RECENSIONE per "Ti ricorderò, sorridendo" di Marilena Di Micco

Titolo: Ti ricorderò, sorridendo
Autore:  Marilena Di Micco
Formato: Ebook / Cartaceo
Prezzo:       0.99 / 9.97
Genere:  Contemporary Romance
Editore:  Self Publishing
Data pubblicazione: 08 Agosto 2016
Pagine:  269
Protagonisti: Elhaida, Luca, Aurora


Elhaida è una ragazza come tante altre, ama i valori della vita, tiene alle persone che la circondano più di quanto tiene a se stessa, e si considera fortunata ad avere una famiglia, degli amici, un ragazzo che la amano allo stesso modo.
Sembra andare tutto per il verso giusto, fino al giorno dell'incidente, in cui tutto il suo mondo viene stravolto. Incubo e realtà diventano le due facce di una stessa medaglia. Spetterà solo alla ragazza trovare la forza per risalire, e tornare alla sua vita... 
Ma niente potrà mai tornare com'era prima, e la vita spesso continua anche con qualche pezzo in meno, nonostante il vuoto che riporta. Cos'è accaduto veramente in quell'incidente? Chi sono in realtà le persone che circondano Elhaida? Spetterà solo a lei scoprirlo e riuscire finalmente, a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle, ma prima che sia troppo tardi... 

Una sfida contro il tempo, in cui solo l'amore può tutto ed essere la vera forza.

Sono Marilena Di Micco, una ragazza come tante. Nata a Napoli, dove vivo
attualmente. Mi piace l’arte, leggere e scrivere. In quest’ultima ci ho messo il
cuore, sperando di arrivare al vostro.

Bentrovati cari amici e amiche del blog. Durante le vacanze natalizie mi sono rilassata e dedicata a varie letture. Per il blog ho letto “Ti ricorderò, sorridendo” un romanzo adatto a tutti, prima opera di una giovane autrice napoletana, Marilena Di Micco.
La protagonista è Elhaida, una studentessa universitaria, una ragazza semplice con una vita tranquilla, una famiglia che ama e degli amici sinceri.
Il rapporto più intenso lo ha con la sua migliore amica Aurora. Uno di quei rapporti che ognuna di noi, se fortunata, ha vissuto durante l'adolescenza. Quel vivere in simbiosi condividendo ogni cosa; l'amica su cui ti appoggi per sfogarti, per confessare i tuoi segreti più intimi, le prime cotte. La prima cotta di Ely, tutti la chiamano così, è Luca. È sempre stata innamorata di lui e, quando finalmente il ragazzo confessa di corrispondere gli stessi sentimenti, la vita di Ely diventa completa. Ha tutto ciò che si possa desiderare: l'affetto incondizionato di una famiglia, la lealtà di un'amica speciale che le arricchisce la vita e l'amore del ragazzo che ha sempre amato.
La vita, però, è imprevedibile, quando meno te lo aspetti arriva quell'episodio che stravolge tutto il tuo mondo. Quante volte nella nostra vita abbiamo sentito quelle frasi fatte: “era destino”, “doveva andare così”...
Ebbene, anche nella vita di Elhaida arriverà quel maledetto giorno in cui cambia tutto, in cui la felicità lascia il posto al dolore e alla disperazione e ci si lascia andare ai ricordi per rivivere quel passato che non si riesce a lasciare andare, trovando in essi la forza di riprendere in mano quel che rimane della tua vita.

“Ti ricorderò sorridendo” è un libro emozionante, toccante, commovente. È uno di quei libri che, quando hai terminato ti vien voglia di fare tuo il motto “CARPE DIEM”, perché ti fa riflettere sull'importanza della vita e di viverla appieno, senza incertezze e tentennamenti.
Devo dire la verità, per riuscire a entrare in sintonia con il romanzo ci ho messo un po', all'inizio ho fatto molta fatica a seguire, perché i continui flashback mi mandavano in confusione. Non riuscivo a inquadrarli nel tempo e nello spazio. 
Mi ritrovavo a leggere di scene che non sapevo bene dove collocare; non capivo nemmeno a chi facessero riferimento. Non riuscivo a immedesimarmi con la protagonista e a fare mie le sue emozioni. Solo verso la fine del libro sono riuscita a immedesimarmi e ad apprezzare il lavoro di Marilena. Ho capito che l'autrice ha, volutamente, lasciato un po' di confusione nel lettore ma, forse ciò, ha reso il libro meno scorrevole.

Simpatica l'idea di ritrovare in ogni capitolo strofe di canzoni che accentuano lo stato d'animo della protagonista e ancora di più mi è piaciuto che ogni capitolo iniziasse con una parola che, solo alla fine della storia, rivelerà una frase davvero significativa, nella sua interezza. 
Tranne lo stato di confusione all'inizio del libro e qualche errore di battitura e di punteggiatura, trovo il libro buono. 
L'autrice ha saputo mettere in luce quali sono i veri doni della vita.
Quei doni che spesso diamo per scontati, ma che invece dobbiamo apprezzare, perché, da un momento all'altro tutto può cambiare.

"Ogni persona che passa nella nostra vita è unica.
Sempre lascia un po' di sé e si porta via un po' di noi.
Ci sarà chi si è portato via molto, 
ma non ci sarà mai chi non avrà lasciato nulla.
Questa è la più grande responsabilità della nostra vita e la prova evidente che due anime non si incontrano per caso."

Buona Lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni