RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Maledetto Natale" di Mariella Mogni

Titolo: Maledetto Natale
Autrice: Mariella Mogni
Editore: ErosCultura
Genere: Erotico
Prezzo ebook: 3,99 €    
Data pubblicazione: 1 dicembre 2017
Pagine: 170
ORDER


Come dovrebbe essere una storia d’amore tra una donna e un uomo? Certo, ognuno di noi avrà la propria risposta, ma siamo sicuri che la maggior parte risponderebbe: dolce passionale, commovente. Qualcuna/o aggiungerebbe: impetuosa, carnale, a tratti feroce. Mariella Mogni ci dona tutti questi ingredienti per una straordinaria cena di Natale. Ed è proprio a pochi giorni dal Natale che il romanzo prende le mosse.  Federica, sola e amareggiata, ripercorre gli ultimi otto mesi, segnati dalla sua storia con Michele. Un amore nato per caso, su un treno, e sballottato da una città all’altra in cerca di un difficile equilibrio. È stato facile per entrambi abbandonarsi a una passione travolgente, assoluta, di quelle che lasciano i segni sul corpo e riempiono il cuore di speranza. Ma la storia di Federica e Michele non sembra essere nata sotto i migliori auspici e lei non riesce ad adattarsi al ruolo di amante di un uomo sposato, legato da obblighi e sensi di colpa a una donna che non ama più. Per questo si prepara a trascorrere il Natale da sola. Il maledetto Natale delle amanti, delle donne costrette a ripetere “Scegli, o me o lei” Quante donne e uomini si ritroveranno in Federica e Michele, quanti soffriranno per i contrasti, le liti, le discussioni. E quanti si ecciteranno per la passione che cola come miele da queste pagine così ben scritte, perché un amore senza passione e carne, si chiama amicizia.
ADATTO A UN PUBBLICO ADULTO
                                               

Mariella Mogni è nata e vive in provincia di Firenze, con il marito, il figlio e un gatto. Laureata in lettere, con una tesi su Giacomo Leopardi, si ritiene una casalinga felice e realizzata. Ama cucinare, occuparsi della propria famiglia ed è una lettrice accanita. Nei suoi romanzi predilige approfondire il lato psicologico dei personaggi raccontando storie spesso scomode anche se profondamente legate alla vita di tutti i giorni. Curiosa e riflessiva per natura, pone al centro della narrazione i rapporti di coppia mettendone in luce le dinamiche e le contraddizioni. Pur scrivendo da sempre, ha iniziato a pubblicare solo a partire dal 2015 quando ha partecipato al secondo concorso “Entra anche tu in Sperling Privé”, indetto dalla casa editrice Sperling & Kupfer, aggiudicandosi il primo posto con “Concerto a due voci”, il suo primo romanzo erotico, pubblicato nel febbraio 2015. A questo è seguito “Oltre l’amore” sempre per la collana digitale di Sperling, uscito nel luglio 2015. Nel 2016 è approdata alla collana YouFeel di Rizzoli pubblicando quattro romanzi anch’essi appartenenti al genere erotico: Peccati di famiglia (luglio 2016), I nostri incontri proibiti (ottobre 2016), La donna di tutti (febbraio 2017), Sarai il mio giocattolo (luglio 2017).
Maledetto Natale segna il suo esordio con la Casa editrice Eroscultura.

Cari lettori, sono molto felice di potervi parlare in anteprima di questo libro: Maledetto Natale, scritto da Mariella Mogni e pubblicato da ErosCultura.

Vi avviso che questo è uno di quei libri adatto a un pubblico adulto, in ogni senso, non solo per l’erotismo di cui è impregnato, ma anche perché ci fa addentrare nella mente di una donna adulta che vive, cambia, ama e soffre in maniera totalizzante.

Questa donna è Federica, che alle porte del Natale si trova a riconsiderare tutta la sua vita che nell’ultimo anno è stata completamente stravolta. Un incontro, del tutto inaspettato, avvenuto qualche mese prima sul treno, le ha aperto gli occhi, le ha fatto desiderare di più.

“Non credevo all’amore a prima vista, mi sembrava una di quelle insulsaggini buone per i romanzi rosa che avevo tradotto all’inizio della mia carriera ma assolutamente impossibile nella vita reale. Eppure ero certa di amarlo, l’avevo riconosciuto come una parte fondamentale di me, l’avevo percepito con la stessa intensità con cui sentivo battere il cuore, ma non trovai il coraggio di confessarlo.”


Federica dopo aver incontrato Michele si riscopre bisognosa di un amore vero, quello che un uomo come lui può darle. Quei sentimenti le danno la forza per dare una svolta definitiva alla sua vita, ma Michele non è libero di amarla come vorrebbe. La sua situazione è decisamente complicata, è sposato e non può separasi facilmente dalla moglie. Federica e Michele provano a vivere il loro rapporto al massimo, si amano di una passione senza confini, senza pudore, senza freni. Le difficoltà, però, sembrano insormontabili e la rottura l’unica soluzione. Lei non vuole essere l’altra, lei vuole essere l’unica.


“Vorrei smettere di amarlo , vorrei che la nostra relazione si trasformasse presto in un altro ramo secco, qualcosa da tagliare senza rimorsi con un paio di robuste cesoie.”



“Riempivo le mie giornate di riflessioni e di giustificazioni, se avessi scrutato il mio cuore in profondità, avrei dovuto ammettere che non riuscivo a tollerarlo quel ruolo di amante. Mi sentivo vittima di un’ingiustizia, scaraventata in una situazione che non avevo la possibilità di modificare.”



A ridosso del Natale Federica tira le somme su se stessa, sulla donna che è diventata e su quello che vuole. Le circostanze fanno sì che lei si trovi completamente sola durante le feste, ed è questo il momento buono per capire e agire.


Questo libro ci racconta la storia di Federica, una donna che dopo anni si ribella a una vita in cui non si riconosce per provare a  meritare un amore passionale e completo. La vita la cambia, da donna remissiva e docile, diventa egoista, vendicativa. 
Questo è il retaggio che le ha lasciato il passato, ma lei vorrebbe un nuovo futuro. La situazione con Michele sembra sempre più a rischio e non fanno altro che ferirsi a vicenda. Ma non possono vivere l’uno senza l’altro. Dove li porterà questo amore?

“Adesso ho cancellato tutto. Adesso associo la parola amore a termini meno poetici: gelosia, egoismo, dolore, rancore, ma questo non significa che abbia smesso di amarlo.”


La psicologia dei personaggi è molto approfondita, conosciamo intimante Federica, tutti i suoi sentimenti, i suoi pensieri. Ci facciamo un’idea precisa anche di Michele, tramite gli occhi della protagonista. La narrazione infatti è in prima persona proprio per permetterci di entrare in intimo contatto con l’anima e la mente di Federica. Tra i ricordi del passato e repentini ritorni al presente, siamo spettatori della storia di Federica e del suo amore per Michele. Lo stile dell’autrice è incalzante, avvolgente, profondo, preciso e suggestivo nel presentarci tutte le sfumature di un sentimento che ti travolge, ti cambia e ti entra dentro senza permesso

La storia d’amore è intensa, lacerante, vitale. Le scene di sesso sono fondamentali per capire al meglio le dinamiche della coppia ed è il modo che loro usano per estraniarsi, per qualche momento, dai problemi e vivere in una dimensione speciale, dove niente può toccarli. Per loro il sesso è unione, catarsi, purificazione.

“In quel momento sentii che anche i nostri cuori erano profondamente intrecciati e che il sesso, per quanto sublime, non era che una delle componenti di un’unione che sarebbe stata perfetta, se solo avessimo potuto viverla alla luce del sole.”

C’è davvero molto erotismo, ma non mi è affatto risultato volgare. Avrei preferito che non venissero usate alcune parole, che per fortuna compaiono poco, ma oltre questo, l’autrice è stata davvero brava a non cadere di stile durante la descrizioni dei momenti più erotici. Attraverso il sesso ci viene descritta la parte più intima e primitiva di Federica e Michele e della loro storia, che è di totale appartenenza e devozione.
Un bellissimo libro che mi ha tenuta avvinta alle pagine e che ho divorato. Se volete un assaggio dell’amore in tutti i suoi colori e sfaccettature vi consiglio questo libro che merita un 5/5.

Buona lettura!


Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni