RECENSIONE "Piacere Oscuro" di Anya M. Silver

Titolo: Piacere Oscuro
AutoreAnya M. Silver
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo:       2,99 /  13.84
Serie: Dark Souls
Autoconclusivo: No
Data pubblicazione: 5 Dicembre 2018
Pagine: 284




Sono Aviva De Santis e sono scappata dal lusso del mio nido famigliare per diventare una senzatetto, perché non sopportavo l’idea di vivere con degli assassini. Da allora, la strada mi ha cambiato. Sono diventata una cocainomane, una prostituta, un topo di fogna. Insieme alla mia nuova amica, conosciuta in strada, ho vagato per il South Bronx di New York con l’unico scopo di sopravvivere e anestetizzarmi dal dolore. Poi tutto è precipitato. La mia avidità ci ha condotto fino a lui. Nel momento in cui ho incrociato il suo sguardo vuoto ho capito di non avere scampo. Nei suoi occhi di diamante non vedo nulla. Quell’uomo sembra morto dentro e ciò mi terrorizza più della morte stessa. Ma ciò non mi ha precluso di fare qualcosa che non avrei dovuto, e adesso sono nei guai fino al collo. Grazie a quel demonio ho capito di aver abbandonato un covo di vipere, solo per essere catapultata in un covo di mostri.


Buongiorno cari lettori, oggi sono qui per parlarvi dell'ultimo libro di Anya M. Silver, "Piacere Oscuro", primo vol. della serie Dark Soul. Seguo dai suoi inizi Anya e ho avuto anche l'onore e il piacere di lavorare al suo fianco, adoro il dark romance e lei è in assoluto per me la mia Dark Lady italiana, per eccellenza. I suoi dark sono tutto quello che si cerca su questo genere. Forti, senza fiato, imprevedibili, con personaggi carismatici. Nella prima serie abbiamo conosciuto i 4 protagonisti principali: Rev, Jay, Kendra e per ultimo Samael. Costui è uno dei personaggi che mi intriga tantissimo. Freddo come il ghiaccio, crudele come il peggiore dei serial killer. Questa nuova serie parte proprio da lui come protagonista principale. Ma prima delle mie considerazioni personali sul libro voglio parlarvi della trama.


Aviva De Santis è l'antieroina per eccellenza, la protagonista più singolare mai vista. Di solito siamo abituati alle semplici e ingenue ragazze cadute tra le mani del lupo cattivo. Aviva non ha niente di tutto ciò. Nata da una famiglia benestante, decide di fuggire di casa quando scopre i loschi traffici del padre. Lei non vuole averci niente a che a fare con i soldi sporchi di quest'ultimo. Decide così di far perdere le sue tracce e rifugiarsi per la strada come un senzatetto. Mandando in rovina la sua vita, di cui non le importa più assolutamente niente. Non solo... è anche una drogata (cosa che mi ha dato molto fastidio) e pur di avere la sua dose quotidiana si prostituisce nei luoghi più fatiscenti. Vive in compagnia della sua bizzarra e cleptomane amica. Fino al giorno in cui decide di fare la cosa più stupida del mondo. Rubare un auto! Ma non semplicemente un'auto comune e costosa... bensì proprio l'auto del demonio in persona, Samael De Falco

Per lui questo diventerà non solo un affronto ma una vera e propria caccia alla preda. Naturalmente la troverà e farà in modo di farle scontare ogni minima presunzione.

"La cosa importante era la ragazza. I suoi occhi. Mi avevano pregato di farle delle cose indicibili. Abominevoli. Non vedevo l'ora di sentire il suono della sua voce mentre mi supplicava. mentre gemeva, mentre piangeva, maledicendo il mio nome. Cosa avrei provato nel rubare fino all'ultima goccia della sua misera vita? Come sarebbe stato perdersi nei suoi occhi mentre le facevo male, mentre guardavo scorrere il suo sangue? Quanto ci sarebbe voluto prima che mi implorasse di ucciderla? Tante domande, ancora nessuna risposta. Ma intendevo ottenerle. A tutti i costi e con qualsiasi mezzo a mia disposizione."

Aviva e la sua amica verranno portate all'Hideaway Hotel. Un hotel molto particolare, vuoto di giorno e molto movimentato la notte. Con le più singolari creature in giro per l'hotel. Ospiti ricchi e famosi che cercano di tenere i loro loschi segreti e impulsi ben nascosti e con personaggi agli ordini di Samael, ambigui e sinistri. 

"Il suo sguardo si incatenò al mio e con un lungo brivido freddo intravidi finalmente il fuoco divampare dentro le sue iridi chiare. Fiamme ghiacciate nella semi oscurità, su un volto mascolino dalla pelle pallida. Mi angosciarono. «Te l’ha mai detto nessuno che hai degli occhi… splendidi?» La sua voce era bassa come il sibilo di un serpente e calda come un liquore pregiato mentre attraversa la gola."

Considerazioni:

Ho trovato la storia molto originale e complessa. I segreti ancora da scoprire sono innumerevoli. La storia purtroppo è incentrata molto su Aviva mentre io avrei voluto tanto fosse più su Samael. Apprendiamo solo un piccolo squarcio di ciò che è stato il suo passato, ma non abbastanza da dissetare la mia forte curiosità. I pov sono alternati in alcune parti ma sono principalmente raccontati dal punto di vista della protagonista mentre Samael ci racconta brevi parti del suo trascorso e della sua gioventù.
Parte in modo piuttosto lento, almeno fino a metà libro ci ha messo un po' a colpire la mia attenzione, mentre dalla seconda metà in poi gli avvenimenti si fanno più veloci, interessanti e la curiosità aumenta. Amo le scene forti raccontate dall'autrice eppure in questo libro c'è una parte che mi ha fatto storcere un po' il naso non tanto per la violenza gratuita ma perché è stato un episodio che non è stato giustificato a dovere e perciò non ha portato né aggiunto niente alla crescita e conoscenza della storia... ancora mi chiedo quale ne è stato lo scopo e il motivo. Perciò sì i dark devono essere forti e sconvolgere emotivamente ma devono avere anche una logica, che è la chiave di tutto.
Tutti i personaggi secondari fanno solo da comparsa, non si sa ancora praticamente niente di loro, chi sono, come sono arrivati a lavorare per Samael e la loro funzione nella storia. Stesso discorso vale per il luogo in cui si svolge quasi tutta la storia.
Fortunatamente verso il finale la storia prende una marcia in più. Il finale mi ha piacevolmente lasciata di stucco e preannuncia un secondo volume con ricchi colpi di scena. Per questo motivo ho deciso di aumentare il mio parere di mezzo punteggio.
Punto molto sul secondo volume perché spero di trovare in esso tutto ciò che è rimasto sospeso. Perciò attendo con ansia di leggerlo. Certa che Anya M. Silver saprà piacevolmente stupirmi anche questa volta. ;)

Buona lettura a tutte le nostre Dark Lady!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni