RECENSIONE - "Sei il mio destino" di Giulia Ross

Titolo: Sei il mio destino
Autore: Giulia Ross
Editore: Newton Compton
Genere: erotic romance
Prezzo ebook: € 1,99
Data pubblicazione: 4 febbraio 2019
Pagine: 247
Series: Colors

ORDER
Un nome. Un tatuaggio sul cuore e un ricordo doloroso. Questo è ciò che è rimasto di Emerald nella vita di Andrew. Lui ora vive con Eva, la sua mistress e insieme migliore amica, tentando di dimenticare il suo primo e perduto amore. I sentimenti per Emerald tuttavia sono troppo forti per soffocarli e adesso è arrivato il momento di affrontarli, in un modo o in un altro. È così che Andrew racconta la sua storia, dal primo incontro con il ragazzo dagli occhi color smeraldo, prigionieri nella villa di Madame, fino all’ultimo momento trascorso insieme e alla promessa di amarsi per sempre. Gli anni sono passati e ritrovarsi sembra ormai impossibile. Proprio quando tutto sembra perduto, però, un viaggio inaspettato e il matrimonio di un membro della famiglia di Eva aprono le porte a una nuova avventura. Le strade del destino sono come fiumi sulla terra, che scorrono separati per poi infine rincongiungersi nel mare. Sapranno Andrew ed Emerald ritrovarsi con la forza del loro amore?
Giulia Ross è nata a Milano nel 1981. Si è laureata in Biotecnologie e ha proseguito i suoi studi con un dottorato di ricerca in Immunologia. Insieme al suo amore per la scienza coltiva da sempre le sue due grandi passioni: la musica e la scrittura. La Newton Compton ha pubblicato con successo Ho scelto te, Una notte per non dimenticarti, Destini incrociati e in ebook Giochi pericolosi e Ai tuoi ordini.

Buongiorno a tutti,
lo letto "Sei il mio destino" di Giulia Ross, è il primo libro che leggo e l'ho scelto per due motivazioni: la curiosità di scroprirla come autrice e il fatto che mi piacciono gli mm.

Andrew è un uomo di 30 anni, provato da un passato complicato e pieno di sofferenza. Un passato dove aveva trovato il suo piccolo rifugio tra le braccia di Emerald ma vi è stato strappato in un modo duro che l'ha segnato e distrutto. Nonostante siano passati anni, non riesce a staccarsi da questo amore che custodisce e a cui non permette di sfiorire.

Emerald è unico, schivo, duro e irraggiungibile. Il suo inferno ha una doppia afflizione: quella che vive nel corpo e quella che vive nel suo cuore. Una colpa non gli permette di perdonarsi e lo logora lentamente. Lui così oscuro, trova in Andrew la dolcezza che riesce a domare le fiamme che bruciano in lui. Come acqua fresca lo rigenera e gli fa vedere un bagliore oltre quelle sofferenze ma tutto verrà soffocato per mano esterna.

Una storia che si svolge tra ricordi, che ripercorrono il passato, e il presente che ancora una volta fa vacillare le fragili basi su cui i due uomini hanno costruito il loro futuro.
Un percorso che li ha segnati nel corpo, nell'anima e continua a farlo, inesorabilmente perché la felicità sembra non volerli sfiorare.

Considerazioni

Giulia Ross ha messo nero su bianco tutte le perversioni, la meschinità e la cattiveria di cui gli esseri umani sono capaci. In tutta questa oscurità ha permesso all'amore di sbocciare, oltre ogni possibilità, e di crescere rischiarando piccoli angoli dove due giovani si rifugiano uno nelle braccia dell'altro.
Il destino, proprio lui, si fa beffa di tutto e ostacola ogni possibilità di vivere serenamente anche quei piccoli attimi.

Le due linee temporali sono gestite alla perfezione, i ricordi hanno la forza di sommergere il lettore e renderlo scioccato per ciò che accade. Completamente incredula mi sono trovata più volte a considerare la brutalità di alcuni personaggi e a sperare che fosse un incubo da cui il protagonista si sarebbe destato.
I personaggi principali e secondari sono ben caratterizzati e questo crea empatia durante la lettura.
Le scene sessuali sono descritte in modo velato ma a volte risultano rudi per poi sfociare in veri soprusi. Descrizioni dettagliate permettono di visualizzare le scene, di provare i sentimenti, tremare per le paure e temere per le ripercussioni, un immersione totale nella storia.

Alcune dinamiche, per me, non sono state spiegate e non hanno trovato una spiegazione e, anche se non erano il cardine della storia, mi sono mancate alcune soluzioni.

Complimenti a Giulia per aver affrontato una tematica così forte e per averla saputa gestire in maniera da mantenere il lettore in dubbio fino all'epilogo, in cui ho sperato ma non lo davo per scontato.

Ne consiglio la lettura a un pubblico adulto e che sia in grado di scindere le dinamiche in cui si trovano i protagonisti. Un libro intenso che non lascia indifferenti ma riesce a scuotere fin nel profondo.

Buona lettura!
Monica S.


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni