RECENSIONE "Dieci piccoli indizi" di Joy Ellis

Titolo: Dieci piccoli indizi
Autrice: Joy Ellis
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Thriller
Prezzo cartaceo: 7,43 euro
Prezzo ebook: 2,99 euro
Data pubblicazione: 25 gennaio 2018
Pagine: 317
Serie: Nikki Galena serie
Avvincente come La ragazza scomparsa
Scioccante come La donna di ghiaccio
Un grande thriller
«Una suspense unica.»
«Ti tiene sulle spine.»
«Un finale sconvolgente.»
Nikki Galena è una detective in gamba, ma non gioca secondo le regole. Di certo non quando ha a che fare con i malviventi responsabili di aver ridotto in fin di vita sua figlia. È anche una donna solitaria, per niente brava nel gioco di squadra. E invece è costretta a lavorare in coppia con Joseph Easter, l’ultimo arrivato alla Centrale, preceduto da una pessima reputazione. Insieme dovranno affrontare due casi apparentemente semplici, destinati però a mettere a dura prova le loro abilità di investigatori. La città è infatti terrorizzata da gruppi violenti che indossano delle maschere: a Galena e Easter il compito di smascherare quei balordi. Ma quello che con grande fatica riusciranno a scoprire avrà il volto dell’orrore. Un incubo al di là di ogni possibile immaginazione...
Un’autrice da oltre 200.000 copie in Inghilterra
Nikki Galena: una detective che non ha nulla da perdere e che non si ferma davanti a niente pur di vendicare sua figlia
«Una storia emozionante, che non annoia mai. L’autrice dà vita a personaggi credibili e a una trama avvincente. Da leggere assolutamente!»
«Un finale esaltante è la ciliegina sulla torta di questo romanzo. Joy Ellis è bravissima nel far affezionare il lettore a ciascuno dei personaggi. Non vedo l’ora di leggere il suo prossimo libro.»

Joy Ellis
È nata nel Kent, ma ha trascorso la maggior parte della sua vita a Londra. Adesso si dedica alla scrittura e vive nel Lincolnshire con la sua compagna Jacqueline, una ex poliziotta decorata che ha ispirato la protagonista dei suoi romanzi. Dieci piccoli indizi è il primo romanzo di una serie che ruota intorno alle indagini di Nikki Galena.

Bentrovati, lettori e lettrici del blog!
Altro giro, altra recensione, stavolta per un giallo che mi è piaciuto, ma non è riuscito a convincermi del tutto.
La storia è incentrata su Nikki Galena, una ispettrice di polizia di trentasei anni, molto dura sia con gli altri sia con se stessa. È una donna sola, anche per sua stessa scelta: il marito l’ha lasciata, i colleghi la detestano, i criminali le stanno alla larga o ci provano. I suoi modi, infatti, non sono per nulla gentili. Nikki sa essere rude e volgare, manesca e arrogante. Proprio per questa ragione, rischia di perdere il suo lavoro. Per evitare questa possibilità, le tocca lavorare con un nuovo collega dalla insolita reputazione di religioso, Joseph Easter, il quale si rivelerà non solo competente e brillante, ma anche simpatico, acuto e, guarda un po’, bellissimo.
A Greenborough, piccola città mercantile in cui la storia è ambientata, bande di ragazzini iniziano a indossare maschere inquietanti, mentre due ragazze vengono rapite e la criminalità s’impenna. L’atmosfera è tesa, le indagini frenetiche e, piano piano, vengono a galla i segreti dei vari personaggi: Nikki è ossessionata dal desiderio di azzerare lo spaccio di droga, ma anche da incubi personali e da una situazione con la figlia davvero drammatica. Joseph, dal canto suo, agisce e pensa ancora come il soldato che era, ma deve adattarsi ai nuovi colleghi e rinunciare a una parte di sé, a causa della quale ha perso moglie e figlia.
Il ritmo della storia è lento, soprattutto in principio, quando vengono introdotti i personaggi. Nikki, in particolare, si comporta né più né meno come un uomo, uno di quelli che si trovano nei vecchi gialli, nei quali il protagonista è un anti eroe, burbero e con poco rispetto delle regole. Il cliché è talmente abusato che spesso ho alzato gli occhi al cielo. Stessa impressione per il collega, ideato per adattarsi a Nikki e farle comprendere i suoi errori.
Non nego, però, che la trama sia ricca di colpi di scena e mai noiosa. La Ellis è brava sia nelle descrizioni della vita alla centrale di polizia sia in quelle relative alle Fens, le zone palustri che circondano la cittadina portuale.
Il finale regala qualche emozione in più, ma non brilla di originalità. Nonostante l’assenza di errori, lo stile non mi ha fatto impazzire e, per una volta, mi è capitato di pensare di non aver voglia di leggere il seguito.
Opinione personale a parte, considero questo libro davvero buono. Chi non ha dimestichezza con il genere, potrebbe considerarlo un ottimo punto di partenza e non esserne affatto deluso.

Buona lettura a tutti!




Commenti

  1. Partecipo e condivido ! Messo utile su Amazon

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Partecipo con piacere grazie
    condiviso
    Sul blog sono Marianna Facciolli
    Segui su Amazon

    RispondiElimina
  4. Questo libro, in base a quello che ho letto nella tua recensione, non mi convince molto: il fatto che la lettura non sia molto scorrevole non gioca a sua vantaggio. Altro punto debole credo che sia l'utilizzo dei cliché("... il cliché è talmente abusato che spesso ho alzato gli occhi al cielo."). Sono molto indecisa se prenderlo in considerazione.

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo gioiellino, vi ringrazio per la segnalazione e per l'ottima recensione di Emma. Io adoro i thriller e mi sono già innamorata della trama.. da aggiungere sulla mia wish list nel caso perda il give come sicuramente avverrà!

    RispondiElimina
  6. Mi sono avvicinata da poco al mondo thriller. Trama interessante e complimenti per la recensione.

    RispondiElimina
  7. Non è il genere che amo però dalla trama e dalla vostra recensione mi ha un po'incuriosita chissà se sarò fortunata e magari è la volta buona che inizio a leggerli complimenti comunque per la recensione ho messo utile su amazon

    RispondiElimina
  8. Partecipo e condivido.Mi ha incuriosita molto la trama.
    Seguo il blog come Salvatrice Conte
    Seguo fb e ig come Salvina Conte

    RispondiElimina
  9. La Newton ci sta abituando bene con i thriller e questo mi ispira davvero un sacco! La tua recensione mi fa capire che ti è piaciuto, motivo in più per tenerlo d'occhio ;)
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
  10. dalla trama mi sembra molto coinvolgente come thriller
    complimenti per la recensione

    RispondiElimina
  11. Mi piacerebbe molto leggere questo romanzo: adoro i thriller! Messo utile su Amazon

    RispondiElimina
  12. Che trama coinvolgente e complimenti per la recensione, seguo il blog, su FB sono Fabiola Bruna, condivido il post, grazie dell'opportunità

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Partecipo :) sembra molto bello questo libro *_*

    RispondiElimina
  15. Ho messo utile sotto alla vostra recensione. Partecipo e condivido perché adoro i thriller

    RispondiElimina
  16. Mi ispira davvero tanto. Grazie

    RispondiElimina
  17. partecipo, non è il mio genere preferito ma la vostra recensione mi ha incuriosito

    RispondiElimina
  18. Partwcipo e condivido. mwsso utile su amazon e per qusnto rivuarda il libro, sono un po esigente per quanti riguarda il genere gialli e leggendo la recensione a parte qualche colpo di scena, procede tutto lentamnete. Ma sono sempre.curiosa di conoacedw nuovi autori

    RispondiElimina
  19. partecipo. sono indecisa,bello ma lento. bisognerebbe leggerlo!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni