RECENSIONE IN ANTEPRIMA "La sposa delle tenebre - Il bacio della morte" di Vanessa Vescera e Fabiana Andreozzi

Titolo: La sposa delle tenebre – Il bacio della morte Autore: Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera
Genere: Urban Fantasy
Formato: ebook e cartaceo
Editore: Self-publishing
Costo: 0.99€ in offerta in ebook per il pre-order e fino al 12 maggio poi 2,99€ - gratis in KU - 12€ cartaceo Numero Pagine: 310
Uscita: 6 Maggio


Honey ha diciassette anni, ma di una ragazza comune non ha nulla. Bionda e con occhi chiari, di un viola che ricorda i lillà, è cresciuta con la sola consapevolezza di essere orfana di madre, cagionevole di salute e con una forte fede religiosa. Tutto nella sua vita scorre serenamente fino a quando, dopo la premiazione di un concorso letterario che si tiene a Whitby, la sua vita viene stravolta. Nel paese che le è sempre stato caro il sangue scorre a fiumi e, dopo la scomparsa della sua migliore amica Ellie, i suoi incubi iniziano a essere veri squarci sul futuro. Suo padre, il reverendo del paese, preoccupato la affida a Michael, spacciandolo per un amico di famiglia, e la manda a Londra, lontano dalla ferocia di un serial killer che si aggira indisturbato. La realtà invece è tutt’altra e sconvolgerà la vita di Honey per sempre. La leggenda della sposa delle tenebre le farà scegliere da che parte stare e dovrà decidere se assecondare il cuore oppure la ragione per mantenere un equilibrio ormai sull’orlo del precipizio.

Benvenuti su Opinioni Librose, oggi ho il piacere di parlarvi in anteprima, del nuovo romanzo firmato da Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera "La sposa delle tenebre  - Il bacio della morte" in uscita il 6 Maggio.
Nella tranquilla Whitby, Honey e suo padre, il reverendo del paese, vivono apparentemente una vita normale, guidati dalla fede, dai sani principi, dalla ragione.
Honey è una ragazza "pura" non ha mai disobbedito a suo padre e mai ha fatto qualcosa che potesse dispiacerlo, ma Honey ha un amica Ellie, molto diversa da lei, una ragazza alla quale piace divertirsi, piacciono i ragazzi, tanti sogni e tante speranze.
Ellie è molto unita a Honey, ma i loro caratteri diversi spesso vanno in contrasto, Honey non vuole disobbedire a suo padre e lascia Ellie sola.
Ellie scompare.
La vita di Honey viene stravolta, iniziano degli incubi incomprensibili che spesso nasconde al padre.
Per questo il reverendo decide di affidarla a Michael e allontanarla da Whitby.

Il male serpeggia ormai come Satana ovunque. Lento. Silenzioso. Viscido. Traditore. Attende l’attimo giusto per colpire, per trafiggere i cuori. 

Honey è la protagonista principale e indiscussa di questo romanzo, nella sua semplicità, di ragazza pura e dedita al padre e alla sua fede, Honey è un personaggio complicato.
Può sembrare contraddittorio, ma quando leggerete tra le pagine, riuscirete a scorgere quanto la caratterizzazione di Honey sia complessa, i suoi gesti non esprimono quello che la sua mente pensa.
Honey è un uccellino chiuso in una gabbia d'oro, lei non è cosciente di quanto sia reclusa e repressa, nel mondo che il padre ha creato per lei, solo dopo l'allontanamento forzato da Whitby Honey prende coscienza di sé, la vedo come un bimbo che inizia a esplorare e che inizia a capire che non è più un prolungamento della madre ma un essere a sé, Honey si sente finalmente libera.
Purtroppo per lei, la parola Destino incombe come un macigno.
Punto focale di questo romanzo, è proprio lui, incontrollabile e irruento si affaccia inesorabilmente nel cuore e nella mente di Honey.

Honey dopo la scomparsa della sua amica non è più la stessa, ha messo le ali ma non può volare.

Sono viva, ma vorrei semplicemente non esserlo, ora che osservo questo mondo distorto da questa nuova prospettiva. Ora che ogni certezza è crollata come neve al sole, vorrei solo lasciarmi andare e morire mille altre volte per cancellare questo immenso dispiacere. Aver vissuto una vita non vita, una vita di inganni, di false speranze, di amori non amori.

Adoro la complessità di questo personaggio e anche il personaggio di Michael è ben caratterizzato, in tutta onestà avrei preferito che anche l'altro personaggio maschile fosse caratterizzato meglio, mentre di Honey si può cogliere ogni sfaccettatura del carattere, mentre uno dei due protagonisti maschili no, è rimasto avvolto nel mistero.
Non è la prima volta che mi imbatto in queste due autrici le trovo una coppia vincente dallo stile semplice ma d'effetto.
Ho divorato questo romanzo, un testo ben curato, con un buon editing: una lettura piacevolissima scorrevole, ma anche impegnativa, è stato come leggere un Thriller (tutti sanno quanto li adoro, spero che Vanessa e Fabiana non si offendano, ma il mio è un complimento) una trama ben costruita dove scopri l'assassino solo alla fine! 
Consiglio la lettura a chi ama il genere Fantasy, e a chi ama il mistero e agli intrighi!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni