RECENSIONE "Quello che nascondono i tuoi occhi " di Alessandra Bertini

Titolo: Quello che nascondono i tuoi occhi
Autore: Alessandra Bertini
Editore: Self publishing
Genere: Romance contemporaneo
Formato: ebook
Costo: 3,99 euro
Data pubblicazione: 30/3/2019
Protagonisti: Nicole Davies – Liam White
Pagine: 261
Serie: no

ORDER

Tormentato da un misterioso passato che non può cambiare, Liam White cammina solitario per le strade di Londra consapevole di aver lasciato andare l'unica cosa bella della sua vita. Un amore destinato a finire, un amore che non ha colpe... quell'amore innocente che ricorda di aver trovato solo una volta nella sua vita, una vita vuota, priva di ogni significato se non quello trovato in un quadro, o in un disegno che nel cuore della notte, aveva fatto pensando a lei.
Nicole... La sua Nicole.
Tanto bella, quanto impossibile da avere, ma l'unica ad averlo intrigato con un solo sorriso, quel sorriso di girasole che Liam avrebbe portato sempre con sé ovunque sarebbe andato.
Puntualmente il destino però giocherà la sua carta.
Segreti, inganni, inseguimenti e bugie si opporranno al loro amore. Quell'amore nato nei suoi occhi, negli occhi di Liam, che verdi come d'inverno si tingono le onde del mare durante le tempeste, stravolgerà la vita di Nicole per sempre.
Buongiorno Lettori, oggi vorrei parlarvi di un romanzo dal finale inaspettato e precisamente di "Quello che nascondono i tuoi occhi" di Alessandra Bertini.
Già il titolo è a mio avviso carico di aspettative e di curiosità. Anche la cover permette di comprendere l’ambientazione londinese, lascia notare il romanticismo di cui sono intrise le sue pagine, ma non consente di sbirciare neppure un po’ il volto del giovane. Cosa nasconderanno i suoi occhi? 

Questo in fondo è la domanda che perseguita la protagonista, Nicole, che resta ammaliata dalle iridi verdi di Liam. Ma andiamo per ordine.

Il romanzo si apre con un prologo che resta in sospeso, dal quale si comprende che la ragazza si sta per laureare e qualcosa o qualcuno l’ha resa fragile. La responsabilità sembra essere di un uomo, ma chi è? 

Il lettore entra subito nella storia che, però, riprende da qualche tempo prima, ossia dall’ultimo anno della scuola superiore. 
Nicole è una ragazza che si dà molto da fare nel direttivo scolastico, è attiva, organizza varie iniziative e ha i suoi amici fidati. Proprio uno di loro le presenta il nuovo arrivato, un tipo solitario, che se ne sta in disparte tanto che lei non lo aveva mai incrociato prima. Un tipo interessante ma soprattutto con due occhi che la conquistano al punto da non riuscire a togliersi dalla testa Liam White.
La cosa è reciproca: per il ragazzo esiste soltanto Nicole Davies, la sua figura lungo i corridoi è come una calamita per la propria attenzione, e poi ha un sorriso che lo ha stregato.

Entrambi incuriositi da ciò che sta accadendo tra loro, lentamente si ritrovano a cercarsi per conoscersi ancora di più. Per Nicole, costretta a rigide regole dalla propria famiglia, Liam rappresenta una sorta di trasgressione, per lui, invece, la ragazza è una boccata di aria fresca in un’esistenza che lo ha privato di molto, forse troppo. 

Costretto, infatti, a cambiare spesso scuola, questo giovane vive con lo zio, è un ribelle che non ama socializzare, detesta studiare ma ama Van Gogh e disegnare. E proprio con i suoi disegni lentamente conquista Nicole. 

                  

“Come mai non lo hai colorato?”“Non potevo. Nicole, io mi sono limitato a fare il disegno di quello che può esserci tra noi, ma sei tu che scegliendo il colore che ritieni più adatto, gli darai vita.”

Nonostante Liam con le ragazze sia sempre andato subito al sodo, con Nicole riesce ad aprirsi e a raccontare un po’ di sé. Eppure quel senso di mistero che aleggia attorno al ragazzo si percepisce ancora e il lettore attento lo nota.

La diversità tra i due, nonostante l’attrazione che provano e i sentimenti che diventano più profondi, sarà per loro un grave ostacolo. Nicole è la figlia di un ambasciatore, Liam vive in uno dei peggiori quartieri di Londra. Cosa sarà disposto ad accettare questo giovane per la ragazza che ama?

Nicole non comprende cosa sia accaduto all’improvviso, ha una sola domanda sulle labbra: perché? 

Il cuore spesso, però, resta legato nonostante il tempo, la distanza, le ribellioni. I ricordi sbiadiscono un po’ sebbene basti poco per farli riaffiorare. 
Quando due persone tanto diverse si incontrano e si innamorano, è complicato dividerle. Tra Nicole e Liam, lui ha preso ogni decisione in mano, consapevole del dolore che avrebbe provocato, della sofferenza che avrebbe provato. Ma a distanza di anni, se il cuore avverte il medesimo richiamo, cosa può accadere? 
Per scoprirlo dovranno rivedersi, parlare. Forse Nicole otterrà ciò che aspetta da sempre: conoscere quel perché. 
Chiarirsi dopo sei anni non è semplice. Lei è fidanzata, lui ha sempre la sua vita incerta e tanta rabbia a fargli compagnia. Ma quegli occhi sembrano ancora sussurrarle altro. 

Diversi eventi si susseguono e arriva una verità inaspettata. Gli ultimi capitoli del romanzo sono pieni di colpi di scena. Personalmente li ho divorati a differenza del resto che mi ha coinvolto, per mero gusto personale, solo a tratti.
Qui il lettore si ritrova di fronte a un segreto mai svelato, un segreto che sconvolgerà Nicole. Una verità talmente forte che condurrà la ragazza verso una decisione difficile e consapevole. 
Ovviamente non vi svelerò altro di questo finale che a mio avviso è il punto di forza dell’intera storia.

Stante ciò, mi è sembrato che le rivelazioni stesse, avvenute in poche pagine e in modo un po’ troppo rapido, rendano le scene poco realistiche. 
In questa prima opera di Alessandra Bertini, anche se un po’ imprecisa nell’editing, ho però apprezzato i vari riferimenti a Van Gogh, che hanno dato quel tocco di originalità e romanticismo al romanzo. Lo consiglio a chi ama leggere Young Adult, agli animi romantici e a chiunque creda che nonostante il tempo sia tiranno, l’amore vero sia più forte delle rocce.

Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni