REVIEW PARTY - RECENSIONE - "Without you" di Veronica Scalmazzi


Titolo: Without you
Autore: Veronica Scalmazzi
Editore: Self publishing
Genere: Contemporary romance
Prezzo ebook: € 2,99 - ORDER
Prezzo cartaceo: da definire
Data pubblicazione: 20 dicembre 2018
Serie: autoconclusivo



Due bambini abbandonati.
Una vita da "non voluti".
Una dispensa e un barattolo di miele.
Una promessa.
Un addio.
Questo è tutto ciò che lega Jase alla sua Honey.
Lei è la sua stella cadente.
Lui è il suo Superman.
Insieme sono una famiglia.
Separati sono l'uno la parte mancante dell'altra. 
Ma cosa succede quando a spezzare quel legame indissolubile è proprio chi aveva promesso di restarti accanto per sempre?
All'improvviso, Jase si ritrova nuovamente abbandonato, sballottato da una famiglia all'altra. 
Nessuna radice, nessun posto dove sentirsi a casa. Solo rabbia e un odio che si porta dentro da quando aveva dieci anni. Da quando lei se n'è andata lasciando Monterey e l'istutito S. Joseph senza di lui. 
Da allora sono passati undici anni e Jase è sopravvissuto, vivendo di piccoli crimini e scelte sbagliate. Ma non c'è più tempo per commettere altri errori, ora è tempo di prendere una decisione che potrebbe cambiare per sempre la sua vita.
Un incontro sotto la pioggia.
Uno sguardo che scava nel profondo.
Una seconda chance.
Un'emozione che profuma di cocco.
Un solo nome: Sarah Morgan, figlia del Reverendo di Carmel.
Può l'amore salvarti? Restituirti un domani che credevi ormai perso? 
Due anime affini.
Un passato che minaccia di distruggere tutto.
Un destino che non ha ancora finito di giocare.



Buongiorno e benvenuti a tutti i lettori,
Oggi ospitiamo il Review party per Without you di Veronica Scalmazzi,  che ci ha fornito il file in lettura.
Vi dico subito che il libro è differente rispetto a quelli letti fin'ora ma seguitemi mentre vi presento Jase e Sarah.

Jase ha vent'anni, ha un conto aperto con la giustizia e il suo futuro sembra segnato. Un cattivo ragazzo a tutti gli effetti: sbruffone, arrogante e pronto a usare il prossimo. Vive alla giornata e si accompagna a pessimi soggetti ma per lui, che ha perso tutto e si sente un "non voluto", questi sono quanto di più vicino a una famiglia possa sperare di avere.

«Lei non sa un cazzo!» gli urlo addosso. «Solo perché ha letto il mio fascicolo, crede di conoscermi? Si sbaglia. Le informazioni scritte su quei fogli sono solo date e appunti inutili, proprio come la mia esistenza. Io non sono Jase McBride, Giudice Porter. Io sono il bastardo non voluto che è stato abbandonato ancora in fasce davanti all'istituto S. Joseph e che nessuno voleva adottare. Sono un male per questa società, la feccia con cui nessuno desidera avere a che fare. E non sono suo figlio.»

È animato dalla rabbia e dall'odio che lo logora dall'interno e gli fa pensare di non meritare nulla. Questa convinzione gli viene da un tradimento, quello che mai si sarebbe aspettato di ricevere.

Tu eri l'unica luce in mezzo al buio della mia esistenza, senza di te...» Prende fiato e chiude gli occhi, come se volesse mettere al sicuro la sua anima segnata dalle cicatrici. «Il buio è diventato totale e io mi sono perso. Te ne sei andata e mi hai abbandonato, Sarah. Hai lasciato che mi perdessi.»

Sarah alias Honey ha diciott'anni, la sua vita è serena. La sua famiglia e gli amici la circondano di affetto e lei ricambia con un amore profondo. Una giovane donna che si affaccia alla vita con gioia e leggerezza ma un'ombra, oscura questa spensieratezza e ha radici nel suo passato. Un passato ingombrante che la segna ma da cui attinge anche forza.

«Fa male anche essere felice a metà. Sorridere senza quella metà di cuore che non ti appartiene più. Vivi, respiri, ma senza vivere davvero. Non fino in fondo. Sempre e solo a metà. Anche questo fa male, Jase.»

Ingenua e romantica crede che per ogni cosa ci sia una spiegazione e una soluzione.

Ogni parete raffigurerà un momento della giornata, io ho scelto la notte delle stelle cadenti perché credo fermamente nei desideri affidati ai corpi celesti che tempestano il cielo quando meno te lo aspetti.

Dopo undici anni passati a odiare e ad attendere, il destino gioca le sue carte: un incontro fortuito, una mano allungata e una seconda possibilità. Sono questi gli elementi che potranno aiutare a ritrovare la giusta strada o a perdersi per sempre. 

Jase è il lato oscuro della mia anima. È il battito accelerato del mio cuore, la parte più vera di me. Amarlo vuol dire perdersi. Smettere di respirare. Vivere davvero.
...
Siamo fuoco, passione, amore. Siamo un uragano che non può essere fermato. Incontrollabile. Distruttivo. Travolgente. È Honey che stringe il mio cuore al suo.

Cosa sceglieranno i due ragazzi e cosa accadrà alla loro vita e alle loro convinzioni? 

Considerazioni

La sinossi è molto particolareggiata ecco perché non mi dilungo nell'esporvi la trama. Sarebbe un peccato svelarvi qualcosa, che dovete scoprire, rischiando di togliervi il gusto della lettura.
Questo romanzo è differente dai precedenti che ho letto dell'autrice. Ostacoli, turbamenti, decisioni, rabbia e sentimenti sono presenti ma Veronica ha scelto una narrazione più introspettiva, dove i protagonisti raccontano al presente, in prima persona e a capitoli alternati cosa accade, provano e cosa hanno vissuto nel passato.
La lettura assume un ritmo serrato e le emozioni non hanno filtri sia che il pov sia di Jase o di Sarah, il lettore si trova a vivere la scena in prima linea con  la sensazione di sapere già cosa è accaduto.

Il passato si fonde al presente attraverso i ricordi con cui i protagonisti rammentano ciò che hanno vissuto da bambini. La simbiosi che si crea è molto forte e se da una parte ci si immedesima nell'irruenza dei giovani che sono, dall'altra si prova tenerezza per i bambini che sono stati.
Il contrasto tra i protagonisti è molto forte sotto tutti i punti di vista ma si completano e tengono testa.
Lui un cattivo ragazzo e lei la ragazza ingenua sembrerebbe un clické già visto, in realtà non è così; l'autrice è riuscita a dare uno spessore a entrambi e a non cadere nelle solite banalità. I due si tengono testa sia verbalmente che fisicamente e questo crea spesso battibecchi infuocati e siparietti divertenti. Sono presenti scene intime, il linguaggio è quello contemporaneo, le descrizioni abbastanza velate e non eccedono mai. Le ho trovate dolci e sensuali.

La trama è ben sviluppata e i colpi di scena non mancano anzi credo che l'autrice si sia divertita a crearne di inattesi per far tremare i lettori. Buoni i risvolti psicologici e la crescita interiore che subiscono i protagonisti. 
Ben gestiti anche i personaggi secondari che hanno un forte impatto e gettano le basi per romanzi successivi.
Una lettura frizzante grazie anche alla presenza di lunghi dialoghi che rendono veloci le scene.
Faccio i complimenti a Veronica per aver dato vita a un romanzo capace di regalare molto. Ho notato una tua crescita come scrittrice, ti terrò d'occhio! 

Un romanzo che consiglio agli appassionati dei contemporanei e a chi ama le storie d'amore che devono attraversare mille peripezie. 

«Rialzati e trova la tua strada. Non permettere al passato di portarti via il futuro che meriti»

Buona lettura!
Monica S.





Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni