RECENSIONE IN ANTEPRIMA "Il Karma del Drago" di Lorenzo Visconti

Titolo: Il Karma del Drago
Autore:  Lorenzo Visconti
Prezzo ebook:  4.99
Genere: Thriller
Editore: Amazon Publishing
Data pubblicazione: 13/11/2018
Pagine: 188
Serie: Dragon Vol.4 - Autoconclusivo.

«Sono la versione depravata della fatina dei denti: invece di lasciarti un euro per ogni dentino, i denti te li rompo io e ti chiedo pure i soldi.» 

L’anno nuovo è iniziato male per il Drago, che assiste impotente a una tragedia che segnerà Lara Serrano, la sua ex collega in polizia, ma non lui. L’investigatore molto sui generis ha infatti perso da tempo la fiducia nell’umanità e raramente si lascia commuovere. Alcuni comportamenti però non li sopporta da sempre: la violenza contro gli animali e la spregiudicatezza di certi ricchi boriosi. Così, quando lui e il suo socio Jamel vengono coinvolti nei casi di un pet-influencer rapito e di un broker milanese con qualche conto in sospeso, decide di accettarli entrambi. Il primo per convinzione, il secondo per i soldi. Ma non ha messo in conto i sentimenti. E il karma. Perché prima o poi quello che fai, buono o cattivo che sia, ti torna indietro.
Con Il karma del Drago Lorenzo Visconti riesce a far convivere la Milano dell’alta finanza con quella delle periferie, tra uffici pretenziosi e mefitiche palestre di boxe.

Lorenzo Visconti è lo pseudonimo dello scrittore Paolo Roversi. Dopo La legge del Drago, Le piume del Drago e Il morso del Drago, Il karma del Drago è il nuovo episodio della serie crime “Dragon”, scritta in esclusiva per Amazon Publishing.
La pagina ufficiale della serie è http://drago.paoloroversi.me/


Buongiorno lettori, ho avuto il piacere di leggere in anteprima il nuovo episodio della serie “Dragon” di Lorenzo Visconti (pseudonimo di Paolo Roversi), dal titolo “Il karma del Drago”, editore Amazon Publishing.
Non ho letto gli altri volumi della serie, ma il romanzo può essere letto senza aver necessariamente letto gli altri libri, e devo dire che è stata una lettura piacevole, leggera e anche divertente.
Ma partiamo subito dall’inizio: Drago. 

Drago è il personaggio di questo romanzo, che definirei come genere hard boiled, ed è un investigatore privato che affronta qualsiasi situazione con atteggiamenti spavaldi da “duro”. Lui stesso si definisce “fuori di testa”, mentre il suo socio Jamel lo definisce cavernicolo, manesco e impaziente. 

“D’accordo, forse i cazzotti sono fuori moda, fuori tempo, da fuori di testa, posso accettarlo, ma questa è la mia natura. Sin da quando nasciamo ci dicono come dobbiamo comportarci, cosa è meglio per noi, cosa si deve e non deve fare. A un certo punto ho capito che prendere a pugni le persone è una soluzione.”

Dall’estratto si capisce subito che Drago non è un personaggio facile da gestire, mentre Jamel è più tranquillo del suo socio, ed è un genio del computer e gestore di un phone center a Milano. 
In questo nuovo episodio si occuperanno di due casi: un broken affiderà a Drago un incarico alquanto redditizio, mentre Sonia, l’amica veterinaria di Drago, gli chiederà di occuparsi del rapimento del gatto Spike, un pet-influencer. Il micio si trova in Italia per un tour promozionale con il suo proprietario Jacques Herman, che vive in Belgio, e i nostri protagonisti dovranno trovare i responsabili del riscatto.

Drago ha tutte le caratteristiche dei personaggi americani: investigatore privato, ex pugile, ex poliziotto, molto macho e al verde, ma si muove in un’ambientazione italiana. Credo sia questa la novità e l’originalità della serie crime, scritta da Paolo Roversi e, secondo me, Drago sarebbe perfetto anche per una serie a fumetti. 
L’autore ha usato il punto di vista del protagonista, in prima persona, e il punto di vista di Jamel, sempre in prima persona ma in corsivo.
Nel primo capitolo, quando ho visto la parte in corsivo, ho pensato che fossero i pensieri di Drago e che quindi lui fosse un personaggio bipolare, invece poi ho capito che era il punto di vista del suo socio.

È stata una lettura scorrevole, i personaggi che ruotano intorno al protagonista sono originali, ben caratterizzati e la storia è ambientata in una Milano grigia e cupa. L’autore ci fa conoscere il mondo della boxe dei “colletti bianchi”, usanza americana ma in voga anche a Milano, dove alcuni impiegati, dopo l’ufficio, invece di iscriversi nella solita palestra, preferiscono allenarsi per poi sfidarsi su un ring.  
L’intreccio costruito dall’autore tiene incollati alle pagine, dove non mancano risse e battute divertenti, ma anche momenti teneri con Lara, un’ex collega di Drago, con cui lui ha una relazione.

Consiglio questo romanzo a chi ama i gialli/noir/polizieschi italiani, non vi deluderà.

Buona lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni