RECENSIONE "Cambia il vento" di Rebecca Quasi



Titolo: "Cambia il Vento"
Autore: Rebecca Quasi
Editore: Dri Editore
Genere: Romance Regency
Formati disponibili: ebook GRATIS SU WWW.DRIEDITORE.IT/ cartaceo 12.99



 “Vestito quasi completamente di nero, in uno stile sobrio ma raffinatissimo, era entrato nella sala da ballo della residenza londinese dei conti di Norfolk con lo stesso incedere di una pantera e suscitando più o meno lo stesso effetto.
La sala era ammutolita. 
Lui aveva sorriso. Il suo viso diventava leggermente asimmetrico quando lo faceva e gli occhi chiarissimi emanavano scariche elettriche che, nel caso di Costance, avevano colpito dritto alla spina dorsale.
Era abbronzato, naturalmente, alto e ben piantato, una versione civilizzata e ringiovanita di Poseidone, il che lo poneva in netto contrasto con tutti gli uomini presenti in sala. Con loro aveva in comune solo le maniere impeccabili le quali, su di lui, risultavano ironiche e irriverenti. Irresistibili.”
Exeter. 1886.
Mr. Devon Holmes è partito dal basso. Ha iniziato a lavorare come mozzo a sedici anni e nel volgere di un decennio è diventato prima capitano e poi armatore. Grazie alla sua abilità negli affari è riuscito a sposare lady Costance, figlia del conte di Norfolk, nobile ma in dissesto finanziario.
L'unione tra i due non è mai stata né intima né felice e il disastro economico in cui Holmes sarà coinvolto, non potrà che peggiorare la situazione, ma il destino ha in serbo per lui qualcosa di inaspettato; del resto, un vento che cambia può far succedere di tutto, anche stanare una passione sopita...


Buongiorno librose,
Eccomi di nuovo e questa volta parleremo di un racconto Regency Romance di Rebecca Quasi. 
Volete sapere l'espressione sul mio viso dopo aver letto le ultime righe? Era un sorriso divertito sovrastato da una pace interiore. Ecco, vi sembrerò forse strana con questa espressione ma questo romanzo oltre a farmi sorridere in alcune situazioni mi ha regalato delle emozioni positive.
Durante la lettura mi sembrava di avere davanti a me un puzzle da ricostruire, per ogni pezzo che andava al suo posto mi sentivo un po' meglio, come se piano stessero guarendo. Con l'aggiunta dell'ultimo pezzo, il disegno si completa e l'armonia ritorna.


Devon, un uomo d'affari, ha sposato la figlia di un conte. Inizialmente innamorato di lei ma "costretto" a seguire la etiquette e gli affari, che lo fanno allontanare sia dal rapporto con la moglie che dalla vita famigliare in generale. Quindi, per soddisfare il suo appetito sessuale si trova un'amante, del resto un modo di fare comune del periodo.
Costance è una donna colta, coraggiosa che fa la vita di una lady. Una vita agiata, con dei servitori che ha sempre trattato con rispetto. Madre di due figli e di un gatto che dorme con lei.  Quando viene a sapere che è morta l'amante di suo marito (per un attimo ho pensato fosse lei l'artefice) si chiede se suo marito se ne troverà un'altra, oppure chissà ....
È la storia di una famiglia divisa che a causa di alcuni eventi spiacevoli si ritrova, si confronta e finalmente trova la felicità. Ogni membro trova il suo angolo felice, il suo posto nel "mondo". È una storia dalle seconde possibilità, dove l'amore quello vero, anche se per un pò di tempo è stato messo in stand by, è capace di ritornare più forte di prima e guarire le crepe create.

Qui sotto vi riporto un estratto che mi ha fatto sorridere.

“La locanda potrebbe essere un problema.”“La locanda? (...)“Dovete sapere che qui... qui la gente... non la gente in generale, la gente sposata, quelli sposati tra di loro intendo, dormono insieme.”“Siete sicuro?”“Sicurissimo.” “Be' noi veniamo da Exeter.” “Costance... sarò lo zimbello del paese.”“Sarete lo zimbello del paese se farete che cosa?” Adesso però faceva apposta. Aveva capito e voleva che lui si umiliasse del tutto. Gli occhi decisamente verdi del Somerset non erano così intelligibili come quelli di colore incerto del Devon. “Se dormirò da solo!”“Ah sì?”“Sì!”“E perché?”“Da queste parti la gente sposata dorme nello stesso letto.” E se non lo capiva da sola, lui non glielo avrebbe spiegato! Costance sbatté le palpebre. Com'era possibile che gli occhi fossero serissimi e la bocca stesse per scoppiare a ridere? “Quindi per non essere deriso da tutto il paese è indispensabile che...”“Che occupiamo la stessa stanza.” finì per lei. “Solo quello. Posso anche dormire sul pavimento.”“Affare fatto. E niente pavimento. È ridicolo.”
Considerazioni
Cover "semplice" ma che rispecchia al meglio la trama e i legami tra i personaggi. È il ritratto di una famiglia. La lettura è scorrevole e piacevole. L'autrice è stata brava nelle contestualizzazioni e i modi d'uso dell'epoca.
Consiglio la lettura agli amanti del genere.





Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino