RECENSIONE "La Felicità ha i tuoi Occhi" di Chiara Trabalza

Titolo: La felicità ha i tuoi occhi
Autore: Chiara Trabalza
Editore: Self Publishing
Genere: Contemporary romance
Prezzo ebook: € 1,99
Prezzo cartaceo: (per adesso solo formato ebook, prossimamente, a breve, anche cartaceo)
Data pubblicazione: 29 novembre 2017
Pagine: 272
Serie: autoconclusivo



Sara è una donna in fuga. Scappa da un amore sbagliato, fatto di soprusi e di violenza, ha lividi sul corpo e ferite nel cuore. Cerca un modo per ricominciare a vivere e tornare a sorridere. Per farlo si rifugia in un piccolo borgo sul mare, circondata dall'affetto di sua cugina e dei suoi zii, che gestiscono un ristorante. E proprio qui, Sara conosce Michele, un uomo rude e schivo, scorbutico e pungente. Tra i due sono subito scintille. Non si sopportano, sono agli antipodi e non perdono occasione per litigare. Eppure non possono evitarsi, perché Michele è lo chef del ristorante e dovrà insegnare a Sara i trucchi del mestiere. Tra litigi, battibecchi e divertenti schermaglie, tra un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, Sara e Michele finiscono per innamorarsi. Ma il passato torna a bussare alla porta. Non è facile guarire le cicatrici dell'anima, ci sono ferite che fanno ancora male. Sara ha troppi lividi e troppa paura. Michele ha lottato tutta la vita e nasconde un grande dolore. Entrambi hanno un passato doloroso alle spalle e ricordi da cancellare. Ma il destino riserva delle sorprese inaspettate e rimescola le carte. Perché niente è facile, ma tutto è possibile. Si può sempre ricominciare, basta crederci. E la vita, qualche volta, regala una seconda occasione.
Una storia d'amore e di passione, divertente e ironica, deliziosa come una favola. Un romanzo profondo, intenso, commovente. Un amore che profuma di mare, di sogni e di cioccolato.

Nulla è facile
Ma niente è impossibile.
Perché il lieto fine qualche volta esiste davvero, non solo nelle favole.


Chiara Trabalza vive a Roma, dove è nata e cresciuta. Laureata in Psicologia, mamma di due bambine, è una scrittrice accanita, di formazione classica. Ha una passione sfrenata per la fotografia, i gatti e il mare. Adora la pizza e i dolci.

Altre pubblicazioni dell'autrice:
Nel 2014 esce il suo romanzo d'esordio "Il volo delle lanterne" pubblicato da Eden Editori.
Nel 2015 pubblica "Il mio imprevisto più dolce" con la casa editrice Lettere Animate.
Nel 2016 esce "Lieve come la neve", edito sempre da Lettere Animate.
Nel 2017 "Il profumo dei fiori di ciliegio", il suo primo romanzo in self publishing
I libri dell'autrice sono disponibili in tutti gli store, sia in ebook che in formato cartaceo.


Ben trovati cari Lettori e Lettrici, oggi vi parlo di La felicità ha i tuoi occhi di Chiara Trabalza, un romanzo davvero dolce e delicato.

Sara è una giovane donna che purtroppo si trova a dover fuggire da una relazione violenta.
Decide di prendere un treno e scappare dal suo passato perché è l’unica possibilità per potersi rifare una vita e sperare di ricominciare.

SARA
“Avevo vissuto gli ultimi mesi in un crescendo di paura, fingendo di essere forte, sperando
che tutto si sarebbe sistemato prima o poi, ma sapevo bene che quella era soltanto una
grandissima bugia. Mentivo a me stessa, mentivo ai miei genitori. Non riuscivo nemmeno a
capire se facessero più male i lividi sulle mie braccia o quelli sul mio cuore.”

Decide di raggiungere la cugina e gli zii e di lavorare presso il loro hotel. Il paesino nel quale va a vivere è poco distante dal mare e lei ama il mare, è come se fosse una carezza per i suoi pensieri e per il suo cuore spezzato.
Se l’idea di arrivare lì e lavorare in albergo inizialmente sembra idilliaca, lontano dall'uomo che l’ha distrutta in tutti i sensi, con un nuovo lavoro in cucina, si ritrova a dover lavorare fianco a fianco con Michele, un uomo che crea dei deliziosi manicaretti e dei dolci sublimi, ma che è aspro come un limone e duro come la roccia.

Michele è un uomo di trentotto anni che ha alle spalle un passato difficile e tende a nascondere il suo privato per proteggerlo dal mondo. È un uomo che si è fatto da solo e ha dovuto sgomitare per trovare una seppur vana sembianza di stabilità.
Sara, invece, è un vulcano di parole ed energia, che nonostante il dolore provato non riesce a smettere
di credere nelle favole e nel grande amore, è Michele, che ha chiuso il suo cuore ermeticamente.
Un incontro/scontro esilarante il loro, ma riusciranno ad affrontare il loro passato e a pensare a un futuro insieme?

MICHELE
“Eravamo così diversi noi due che non potevo farne a meno. Io ero un grosso orso rude, lei
una piccola principessa delicata. Io ero meticoloso e preciso, lei confusionaria e tutta
matta. Io ero cupo come l'inverno, lei fresca e sorridente come l'estate. Io ero il buio della
notte, lei il sole del mattino. Io non credevo più nell'amore, lei viveva per amare.”

Considerazioni:
L’autrice sceglie di alternare i Pov e quindi il racconto ci viene presentato alternando i pensieri dei due protagonisti, risulta senza dubbio una scelta scorrevole e coinvolgente che permette a noi lettori curiosi di addentrarci pienamente nel racconto.
Ho trovato a volte un pochino ripetitivi alcuni concetti, anche se non ripetuti a breve distanza, penso che la lettura sarebbe continuata scorrevolmente senza bisogno di ribadire spesso alcuni pensieri.

Ho particolarmente apprezzato la caratterizzazione dei personaggi sia principali che secondari, ognuno con sue proprie peculiarità che li rendono unici e particolari. Interessante anche la contrapposizione caratteriale dei due protagonisti che crea siparietti esilaranti.

Lo so sono una tifosa dei super uomini, ma davvero GRAZIE CHIARA per aver scelto due protagonisti comuni, lei con la cellulite, lui con la pancetta… entrambi estremamente affascinanti soprattutto quando la propria visione che hanno di loro si contrappone con quella che hanno l’uno dell’altra!!!
Un romanzo che parla di valori semplici, di trascorsi comuni, che possono, purtroppo, essere successi a tutti, una storia contemporanea e senza tempo per gli insegnamenti che lascia.
Leggendolo ho provato un' alternanza di sentimenti, dalla rabbia, alla gioia, alla curiosità della scoperta, fino alla commozione.
Lo consiglio a chi crede che nella vita non si debba mai mollare e che prima o poi la ruota gira e anche per noi ci sarà un futuro migliore!

SARA
“Ma qualche volta accade che sia la vita a venirci in aiuto 
e quando non si sa che direzione prendere 
è il destino che decide di darci una mano. 
Forse Dio vuol vedere fino a che punto
siamo capaci di incasinarci la vita con le nostre mani 
prima di intervenire per aiutarci. 
E a me successe proprio così.”

Buona Lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni