REVIEW PARTY - RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Due cuori in affitto" di Felicia Kingsley


Titolo: Due cuori in affitto
Autrice: Felicia Kinglsey
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Commedia romantica
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 5,99 €/ 10,00 €
Data pubblicazione: 6 maggio 2019


Summer ha ventisette anni ed è californiana. Blake ne ha quasi trentatré ed è un vero newyorkese. Lei aspira a diventare una sceneggiatrice di successo, ma per ora è solo assistente del direttore di produzione di una serie tv. Lui è uno scrittore da svariati milioni di copie e i suoi bestseller sono sempre nella classifica dei libri più venduti. Summer è fidanzata con un uomo molto più grande di lei, mentre Blake è single per vocazione. Lei è una persona ordinata, precisa e mattiniera, fa yoga e beve tè verde; lui fa colazione con un Bloody Mary e due sigarette, vive nel caos e non si sveglia mai prima delle due del pomeriggio. Summer e Blake non hanno proprio niente in comune, a parte una casa delle vacanze negli Hamptons, che per un mancato passaggio di informazioni è stata affittata a entrambi. Qualcuno se ne deve andare, ma tutti e due hanno ottime ragioni per restare. E le ragioni potrebbero aumentare con il passare dei giorni…

Felicia Kingsley è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Matrimonio di convenienza, il suo primo romanzo inizialmente autopubblicato, ha riscosso grande successo in libreria con Newton Compton ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017. Stronze si nasce e Una Cenerentola a Manhattan sono stati nella classifica dei bestseller per settimane. Due cuori in affitto è il suo quarto libro. Per saperne di più: www.feliciakingsley.com


Buongiorno Chiacchierine! Eccomi qui con la recensione in anteprima dell’ultimo (e tanto atteso) romanzo di Felicia Kingsley: Due cuori in affitto! Edito da Newton Compton Editori. Un romanzo che vi terrà incollati alle pagine, non potrete più staccarvi finché non arriverete alla fine. Io l’ho letto in tre giorni! Un record per me ultimamente, non mi capitava da un secolo, ma sto divagando.

Summer Hale è la nostra prode protagonista, una sceneggiatrice in erba che ama da morire il suo lavoro e dà anima e corpo per poter emergere in quel mondo spietato che è Hollywood. Il lavoro di Summer la porta negli Hampton, il cast della serie tv The Elite girerà l’ultima stagione proprio lì e tutta la troupe si è trasferita. Così, per l’estate decide di trasferirsi con il suo fidanzato Ciorch, ops… George, nella villa di un amico di lui. 
Peccato però, che quando varcano la soglia si trovano di fronte una scena che faticheranno a dimenticare!
Sul tavolo da pranzo, infatti, due sconosciuti si stanno dando parecchio da fare. Si tratta dello scrittore bestseller e indisciplinato Blake Avery e la sua donna del momento Cheyenne Evans.
Il primo incontro tra Summer e Blake non è di certo il più convenzionale, anzi oserei dire tutt’altro, e tra i due scoppiano subito le scintille.

La bionda si tira a sedere coprendosi un seno che non si vedeva dai tempi di Pamela Anderson in Baywatch, e chiude le gambe di scatto dando una ginocchiata sulla fronte del tizio, che cade all’indietro, con un tonfo. «Che cazz… Cheyenne!».Io prendo lo spray al peperoncino dalla borsetta e lo tendo sulla faccia del tipo ancora a terra, spruzzando senza paura. «George! Chiama il 911, dì che ci sono degli intrusi e che mandino subito una volante. Non sappiamo se sono armati…».«Brutta stronzaaa…»

Di certo nessuno dei due si sforza più di tanto per andar d’accordo con l’altra, soprattutto perché il fidanzato di Summer, o spargiletame come è solito chiamarlo Avery, è un critico letterario che ha smontato ogni suo singolo libro. Blake parte subito prevenuto nei confronti di Summer, dopotutto per stare insieme a uno come Ciorch non puoi essere troppo diversa da lui.

Summer è petulante, altezzosa, precisina, vegetariana e astemia –sì, per me sono difetti– ma siccome, a sentire lei, un posto all’inferno non me lo leva nessuno, quasi mi stuzzica l’idea di avere un bersaglio mobile da prendere di mira a mio piacimento.

Ma il colpo di grazia a Summer arriva quando George riceve un’importante chiamata di lavoro, che lo costringe a trasferirsi a New York, lasciando la ragazza da sola con Blake e la sua ragazza urlatrice (che tra l’altro è un personaggio secondario nella serie tv The Elite).
Le cose non si mettono bene per Summer, soprattutto quando si ritroverà a convivere da sola con Blake, perché anche la sua fidanzatina Cheyenne gli ha dato il ben servito e se n’è andata in Spagna. 
I due però non riescono proprio ad andare d’accordo, ogni volta che si vedono litigano e Summer arriva al punto di dividere la casa in due perfette metà, e nessuno dei due può varcare la metà dell’altro.

«Io devo stare qui, non ho alternative e se non ho capito male, tu non hai intenzione di andartene. Se dovremo condividere la casa, lo faremo con delle regole: le mie». «Le tue?» «È evidente che tu di regole non ne hai, quindi sarà il caso di usare quelle dell’unica persona di buon senso di questa casa, la sottoscritta. Questa», dice spostandosi a destra della striscia di nastro adesivo, «è la tua metà di casa: con il tuo divano, tavolino, tavolo da pranzo, sedie, il tuo pezzo di veranda, la sdraio e la tua parte di piscina. Questa», mentre fa un passo oltre la striscia di scotch, «è la mia».

Ma le cose non vanno sempre come vorremmo e piano piano Summer inizia a conoscere meglio Blake, e Blake inizia a conoscere meglio Summer. Lo scrittore impantanato ritrova la sua ispirazione e Summer riesce a farsi notare dal suo capo proprio grazie a Blake. 

Lei continua a guardarmi con stupore, gli occhi sgranati e le sue belle sopracciglia alzate. «Avery», sussurra con un filo di voce che quasi fatico a sentire. «Hai letto la mia sceneggiatura?» «Ovvio».

I momenti romantici, alternati a quelli comici non mancheranno. Persino le scene di passione e travolgimento saranno ben ponderate. Ma soprattutto non mancheranno quel solletichino allo stomaco e gli occhi a cuoricino ogni qualvolta Blake farà qualcosa di estremamente dolce. 
Due cuori in affitto è un romanzo che merita di essere letto, anzi divorato!

I personaggi sono tutti ben caratterizzati. Blake l’ho amato fin dal primo capitolo, così sfrontato, seducente, intrigante, maleducato… ma legato ai suoi principi fino al midollo.
E Summer, così dolce, cocciuta, determinata da riuscire a tenere testa a un uomo come Blake Avery!
Il personaggio di Ciorch l’ho trovato irritante fuori misura… ed è una cosa stupenda perché significa che Felicia è riuscita a renderlo vivo, reale (anche se per fortuna non esiste, altrimenti sarebbe da rompergli la testa contro al muro).

«Ho anche male al collo, come previsto, senza deumidificatore». George mi scosta, invitandomi a tornare nella mia metà. «Non mi va, grazie». “Non mi va, grazie”?! Non gli ho mica offerto una tazza di tè!

Per non parlare di Emma Rae, migliore amica di Summer e Dwight, migliore amico di Blake. Due uragani che scombussoleranno e aiuteranno i due protagonisti nella loro estate disperata.
Due cuori in affitto mi ha ammaliata. Già leggendo la trama non vedevo l’ora di leggerlo, la cover poi è perfetta per Summer e Blake, sono Summer e Blake. 
Sono stata travolta dalla loro storia come un maremoto: Blake con il suo fascino e lo sguardo malizioso, e Summer con le sue regole che non vede l’ora di infrangere. 
Non so che altro dire su questo libro. Sono ancora nella fase di stordimento post fine lettura. Quando sono arrivata al punto finale avevo gli occhi lucidi, ero felice, frastornata, triste perché non volevo finisse. Avrei voluto leggere ancora di loro, sapere come sarebbe andata con la sceneggiatura di Summer. Se Blake avrebbe pubblicato il suo romanzo…
Avrei voluto di più, ma perché ero talmente coinvolta da loro da non volerli lasciare andare. 

«Blake, che intenzioni hai?» «Abbiamo lo champagne, il buffet, i Good Charlotte e tu hai il vestito: benvenuta al tuo ballo di fine anno». Le faccio cenno con la mano di alzarsi. «Non accetto un no».

Direi che questo romanzo è super consigliato! Chi ama le storie di Felicia non può non leggere Due cuori in affitto, e chi ama le storie d’amore che ti travolgono questo romanzo è perfetto. 

«I nostri cuori sono stati in affitto troppo a lungo».



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino