Recensione "Fiori di campo - La linfa dell'anima" di Martina Ghirardello

Titolo: Fiori di campo - La linfa dell’anima
Autore: Martina Ghirardello
Editore: Genesis Publishing
Genere: Romantic suspense
Prezzo ebook: 3,99€     
Data pubblicazione: 15 Ottobre 2018
Serie: Duologia Fiori di campo, prima della The Harris Series

Pagina autrice

ORDER

La vita della famiglia Harris è stata totalmente sconvolta da quando i terribili segreti del passato dei genitori, John e Lucia, sono tornati allo scoperto. Ora una nuova minaccia incombe su di loro e riguarda la figlia più piccola, Laura, a cui una spietata organizzazione criminale dà la caccia. Con lei c’è James, il fotografo dalle mille risorse, che sta portando avanti una pericolosa indagine sulla sorella scomparsa in circostanze che coinvolgono la stessa organizzazione da cui ha momentaneamente salvato la fidanzata. Il loro è un amore profondo, sincero, che non si ferma di fronte alle difficoltà e ai pericoli, anche quando tutti i venti sembrano contrari.
Con l’aiuto di John Harris, ex agente federale che decide finalmente di tornare in gioco, scoprono le ricerche attuate in precedenza da un collega molto vicino all’uomo, e fanno intuire che il passato della famiglia Harris e questo oscuro presente sono più legati di quanto chiunque potesse immaginare.
Riuscirà l’amore a trionfare sulla più crudele follia umana? E soprattutto, che fine ha fatto Kevin, fratello gemello di Beatrice, rapito molti anni prima e mai ritrovato?

Fiori di campo - La linfa dell’anima, è il secondo volume della duologia Fiori di campo, che apre la The Harris Series, composta poi dalle duologie Frutti della Foresta e Rose del deserto, prossimamente in pubblicazione.
MARTINA GHIRARDELLO
È una studentessa all’ultimo anno di Scienze della formazione primaria, che coltiva il sogno di diventare insegnante. Nasce e vive a Verona da 24 anni, con la famiglia e l’adorata cagnolina, Fiamma. Qui, tra mille impegni, porta avanti la grande passione per la scrittura. Esordisce nel 2016 sulla piattaforma online Wattpad, dove ha pubblicato la prima versione della duologia Fiori di campo e della seguente Frutti della foresta, oggi in pubblicazione tramite la casa editrice Genesis Publishing. Il primo volume, Le radici del cuore, è uscito a marzo 2018. Martina continua a scrivere e a lavorare a nuovi progetti, pubblicati su Wattpad e ancora inediti, provando immensa gratitudine per tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di una piccola parte del suo sogno: vedere i suoi romanzi prendere vita.


Ed eccomi, anche se in super ritardo, a recensire il secondo libro della duologia FIORI DI CAMPO-La Linfa dell’Anima di Martina Ghirardello, edito da  Genesis Publishing.
Proseguiamo con i misteri che coinvolgono Laura e la Fam Harris, che troveremo coinvolti in indagini ad alto livello, in intrighi internazionali, e voleremo oltreoceano per cercare di sgranare questo grosso intreccio in cui i protagonisti sono coinvolti.

Quanto occorre perche’ le nostre vite siano completamente stravolte?

Ma Laura è cambiata, è cambiata la sua vita, sono cambiate le sue priorità, ora Laura ha dei buoni motivi in più per lottare ed andare avanti e cercare le risposte, quelle risposte che potranno darle la pace.

Voglio essere finalmente l’autrice di questo insieme di pagine bianche, voglio vivere, affrontare il bene e il male che il futuro mi riserva.
Sarà l’amore… l’unico volto buono della follia.

Scoperte sorprendenti, fra avventure e colpi di scena, porteranno Laura e gli altri protagonisti a rituffarsi nel passato per poter capire il presente, ma basterà per potersi permettere di vivere serenamente il futuro?

Ricordatevi che il male non muore mai, ma ritorna più forte di prima e ti si ritorce contro.

Considerazioni
devo confermare che, come per il primo libro, la lettura non è stata da subito scorrevole, e ,in alcuni punti, l’ho trovato un pò lento, forse per le descrizioni abbondanti e dettagliate, che però a loro favore aiutano il lettore a contestualizzare il racconto. Altro punto di forza è la trama davvero avvincente e intricata, che mi ha spronato a proseguire.
I personaggi sono ben caratterizzati e descritti in maniera precisa, soprattutto dal punto di vista psicologico, e ciò aiuta il lettore ad entrare in empatia con essi.
Il finale devo dire wow, tutt’altro  che scontato, per niente banale, che arriva dopo tanti colpi di scena e misteri, che animano il lettore.
Quindi , come per il primo, lo ribadisco: continuate fino alla fine, che non vi deluderà, perché…

La paura fa commettere gesti sconsiderati.

Buona lettura dalla vostra Stefania!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni