RECENSIONE per "La ragazza arrabbiata" di Elisabetta Capecci

Titolo: La ragazza arrabbiata
Autore:  Elisabetta Capecci
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo: 2.99/ 9.90
Genere: Romanzo di formazione - Adolescenziale
Editore: Queen Edizioni
Data pubblicazione: 2 febbraio 2018
Pagine: 180
N.B. Libro disponibile in diversi store





Sara e Federico, due anime complicate.
Sara è una bella ragazza, ma non ha un carattere facile.
Dopo essere stata delusa, ancora adolescente, da un ragazzo di cui si era innamorata, decide di prendersela con il mondo intero. È arrabbiata e la felicità degli altri la innervosisce. Gli anni passano, ma la situazione non migliore, la cattiveria di Sara è incontenibile, come la sua bellezza.
Ma quando è costretta ad allontanarsi dalla città dove vive, ritrova Federico e scopre che con lui ha ancora voglia di vivere serenamente, sognare e sperare in un futuro migliore.
Riuscirà Sara a superare tutta la rabbia e ritrovare la felicità?



Marchigiana, 33 anni, scrive sin da quando era bambina. Le sue passioni più grandi sono il cinema americano e gli animali. Ha già quattro romanzi all’attivo e scrive per diversi blog, organizza eventi letterari, presentazioni e corsi di scrittura creativa. Il suo primo romanzo, L’Ombra del Drago, è stato premiato al Concorso Gadda 2016.



Buongiorno Librose, oggi sono qui per parlarvi de "La ragazza arrabbiata" di Elisabetta Capecci, edito dalla "Queen Edizioni".
Sono rimasta subito attratta da questa cover super colorata, tanto da restarne un po' spiazzata durante la lettura. Però poi ho capito... Sara è una ragazza difficile, delusa da una storia d'amore che riteneva importante e lasciata sola a se stessa con dei genitori pressochè assenti per motivi lavorativi. Si trova in un periodo difficile, forse anche complice l'età adolescienziale. Sara è una ragazza che dentro sè porta una miriade di colori, ma che se non dosati e suddivisi nel modo giusto, tirano fuori solo un triste e cupo grigio. Questo è ciò che succede a Sara incapace di dosare e capire le proprie emozioni, si trasforma in una ragazza arrabbiata col mondo e con tutti. Incapace di sopportare la felicità altrui prova piacere solo nel rovinare gli altri ingiustamente. Così dopo l'ennesimo guaio e atto vile, decide di scappare da quella che è la sua città e i suoi amici, se così si possono definire... e rifugiarsi nel paesino dove trascorre le vacanze insieme ai suoi genitori. Lì il tempo sembra essersi fermato, tutto scorre in modo più tranquillo e anche le persone sembrano più genuine e semplici. Qui si trova anche Federico, il ragazzo che da anni Sara spia di nascosto, attratta da quella sua carica solare, sempre amichevole con tutti e libero da ogni regola o moda imposta. In questo paesello riallaccia i rapporti con Cristina, unica amica che frequenta quando è lì, ma anche il loro rapporto non è così limpido come dovrebbe, specie da quando Sara capisce che anche Cristina è innamorata di Federico. Eppure grazie a lei e alla sua cerchia di amicizie riesce a stringere i rapporti con quest'ultimo. Anche lui non è completamente immune alle difficoltà giovanili, nonostante sia un ragazzo che dà poco peso alle "tragedie"esagerate, tipiche dell'età, che lo circondano. Federico da anni è succube di una ragazza più grande di lui, che lo cerca semplicemente nel periodo estivo che la riporta al paesello. Lui pensa di essere innamorato di lei e nonostante spesso la ragione gli faccia capire che per lei è solo un gioco e lo sta usando, lui non riesce mai a tirarsi indietro quando lei lo cerca. Tutto ciò fino al momento in cui il suo rapporto di conoscenza si stringe a Sara. Capisce subito che è una ragazza problematica, che scappa da qualcosa e che è poco sincera nei rapporti con gli altri, però capisce anche che con lui è diversa.
Tra liti e malintesi, amori freschi e spontanei, invidie e sotterfugi, aria di vacanze estive lungo i piccoli borghi che conducono al mare, ci ritroveremo a respirare quegli amori giovanili che sono anche tanto complicati. Dove i protagonisti matureranno insieme, evolvendosi e fortunatamente alcuni migliorandosi più di altri. Un racconto che mi ha portato costantemente a chiedermi come sarebbe finita...

Considerazioni

Oltre alla copertina ho preso questo libro incuriosita anche dalla categoria di appartenenza, viene descritto come: romanzo di formazione, adolescenziale, non so a quale fascia di età si riferisse ma sinceramente mi aspettavo tutt'altro. Io lo descriverei più come un new adult visto che copre una fascia di età dai 19 ai 25 anni, ma di certo non lo definirei un libro per ragazzi... in quanto in questo libro sono presenti scene di sesso e spesso e volentieri si parla anche di droghe leggere, perciò la categoria dei 14 anni è sicuramente da escludere. Non solo per la categoria fuorviante, questo libro mi è piaciuto come trama, ma non mi ha catturata come doveva, l'ho letto in modo estraneo senza tanti coinvolgimenti emotivi probabilmente dovuto al racconto in terza persona che ci fa vivere la storia in modo piuttosto distaccato. Peccato perchè probabilmente raccontato in prima persona poteva essere molto più coinvolgente eppure è comunque stata una lettura piacevole. Lo consiglio a chi ama il genere young adult o new adult e non disdegna la lettura in terza persona.

Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni