REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Le Ali" di Rebecca Quasi



Titolo: "Le Ali"
Autore: Rebecca Quasi
Editore: Dri Editore
Genere: Romance Contemporaneo
Prezzo ebook: € 2.99
Prezzo cartaceo:  € 12.99
Data pubblicazione: 26 aprile 2019
Serie: autoconclusivo

ORDER

“Dopo aver deposto la bambina nella culla e averla coperta, Bianca raccolse i propri abiti e andò a vestirsi in bagno. Adriano sorrise di quel pudore. Girare nuda sì, vestirsi davanti a lui, no..”

Una figlia appena nata, una promessa alla quale non può sottrarsi e un futuro tanto incerto quanto doloroso, sono ciò che Adriano Abregal, ingegnere di Formula Uno, si trova a dover affrontare. Il fatto che al suo fianco ci debba per forza essere Bianca Bastiani, una ballerina dallo stile di vita turbolento, non è certo incoraggiante. E per far funzionare la cosa i due “soci” studiano un patto blindato e preciso come un pit stop, una terra di nessuno asettica e impersonale dove all'apparenza sentimenti e  passione non dovrebbero avere diritto di cittadinanza.
Dopo averci deliziato coi suoi regency Dita come Farfalle e La Governante, entrambi molto apprezzati sia da critica che pubblico, Rebecca torna al suo antico amore, all’ambiente che le è più caro. Il romance contemporaneo. Non vogliamo svelarvi nulla ma siamo sicuri che anche questa volta farà breccia nei vostri cuori con i suoi personaggi indimenticabili e i loro arguti dialoghi.
Rebecca Quasi è una signora di mezza età che scrive per hobby. Ha esordito come autrice self nel novembre del 2017 pubblicando Didattica del sesso per gufi e zanzare, un romance contemporaneo al quale ne sono seguiti altri sette. Recentemente ha pubblicato con DRI Editore i romance storici intitolati Dita come farfalle e La Governante. Nella vita vera è una mamma, una moglie e un'insegnante... non necessariamente in questo ordine.
Buongiorno Lettori, 
oggi vorrei parlarvi dell'ultimo romanzo di Rebecca Quasi, tornata alle origini scrivendo un romance contemporaneo. Un libro che vi terrà incollati alle pagine, una dopo l'altra, fino alla fine, innamorandovi dei protagonisti e della storia.

Adriano Abregal è un ingeniere di Formula Uno, ha una bellissima moglie, MaVi (per gli amici in realtà il suo nome è Maria Vittoria) che ama alla follia e che sta per dare alla luce la loro bambina. Qualcosa va storto e lei strappa una promessa a suo marito, se dovesse accaderle qualcosa dovrà prendersi cura di sua figlia con la sua migliore amica Bianca. 

"Il cuore di Bianca batteva impazzito, le tremavano le mani. Nonostante si sforzasse, non riusciva a deglutire la sbobba che aveva davanti. Come si da a essere così cretini da ordinare un centrifugato in dicembre? Era solo un contratto, un accordo. Non aveva senso agitarsi così. Ma aveva davanti gli occhi magnetici di Adriano Abregal, occhi che l'avevano braccata nell'istante in cui erano entrati nella sua vita e in quella di MaVi. Prima o poi avrebbe dovuto decidersi a fare i conti con gli occhi di Adriano Abregal. Meglio prima che poi".

Bianca Bastiani è la prima ballerina di una compagnia chiamata LeAli, ha avuto un'infanzia ed un'adolescenza difficili, ma dalla sua parte ha sempre avuto la sua migliore amica e alla quale ha sempre confessato tutto (tranne una cosa che terrà solamente per se) e per la quale farebbe qualsiasi cosa. Anche prendersi cura della bambina che ha avuto da quello scontroso di Adriano Abregal. Non ha un uomo fisso, anche se una volta aveva conosciuto un uomo che credeva essere l'amore della sua vita, ma non è finita bene come aveva sperato. 

"Aveva confessato il suo più grande segreto. L'unica cosa che non aveva mai condiviso con nessuno, nemmeno con MaVi. Soprattutto con MaVi. Ma se una cosa non si poteva dire a MaVi non l'avrebbe saputa anima viva. Quel peso che le gravava addosso da anni con la ferocia di un rimorso, si era all'improvviso, e contro la sua volotà, librato da lei. Che vuoto che c'era ora. Un'anima che per dieci anni si era nutrita di un segreto inconfessabile, perdendolo, finiva per sentirsi smarrita. Che avrebbe fatto? Come avrebbe occupato il tempo? Come si sarebbe atteggiata ora che non c'era nulla da difendere e celare? Poteva essere se stessa. Poteva finalmente mostrarsi. Ma a chi".

I due sono anni che non vanno d'accordo, ma decidono di mettere da parte l'astio per amore della bambina alla quale dovranno fare da genitori. Per questo progettano un piano "perfetto" per far funzionare le cose, all'apparenza sembra perfetto però perchè ben presto le cose cambieranno e sentimenti e passione potrebbero creare problemi i quali non sembrano essere disposti ad affrontare. Come dice Bianca "...le cose possono sempre peggiorare". 

"Lo ascoltò e lo guardò e pensò che aveva ragione la sua amica MaVi, l'uomo perfetto esiste e prima o poi ci inciampi contro, che tu voglia o no".

Per avere una risposta a tutte queste domande non vi resta che leggere questo bellissimo romanzo! 

CONSIDERAZIONI
Avevo letto la trama di questo romanzo e da subito mi aveva incuriosita, ed una volta che ho iniziato a leggerlo mi ha completamente travolta. Due personaggi molto particolari e molto diversi, ma che al tempo stesso per amore decidono di mettere da parte il loro astio e perseguire un bene comune: quello di far crescere la piccola Teodora insieme. Rebecca Quasi è riuscita a trattare diversi temi in questo romanzo, con una delicatezza ed una dolcezza inaudita. Il lutto, il dovere di genitore, l'amicizia e l'amore in molte forme. 
Per quanto riguarda la parte tecnica i personaggi sono ben dettagliati, narrati in maniera perfetta tra indizi e misteri, l'autrice ce li fa scoprire un po' per volta, e piano piano scopriamo tutta la verità sulle loro vite grazie a dei flashback.  
Il libro è scritto in terza persona, anche se i pensieri dei nostri protagonisti ci delizieranno molto spesso. La lettura è fluida, scorrevole e per fortuna senza particolari errori.
Ero molto curiosa di leggere qualcosa di questa autrice, ora ne sono innamorata! Non vedo l'ora di leggere qualcos'altro di Rebecca. Libro assolutamente consigliato! Non mi resta che congratularmi ancora una volta con Rebecca Quasi e augurare a tutte voi Buona Lettura!!!



Tappe del review party


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino