RECENSIONE "703 volte tua" di L.F. Koraline

Titolo: 703 volte tua
Autrice: L.F. Koraline
Editore: New Compton Editori
Genere: romanzo erotico
Formato: ebook
Prezzo: 5,99€
Data pubblicazione: sett 2017
Pagine: 415
Serie: 703

Eden è disposta a perdonare tutto e a seguire il suo Damon in Mississippi ma, davanti alle porte della Blake Finance Corporation, riceve una sconcertante notizia. Il suo mondo si ferma. 
Un brutto incidente, ancora una volta, potrebbe distruggere tutta la sua vita. 
L'abbraccio di Sean è il suo unico conforto, l'unico riparo. 
Lui le chiede di dimenticare, di ricominciare, ma lei non è pronta ad arrendersi, perché qualcosa la spinge a credere che nulla è come sembra... 
Tra rivelazioni inaspettate e scoperte sconcertanti, Eden dovrà scegliere: arrendersi al destino o lottare per la verità?


Koraline ha pubblicato con la New Compton Editori 703 ragioni per dire di sì.-Suite 703 - 703 volte tua, ed in questi giorni è uscita l’intera trilogia 703; e poi ha pubblicato Red il Leviatano.

Buongiorno Lettori,
in vista dell’uscita della serie 703, oggi vorrei parlarvi di 703 VOLTE TUA, l’ultimo romanzo della trilogia di L.F.Koraline, edito da Newton Compton Editori, un romanzo che vi lascerà senza fiato e legati alle sue pagine fino alla fine. Però non parlerei di un vero e proprio finale, ma più di un “to be continued”. Infatti siamo tutti in fervida attesa che esca il quarto libro: 703 minuti.

Le vite di Damon, Eden e Sean si intrecceranno sempre più, legate da un passato gravoso, che continua a riaffiorare, un passato che ha fatto la fortuna di Damon, ma che ha lasciato tracce troppo profonde, un passato impossibile da abbandonare e rinnegare, che continuerà a dominare le vite di Damon e Sean.
Damon, uomo di successo, dal fascino glaciale, un uomo abituato a prendere ciò che vuole e disposto a giocare con le vite degli altri per il suo piacere.
Sean, che è riuscito a conquistare Eden con le sue parole e le sue dolci attenzioni, per poi rivelarsi anche lui un uomo dal fascino intrigante e misterioso.
Contesa da questi due uomini così diversi, ma così uguali, legati da una promessa, la piccola Eden riuscirà a salvarli? Eden riuscirà a salvarsi? O verrà anche lei risucchiata all’ ”inferno”?
Dovranno superare dure prove…

” Dimmi che ho sognato tutto.”
Un brutto incidente …
”Tu non hai nessuna colpa.”
Si troveranno davanti a difficili scelte…
”Ora facciamo un gioco…Il nostro gioco continua, Milady.”
Ricerche disperate…
Non so neppure se sia giusto sperarlo, ma voglio crederci.”
Scoperte sconcertanti…
“La mia felicità è venuta sempre dopo la sua.”
 Rivelazioni inaspettate…
”C’è una connessione fra quelle due persone.”

Quale sarà il loro destino? Ce la farà Eden a venire a capo di questa intricata vicenda e a ritrovare se
stessa?

Considerazioni:
Ho letto questa trilogia tutta d’un fiato, e questo ultimo libro mi ha tramesso tutta la passione dell’amore che circonda i personaggi. Il bisogno di dare e ricevere amore è così forte che mi è arrivato dritto al cuore, facendomi provare forti emozioni, ritrovandomi spesso in lacrime. L’amore, quello vero, che passa soprattutto attraverso i gesti e le parole. Un amore fatto di confronto, di parole, di opportunità.
Lo stile di Koraline è ipnotizzante, ricco di descrizioni dettagliate, che mi ha aiutata a immedesimarsi e a entrare in empatia con i personaggi e l’ambiente. Tanta suspense e molti colpi di scena, che mi hanno tenuta legata alle pagine del libro fino alla fine, con una sottile tensione in attesa degli sviluppi mai banali.
Proprio per la ricchezza di dettagli delle scene d’amore, questo libro è consigliato per un pubblico adulto.
Nota di merito anche alle citazioni musicali fatte nel libro, che mi hanno incuriosito, soprattutto il legame fra il testo della canzone e il contesto in cui veniva inserita.

 “UN GIORNO DIVERSO OGNI GIORNO. IO MANTENGO SEMPRE LA PAROLA”

Questa frase sintetizza la varietà di situazioni che sono riuscite a tenere viva la mia attenzione per
tutto il romanzo. 703 volte grazie Koraline di aver mantenuto la parola.

Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino