RECENSIONE - "Le differenze" di Blake Moreno

Titolo: Le differenze
Autore: Blake Moreno
Editore: Quixote edizioni
Traduttore: Nela Banti
Genere: Qlgbt Contemporaneo
Pagine: 342
Prezzo ebook: 4,49
Data pubblicazione: 26 settembre 2018
Serie: autoconclusivo

ORDER

Recensione di Monica S.


Wade Maguire e Russ Paulson sono innamorati. Dopo un anno di passione e felicità, acquistano una casa e sono pronti per trasferirsi e viverci insieme. Tutto è roseo per loro, fino a quando un ex del passato di Wade, geloso e folle, li mette duramente alla prova.

Dopo essere stato rapito e torturato dal suo ex amante squilibrato, Wade perde la sua capacità di impegnarsi con la propria sessualità o con Russ. Con l'aiuto di uno psicologo, la terapia EMDR e un piano sessuale, lavorano insieme per superare il danno inflitto. Nel processo, scoprono fonti d'amore che non avevano mai conosciuto prima.

Quando la passione rinasce e la loro vita sessuale si riaccende, Wade si rende conto che è necessario rivivere certi eventi tra le braccia amorose di Russ. Per Wade, la differenza tra dolore e piacere è l'amore, e la differenza tra stupro e sesso rude è il consenso.
Blake Moreno è lo pseudonimo di un’autrice molto conosciuta e amata: Leta Blake. Quando la sua fantasia si spinge oltre, e vuole esplorare il lato più oscuro del romance erotico, diventa Blake Moreno, un alter ego appassionato di BDSM, aperto alle ricerche proibite, che si lascia catturare da intensità ed emozioni profonde. Non abbiate paura di lasciarvi condurre nell’oscurità.
Buonasera, vi voglio parlare di un libro che ho acquistato di recente e letto in una notte, sono sconvolta perché solo adesso, preparando le informazioni, mi sono resa conto del numero di pagine. Si tratta di "Le differenze" di Blake Moreno, edito e tradotto da Quixote edizioni.

Ho ponderato bene la lettura di questo libro e temevo di non riuscire a essere obiettiva. Questo pensiero nasce più per un mio bisogno di esternare ciò che mi ha dato la lettura che non per una vera recensione. 

Il testo è diviso in tre grandi fasi: lo stupro, il percorso di accettazione e la rinascita.

La sinossi è esplicativa quindi sapevo cosa sarei andata  a leggere:  uno stupro perpetrato da una persona di cui Wade si fidava, probabilmente la peggiore esperienza capace di inclinare anche la propria capacità di giudizio verso gli altri. Un'esperienza che ci viene raccontata a tratti dalla vittima e a tratti dal carnefice, in un continuo cambio di visione. Da lettrice mi sono trovata a provare il terrore e il senso di impotenza, la rabbia per ciò che doveva esser subito e la fascinazione da ciò che veniva fatto. Uno stato strano dove l'incredulità si alternava al disgusto verso tutti e tutto.

Wade si trova a non esser più se stesso e vederlo insicuro, terrorizzato e disperato è qualcosa di ugualmente devastante. L'aver letto di ogni sopruso che ha subito fa sì che lo si comprenda in ogni dubbio e paura. Assistere ai suoi ricordi e rivederlo in balia del passato è qualcosa che accresce la voglia di aiutarlo. Anche per il lettore è un percorso difficile da esplorare e assimilare.

Russ è forte, una spalla solida ma è pur sempre un essere umano che ha visto soffrire l'uomo che ama. Per lui si prova una sorta di venerazione, lo apprezzo quando prende in pugno la situazione, non lo sopporto quando invade gli spazi di Wade ma ne comprendo nella necessità di tener tutto sotto controllo.

Nella terza parte si ha la sensazione di trovarsi su un terreno franabile: la mente assimila, il cuore capisce ma la razionalità oppone resistenza.
Ogni cosa che ho letto mi ha scossa ma l'ho compresa e a volte mi ha spinta verso la comprensione, perché qualunque cosa è lecita purché sia consapevole e consenziente.
In questo caso ne ho capito la necessità e alla fine ho tirato un sospiro di sollievo perché La differenza è un libro che scuote profondamente ma è fondamentalmente una storia di amicizia, quella vera e profonda che non conosce pregiudizi e di un amore che va oltre la razionalità, quell'amore che abbatte tutto ciò che crea un ostacolo. Sentimenti forti che quando trovano il loro equilibrio riescono a sconfiggere qualunque cosa.

Il linguaggio è crudo, le descrizioni estremamente dettaglianti e terrificanti in alcuni passaggi. Le scene di sesso sono estreme e non lasciano indifferenti sia che siano pregne di odio o cariche di amore.
In alcune recensioni ho letto: troppe scene di sesso. Posso dire che è quello il campo in qui Wade e Ross devono ricostruire la reciproca fiducia e quindi non le trovo eccessive ma necessarie.
La traduzione è come sempre esemplare e ha fatto molto per rendere questo libro viscerale.
Ottima l'attenzione nella correzione, complimenti a tutte le persone che hanno lavorato a questa storia.
Mi è difficile anche dare un voto, un buon libro capace di scuotere e far riflettere, mi ha creato un vuoto nello stomaco e dato un turbine di emozioni.

Lo consiglio a un pubblico adulto e consapevole perché non è una lettura semplice e richiede una grande apertura mentale. Non fermatevi alle parole ma lasciatevi sommergere dalle emozioni, non opponetevi perché perdereste molto di ciò che Le differenze può dare.

Buona lettura!
Monica S.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni