RECENSIONE "Stalked" di Amélie

Titolo: Stalked
Autrice: Amélie
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico/Dark
Prezzo cartaceo : 11, 23 €
Prezzo ebook: 2,99 € / KU
Data pubblicazione: 13 Aprile 2017
Pagine: 242
Serie: Dark Love Series
#1 Stalked
#2 Taken    (Aprile 2017)
#3 Saved    (5 Giugno 2017)
#4 Marked  (1 Settembre 2017)


COSA SUCCEDE QUANDO IL DESIDERIO SI TRASFORMA IN OSSESSIONE?
Luana Davies è una splendida ragazza di vent’anni, che lavora come cameriera in un locale dell’East End londinese. La sua vita scorre tranquilla e indisturbata, finché, in una serata di lavoro come tante altre, non incontra Adrian Hamilton. Lui rimane folgorato dalla bellezza prorompente di Luana e in particolar modo dai suoi occhi unici, viola come il settimo colore dell’arcobaleno, e si rende conto che non troverà pace finché non l’avrà posseduta. Luana, sebbene non indifferente al fascino di Adrian, non gradisce i suoi modi arroganti e insistenti e in più, non può ignorare la minaccia inequivocabile che aleggia nel fondo di quegli occhi grigi, in grado di manipolare le sue emozioni. Ecco perché decide di stargli alla larga, respingendo le sue avances. Adrian non è abituato ai rifiuti e quello di Luana innesca in lui una reazione estrema: inizia a seguirla, minacciarla, perseguitarla in modo sempre più aggressivo, mostrandole di essere disposto a tutto pur di vederla piegarsi al suo volere. La vita della ragazza si trasforma in un vero e proprio incubo e la paura diventa una realtà con la quale è costretta a confrontarsi continuamente. Adrian le ha messo un cappio intorno al collo e ogni giorno lo sente stringersi un po’ di più: quanto tempo ci vorrà prima che soffochi? Nessuno può aiutarla a liberarsi del suo stalker, l’uomo più folle e crudele che abbia mai conosciuto. Lui ha iniziato questo gioco perverso e lei è l’unica in grado d’interromperlo. Dovrà solo pronunciare le parole magiche ‘prendimi, Adrian’ e finalmente sarà libera. Lo farà, ritrovando la quiete nella sottomissione, oppure escogiterà un altro modo per scappare dalla gabbia che la tiene prigioniera?
Stalked è il primo volume della ‘Dark Love’ Series. 
** ATTENZIONE **
Contiene scene che potrebbero urtare la sensibilità delle persone.


Cari lettori, ho letto per voi Stalked di Amélie, primo volume della Dark Love Series. Dal titolo si può intuire il tema trattato, un tipo molto aggressivo di stalking.
La nostra protagonista, Luana, lavora in un caffè e viene notata da Adrian, un uomo molto bello e magnetico. Luana, dato il suo lavoro, è abituata a gestire le avances e non ne è interessata, ma con Adrian è diverso. Si sente attratta da lui, ma allo stesso tempo è spaventata dai suoi atteggiamenti. Adrian, a causa dei rifiuti della ragazza,  sviluppa un’ossessione per Luana e per i suoi rarissimi e bellissimi occhi viola, diventa un cliente fisso del locale e una presenza costante e ingombrante nella sua vita. Luana sempre più spaventata non sa come comportarsi e, quando lui comincia a minacciare ciò che di più caro, si sente in trappola. Le uniche parole che possono porre fine all’incubo sono

“Prendimi Adrian”, così che lui possa averla una volta, una soltanto, per poi sparire.
“Io ho iniziato il gioco, ma tu hai il potere di fermarlo. Ti basterà pronunciare due semplici parole: prendimi, Adrian.”

Ma c’è da fidarsi? Può Luana concedersi a un uomo del genere?
Questa storia tratta un tema molto sensibile e attuale, lo stalking. In questo caso è estremizzato a tal punto che mi sono chiesta: ma è possibile arrivare a tanto? Non lo so…voglio credere di no. Il personaggio di Adrian mi ha inquietato, si sa far odiare con estrema facilità. È uno sceneggiatore, un burattinaio capace di manipolare tutto e tutti e creare le situazioni a lui più confacenti. Luana prova a reagire ma entra in uno stato di inevitabile paranoia  che condiziona tutta la sua vita.

“ «Ascoltami bene, Luana. Da questo momento in poi, io ti accompagnerò in ogni tuo passo, in ogni tuo gesto; mi vedrai in ogni immagine che i tuoi occhi coglieranno, anche se non ci sarò fisicamente. M’insinuerò in ogni tuo discorso, in ogni tuo pensiero; scorrerò nelle tue vene insieme al sangue, controllando il tuo cuore; ogni volta che inspirerai, avvertirai il mio profumo nell’aria. Mi troverai nella luce del giorno e nell’oscurità della notte, in ogni lacrima e goccia di sudore che verserai, in ogni sorriso che farai e in ogni sensazione che proverai. Ovunque tu sarai, io starò al tuo fianco. Sempre». Le sue parole sono qualcosa che non dimenticherò mai.”


L’ansia e la paura sono all’ordine del giorno. Luana non sa mai cosa possa inventarsi Adrian per convincerla a cedere.
Tutto il libro è incentrato sulle azioni di stalking di Adrian e su Luana che a volte subisce e altre tenta di ribellarsi. Oltre che angoscia, questa storia mi ha fatto provare rabbia perché niente e nessuno sembra poter aiutare Luana. Un po’ esagerate mi sono parse le azioni di Adrian, che comunque rimanevano coerenti con il suo personaggio disturbato fuori da ogni controllo, morale e stereotipo di uomo.

“«Tu non hai idea dell’odio che provo per te, Adrian». «L’odio è un sentimento molto forte, come l’amore». «Tu non sai che cosa sia l’amore». «È vero. L’ho chiuso fuori dal mio cuore molti anni fa, insieme a tutti gli altri sentimenti positivi». «Allora mi fai pena, Adrian, perché sei un uomo vuoto».”

Vi avverto che è un libro abbastanza forte da leggere, con personaggi complessi e difficili da gestire. Non ho compreso la natura di questa ossessione e la sua nascita, sinceramente non sono riuscita a spiegarmela. Ho apprezzato la resistenza di Luana e i suoi tentativi di porre fine alla follia di Adrian. Ho trovato una protagonista che non cade vittima del fascino del suo aguzzino, o meglio, riconosce la sua prestanza fisica e la sua bellezza, ma la paura è più forte dell’attrazione. È sempre molto combattuta perché i loro contatti fisici le provocano piacere e terrore allo stesso tempo.


“Appena i nostri sguardi s’incatenano, la sua bocca si fionda sulla mia, bollente, avida e pretenziosa. Non aspetta che sia io a schiudere le labbra per accoglierlo. È lui che si apre un varco con la forza, intrecciando la lingua alla mia e dimostrandomi che non è avvezzo a chiedere. Afferra ciò che vuole e lo trasforma in una sua proprietà, sulla quale nessun altro può mettere le mani. Quello che possiede è esclusivamente suo e che io lo voglia o no, con questo bacio violento, carnale come il sesso ed emozionante come l’amore, io mi sento esclusivamente sua. Questo bacio è il calore caustico che mi scioglie la pelle, il ghiaccio aspro che mi solidifica il sangue nelle vene e io rispondo a esso, restituendogli ogni movimento di labbra, ogni colpo di lingua, ogni morso, ogni gemito con la stessa brutalità.”

La scrittura è corretta e incalzante e la narrazione in prima persona dal punto di vista di Luana ci fa provare tutti i suoi stati d’animo.
Valuto questa storia con 4 libri, perché non sono riuscita a spiegarmi alcune cose, le ho dovute prendere così com’erano, e perché ho trovato alcune situazioni troppo esagerate, dovute alle grandi possibilità di cui dispone Adrian, ma comunque eccessive. Nella vita reale le persone comuni che attuano e subiscono stalking non hanno spesso molte risorse economiche da arrivare a tanto, quindi avrei preferito un racconto più realistico. Tirando le somme, questo è un dark erotico, quindi preparatevi a scene che potrebbero turbarvi e lasciarvi interdette, non è un soft dark romance, è abbastanza duro anche a livello psicologico. Ne consiglio una lettura consapevole.
Cosa succederà nel prossimo volume?
Ci aggiorniamo presto, intanto buona lettura!



Commenti

  1. E chi mai se lo aspetterebbe...
    Un libro crudo e , allo stesso tempo, surreale.
    Un libro che racconta una realtà che però viene guidata dal destino.

    La storia parla del nostro piccolo fiore viola, Luana.
    Che , diversa come non mai, è stata forte e ha combatutto.
    Un esempio , secondo me , da imitare.

    Dopo me si terribile tortura mentale, La giovane si lascia andare al diavolo.
    Il diavolo la ricatta, ma lei non cede.
    Fino al momento nel quale , un amore fraterno e fedele, viene messo in mezzo.

    Ying e Yang.
    Acqua e fuoco.
    Bianco e nero.
    Angelo e demone.

    Ecco come si posso descrivere i due protagonisti.

    Anche se all'inizio questa storia non mi convinceva molto, con il tempo , e con un paio di notti insigni, questo libro mi ha rapita.
    Mi ha fatto tremare di ogni emozione provata da la protagonista.

    Ma il finale...
    Quello mi ha istigato ancora di più alla ricerca di un sequel.

    Se lo consiglierei?
    Si.
    Però lo consiglierei a chi so tenere testa a le emozioni sprigionate da tutti ciò.
    Un libro pieno di bugie, dolore, passione, confusione e , anche se celato dal nostro Adrian, amore.

    Amore.
    Una parola, cinque lettere e tre vocali.
    Una semplice parola, un significato infinito.

    Ora l'unica cosa che mi resta da fare e vedere se il continui mi rapisca con lo stesso possesso del prima.

    Però lo consiglio al 99% .
    Il 100% lo scriverò solo alla fine della serie , se mai mi acarezzera con interesse.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Un tè con Mrs. Brown" di Simona Fruzzetti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey