l’autrice svela tutto l’orrore del passato di Des. Ci mostra, tramite i punti di vista dei due ragazzi, il dolore e la fragilità che Des ha sempre cercato di nascondere dietro alla sua aggressività, e la forza che Ana invece non credeva di avere, perché era bloccata dalla sue debolezze e dalle sue paure.

"Ci siamo appena ritrovati, accidenti! E sono sempre stato io il più forte dei due. Adesso mi ritroverà a pezzi, e non so che impatto potrà avere sulla nostra storia."

L’impatto che questo cambiamento ha sulla loro storia è soltanto positivo. Grazie a questa trasformazione e maturazione i due ragazzi riusciranno a trovare un nuovo equilibrio. Riusciranno ad affrontare il passato e a vivere il presente con le mille difficoltà che li attendono, per poi arrivare mano nella mano al tanto agognato lieto fino. Un lieto fine dove il futuro non li spaventa più, e che lascia sicuramente speranza nel cuore di chi legge. 

Come ho già scritto nelle altre recensioni, mi piace molto lo stile di Sara Purpura. Scorre talmente bene che leggi senza fatica, regalandoti emozioni continue. Tratta temi delicati e dolorosi, dove la famiglia, la sofferenza, l’amicizia e l’amore sono al centro della narrazione. Questo terzo romanzo è la conclusione di una trilogia che mi ha regalato sicuramente tante emozioni e la penna di Sara, nonostante i temi trattati, non è mai stata pesante, l’ho sempre trovata molto delicata ed elegante. In questo volume alcune scene sono forti, ma in parte me le aspettavo (visto il passato di Des), invece alcune scelte mi hanno sorpreso, e mi hanno fatto nascere diversi dubbi e riflessioni: la violenza non è un comportamento orribile anche se spinto dalle migliori ragioni? La violenza è sempre la soluzione sbagliata, trovo difficile comprendere alcune scelte in una lettura che si rivolge soprattutto ai ragazzi giovani. I personaggi creati dall’autrice sono riusciti a trovare la forza nelle proprie debolezze. Hanno capito che comprendere se stessi è la base per riuscire a costruire relazioni profonde e sincere. Non si sono fatti annientare da un passato violento e doloroso, ma hanno fatto un percorso e una crescita che li ha resi dei personaggi che possono essere un esempio positivo per molti giovani lettori. Per questo trovo difficile accettare una soluzione violenta (non dico quale per non fare spoiler) in questa storia. 
So che non tutti la penseranno come me, ma la mia è solo una semplice opinione di una lettrice qualunque. 

In conclusione vi consiglio di leggere la storia di Des e Ana perché in tutti i volumi ci sono molti spunti su cui tutti possiamo riflettere e tanti messaggi positivi. Uno fra questi è il modo con il quale ci approcciamo alle persone che non conosciamo. L’aggressività spesso nasce per nascondere ferite profonde, anche la timidezza può nascondere disagi e insicurezze. A volte giudichiamo le persone con troppa superficialità o ci arrendiamo subito se dall’altra parte troviamo un muro, che di solito viene eretto solo per protezione. Raccontando la storia di Des e Ana, Sara ci insegna che bisogna andare oltre, avere coraggio e non arrendersi mai. Se loro non fossero andati oltre, non si sarebbero mai scoperti e amati. Invece non si sono arresi e si sono resi conto che l’amore può davvero essere più forte di qualsiasi cosa. Questo è un messaggio molto positivo che sicuramente rimarrà nel cuore di chi leggerà questa trilogia. E poi sono certa che ognuno di voi si emozionerà in maniera differente. Ma la scrittura e la lettura ci permettono sempre di incontrare persone diverse da noi. Confrontarsi con chi la pensa diversamente può solo aiutarci a crescere e a renderci migliori. A volte lo dimentichiamo e invece bisognerebbe non scordarlo mai.

Buona lettura.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni