PRESENTAZIONE - "Matrimonio d’onore" di Marilena Boccola


Titolo: "Matrimonio d’onore"
Autore: Marilena Boccola
Editore: Dri Editore
Genere: Regency
Prezzo ebook: € 2.99  -  ORDER
Prezzo cartaceo: € 12.99
Lancio ufficiale: 27 maggio




“Edward!”
Dopo un impaziente battere di nocche, l’interpellato vide sua moglie irrompere nello studio in cui, come ogni giorno, si era rifugiato. Non era ancora abituato a sentirsi chiamare per nome da lei e immaginare le lettere uscire una a una dalla sua bocca gli diede un brivido lungo la spina dorsale. Cosa avrebbe provato se sua moglie l’avesse pronunciato in ben altra situazione, magari all’apice del piacere? Decisamente i suoi buoni propositi stavano vacillando…
Il tenebroso maggiore Edward Fitzwilliam, figlio cadetto del marchese di Winchester e valoroso combattente al servizio della Corona inglese, ha un unico piano: far sposare lo scapestrato nipote Thomas duca d’Arcy entro l’estate, in modo da assicurare alla sua casata una discendenza. Finita la stagione poi, ritirarsi in solitudine nella sua tenuta nel Devonshire, lasciando per sempre fuori dalla sua vita tutte le passioni che, dopo la menomazione subita in battaglia, ritiene essergli ormai precluse. 
Eppure, l’incontro con lady Esther Ashcroft, unica donna che a quanto pare è ancora in grado di accendergli i sensi e far palpitare di nuovo il suo cuore divenuto di pietra, va vacillare il suo piano. Le sue resistenze vengono meno quando la necessità di salvare la reputazione della bella baronessina si mette di mezzo, costringendolo a chiedere proprio la mano della donna che avrebbe voluto con tutte le forze allontanare da sé.
Il matrimonio d’onore che ne deriva nasce sotto i peggiori auspici. Incomprensioni, malcelata gelosia e vane opposizioni alla passione, ogni giorno più vibrante, rendono la convivenza dei due coniugi quantomeno scomoda…
"Percepiva persino il calore del suo corpo e quel suo aroma di tabacco e… di vento. Sì, era proprio così, si disse: il maggiore Fitzwilliam odorava di vento, del vento carico di essenze selvagge che aveva respirato nella brughiera fin da bambina."


“Perdonatemi Lady Ashcroft, non compete di certo a me farvi scoprire sensazioni che fanno percepire l’assoluto, ma vi assicuro che ci sono diversi modi per arrivarci molto, molto vicino…”

"… quando un uomo è tanto sprovveduto da innamorarsi di sua moglie, a quel punto non può lasciare le cose a metà."


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni