RECENSIONE "Darkest Minds 2 - Una ragazza pericolosa" di Alexandra Bracken

Titolo: Darkest Minds 2 - Una ragazza pericolosa
Autore: Alexandra Bracken
Editore: Sperling & Kupfer
Data pubblicazione: 30 ottobre 2018
Pagine: 383
Genere: Young Adult /Distopic
Serie: Secondo vol di #DarkestMinds






Continua con un nuovo, sorprendente capitolo la serie che ha conquistato il primo posto delle classifiche americane. Un successo straordinario arrivato dalla libreria al cinema: dal primo volume, Darkest Minds, è stato infatti tratto l'omonimo film dai produttori di Stranger Things e Arrival. 

Di fronte alla decisione più difficile della sua vita, Ruby ha fatto una scelta: ha sacrificato se stessa. E ora si ritrova costretta a usare ogni giorno le sue abilità per irrompere nella mente di prigionieri nemici o per condurre delicatissime operazioni sul campo. Abilità che di certo non ha mai né chiesto né desiderato, ma che la rendono preziosa e temuta al tempo stesso. Gli altri ragazzi della Lega dei Bambini la chiamano Leader, anche se lei si sente semplicemente un mostro. Quando poi le viene affidato un segreto esplosivo, s'imbarca nella sua missione più pericolosa: attraversare un Paese disperato e senza legge in cerca di risposte sulla malattia che ha decimato la popolazione e squarciato la sua vita e l'America. Ma per trovarle dovrà prima trovare Liam. Perché la verità è in una memory card nelle sue mani. La riuscita della missione potrebbe cambiare il destino di un'intera generazione, e di un intero Paese. Non c'è spazio per errori. E Ruby, ancora una volta, farà di tutto per proteggere le persone che ama, fino all'ultimo.

Alexandra Bracken (1987) è nata e cresciuta a Scottsdale, in Arizona. Si è laureata in letteratura inglese e storia in Virginia e per sei anni ha lavorato a New York nel campo dell'editoria. Ha raggiunto il successo con la trilogia The Darkest Minds e con la serie Passenger, pubblicate in Italia da Sperling & Kupfer. Nel 2018 ha pubblicato Il malefico caso Alastor contro Redding (Piemme) e Darkest Minds 3, l'ultimo bagliore (Sperling & Kupfer).
Buongiorno  Librosi,
sono tornata e questa volta con il sequel di Darkest Minds di Alexandra Bracken, "Una ragazza pericolosa". Appunto, come dice il titolo stesso Ruby è una ragazza pericolosa. Infatti già il titolo è un bell' avviso, e poi il ghiaccio, la bussola, dettagli dei quali comprendo il significato solo ora. Se solo avessi chiesto un consulto alla mia collega Monica, la #LeggiCover XD...
Ruby ora sta con la Lega dei Bambini, è addestrata e sa come usare i suoi poteri, e gli altri la temono. Primo per il fatto di essere un Arancione, che è di per sé un elemento di pericolo. Ruby che per ora "sta" con la Lega, non smette di pensare e di sperare di tornare insieme ai suoi vecchi amici: Zu, Cicco e Liam.
La nostra Ruby, nonostante sia una ragazza giovane ha tutte le caratteristiche di una eroina. Si sacrifica per gli altri, prende delle scelte difficili, mette il bene comune davanti a tutto. Questo non significa che sia una brava persona, spesso è "costretta" a commettere degli atti orribili. Si spinge così oltre che rischia di smarrirsi, di perdere se stessa. Lavorare per la Lega le fa perdere di vista per un pò il suo obiettivo principale, e cioè liberare i ragazzi dai campi e riunire la vecchia squadra. Infatti quando le si presenta davanti la possibilità di trovare Liam anche se per questioni "politiche" non esita un secondo. Affronta varie sfide e fa di tutto per riuscire nella missione cercando di tenere viva anche la sua nuova squadra: Jude e Vida. Nonostante non dovrebbe fidarsi di loro perchè sono della Lega, non vuole che muoiano. Alla fine sono solo dei ragazzi come lei e lei ci tiene a loro, forse anche troppo. Quando finalmente incontra Ciccio e Liam è divisa tra fare la cosa giusta o seguire il suo cuore. Dovrà scegliere tra Liam e la Lega e portare a termine la sua missione. Ci riuscirà?
Lei aveva cancellato i suoi ricordi dalla mente di Liam cercando di proteggerlo, ma se non avesse funzionato? Se lo avesse messo solo nei guai peggiori? Potrà Liam perdonarla e lei potrà perdonare se stessa?

«Io volevo te, maledizione!» Liam mi afferrò le braccia, stringendo le dita come se potesse farmi comprendere il suo dolore in quel modo. «Più di qualunque altra cosa! E tu… ti sei schiantata nella mia mente e hai sigillato tutto, come se ne avessi il diritto, come se io non avessi bisogno di te. Quello che mi fa morire è che mi fidavo di te… ero così sicuro che tu lo sapessi. Sarei stato bene, perché ci saresti stata tu insieme a me!» 

Nella prima parte è un pò lento e noioso, dettagli sulla politica, geografia che per carità arricchiscono la storia e la rendono più realistica però secondo me sono un po' troppe. Forse perchè mi sarebbe piaciuto che la storia si fosse concretata su di lei e gli altri ragazzi, su di lei e quello che prova per Liam. Ecco questo elemento è poco elaborato, mi sarebbe piaciuto che venisse messo più in risalto. Ci sono delle parti, degli estratti così belli che mi sono emozionata. In questo romanzo viene messa in evidenza l'amicizia più dell'amore.  Consiglio la lettura agli amanti del genere. Sono molto curiosa di leggere il sequel e intanto... vi dico di seguirci perchè faremo un giveaway con questo cartaceo :-)


Buona lettura,
XoXo
Jenny



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni