RECENSIONE - "Ti ritroverò, oltre i confini del tempo" di Elisabeth Norman

Titolo: Ti ritroverò, oltre i confini del tempo
Autrice: Elisabeth Norman
Editore: Self Publishing
Genere: racconto rosa
Prezzo ebook:  € 0,99
Data pubblicazione: 12 dicembre 2017
Pagine: 45
Serie: autoconclusivo
ORDER

Jonathan Heys, un noto scienziato del M.I.T, un po' orso e un po' musone ma affascinante e obiettivamente bello, si reca in Italia, da dove è emigrato tanti anni prima, per promuovere il suo nuovo libro. I pensieri del professore sono occupati solo dai propri esperimenti per dimostrare le sue azzardate teorie sui viaggi nel tempo e dal forte desiderio che le riviste del settore, tipo Science, ne riconoscano la validità. Non ha la testa per altro. Questo, fino a quando non incontra, lei, Sarah White, una modella bellissima e con il sogno di laurearsi in fisica. Bellezza e intelligenza lo fanno innamorare, e Sarah ricambia subito i suoi sentimenti. Infatti è la prima volta che qualcuno vede oltre il suo aspetto fisico. In realtà la ragazza ha strani pensieri che offuscano la sua felicità.
É come se il destino non avesse voluto che lei e il suo professore si incontrassero, pensa dubbiosa.
Il perché lo scopre grazie alla villa che Jonathan ha ereditato da sua nonna Rosemary. Quella bellissima casa sul lago di Como, infatti, nasconde un segreto. 
Un segreto che è anche il segreto di Sarah e che, però, la ragazza non fa in tempo a rivelare. 
Adatto a tutti


Buongiorno cari, do inizio al nuovo anno con una nuova recensione, ho letto per voi Ti ritroverò, oltre i confini del tempo” di Elisabeth Norman.

I protagonisti sono Sara White e Jonathan Heys:
Sara è una bellissima donna, fa la modella e vive dei pregiudizi che la vorrebbero una bella senza cervello.
Jonathan è uno scienziato, che tende a isolarsi dal mondo ed è convinto che non gli vengano riconosciuti i giusti meriti.

Due persone agli antipodi che, in realtà, grazie a un incontro casuale, scopriranno di avere molto in comune. La loro storia viaggerà velocemente sui binari della mente, per via della loro passione verso la scienza, su quello dei sentimenti perché si troveranno imbrigliati in una passione che brucia velocemente e non lascia tempo per altro.
Le differenze sociali e di età non hanno importanza, entrambi vogliono vivere ciò che il destino ha in serbo per loro. Già, il destino, che cosa può volere veramente? Leggete e lo scoprirete.

Considerazioni

È il primo libro di Elisabeth che leggo, sono partita da questo racconto per farmi un’idea. Devo dire che ne sono piacevolmente colpita, è un racconto ma l’autrice l’ha integrato con tutti gli elementi necessari per renderlo avvincente, convincente ed emozionante.
La trama ha un buon ritmo e quando penso di sapere come andrà a finire ecco il colpo di scena che mi lascia sbalordita.
Elisabeth integra alla narrazione, in terza persona, un introspezione dei personaggi e dei dialoghi atti a rendere completa la conoscenza degli stessi.
Contrappone, a un protagonista freddo e distaccato, una protagonista solare e allegra. I due poli che si attraggono, è incredibile vedere come uno assume le caratteristiche dell'altra e arrivino a smussare i propri difetti.
La lettura risulta veloce e riesce a far arrivare al lettore le mille emozioni che provano i personaggi, al punto di esserne assorbiti e rimanere basiti al momento cruciale.
Un momento che davvero commuove e invoglia a scoprire cosa succede e fin dove si è spinta l’autrice.
Buona la correzione, per tutti questi motivi faccio i complimenti ad Elisabeth.
Ne consiglio la lettura a chi cerca emozioni e non disdegna quel po’ di commozione che regalano le storie intense.


Buona lettura!
Monica S.




Commenti

  1. Monicaaa dovrei essere di là all'intervista e sono qui che piango come una fontana rotta. É bellissima grazie di cuoreee 😍😍😍😍😍😍

    RispondiElimina
  2. È stato un piacere leggerti, ogni parola che ho scritto è suscitata dal tuo racconto. Complimenti 😘

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino