RECENSIONE "Yes My Lady" di Mia Another



Titolo: Yes My Lady
Autore: Mia Another
Genere: Romance contemporaneo / New Adult
Data di uscita: 08.10.2018
Prezzo: 2,99
Formato: ebook Kindle, cartaceo (prossimamente)
ORDER


Mi chiamo Daniel Ward, e al momento lavoro come maggiordomo per le donne della famiglia Autumn.
Ma non mi trovo qui perché questo è il lavoro dei miei sogni, non mi piace servire il tè e non trovo divertente andare in giro con un completo nero in piena estate: questo è solo un sacrificio necessario per ottenere ciò che voglio davvero.
Tutto sta andando esattamente come avevo previsto, eccetto una cosa, un unico fattore deviante, la variabile che non ho calcolato: Serena.
È giovane, spiritosa, sexy e cerca continuamente le mie attenzioni. Il mix giusto per distogliermi dal mio obbiettivo e farmi licenziare.
Le relazioni tra un maggiordomo e la propria Lady sono vietate. Lo sanno tutti.

Buongiorno carissimi lettori, oggi mi ritrovo a parlarvi dell'ultimo libro di Mia Another, "Yes my Lady". Ho imparato ad apprezzare questa autrice con la sua prima serie, i suoi personaggi sono sempre così carismatici e ben caratterizzati da sembrare reali, e questo mi ha portata ad amare i suoi libri e la sua scrittura. Anche stavolta sono stata attrata dalla sua trama accattivante. La storia tra un maggiordomo, ricco di segreti, e la piccola aristocratica di casa, da cui è chiaramente obbligato a stare lontano.
Ma Daniel Ward non è solo un semplice e impeccabile maggiordomo, è molto di più. Sotto le sue finte spoglie si nasconde un cinico carico di rivalsa e di vendetta, per chi e per cosa non potrò svelarvelo, ma posso dirvi chiaramente che la famiglia Autumn per lui è solo un tramite per il suo vero obiettivo. Obiettivo che intende a ogni costo portare a termine. Se non fosse che spesso, ogni qualvolta si avvicina al suo obiettivo, la sua attenzione viene attirata da una piccola persona che lo distrae, o da qualcosa che la riguarda...
Serena Autumn è l'unica figlia di casa Autumn, con una madre pressoché assente affettivamente, interessata solo a scalare i vertici della socierà "perbene" e con una continua e perenne lotta contro gli anni che passano. Sua figlia per lei non è altro che il simbolo della giovinezza che vede sfumare in lei ogni volta che si guarda allo specchio. Il suo unico interesse nei suoi confronti è cercarle un buon partito che possa mantenere alto il livello della sua classe sociale. Ecco perché la spinge continuamente a buttarsi tra le braccia di Edward Lennox, rampollo tutto muscoli e poco cervello di una delle famiglie più importanti del momento.

È ora di riportare la principessa nel suo castello. E soprattutto, di staccare gli occhi famelici del rampollo dal suo grazioso sedere.«Dobbiamo rientrare, Miss Autumn.» la informo, avvicinandomi a lei e chinandomi per parlarle vicino all’orecchio.Una vampata di profumo delicato mi investe e mi confonde per qualche istante. È l’odore dell’acqua alle rose che usa tutti i giorni, che sento sugli abiti che ripongo in lavanderia, sulle cose che tocca, sulle copertine dei libri che legge, tra le sue lenzuola. Solo che stavolta proviene dal suo collo, dalla vena che ha iniziato a pulsare al suono della mia voce, e mi afferra per la gola.
Serena Autumn è per Daniel come un delicato fiore cresciuto in mezzo al marciume. Così ingenua, piccola e facilmente malleabile. In costante ricerca dell'approvazione della madre e circondata da false amicizie. Spesso Daniel si ritrova a cercare di salvarla dai guai e a proteggerla. Il suo istinto protettivo lo porta ad avvicinarsi e involontariamente ad affezionarsi a lei. Serena invece è totalmente attrata dal bel maggiordomo, i suoi modi fini ed educati, la fanno sentire apprezzata e coccolata. Lui la riempie di attenzioni e consigli, lei riesce a sentirsi protetta solo in sua presenza.  Molto spesso si ritrova a spiarlo mentre lui non è in servizio. Tutto questo per Daniel è apprezzabile ma anche una bella scocciatura, perché spesso lo distoglie dai suoi affari e lui deve stare bene attento a non farsi scoprire... 

Una storia curiosa, intricata, ricca di colpi di scena e con una storia d'amore proibita. Il nostro maggiordomo sarà così emblematico che a tratti lo amerete e a momenti lo odierete. Una Serena spesso bambina e ingenua che cresce con il crescere della storia, grazie anche all'aiuto di Daniel. Circondata da personaggi odiosi di cui è ricca la società che la circonda, con una nonna che è il vero pilastro della famiglia, astuta e guardinga, ma che ama e protegge la sua unica nipote.

"Stringo la sua piccola mano nella mia come se avessi paura di perderla, come se mi appartenesse da sempre. Intorno a noi ci sono altre coppie che ballano e si scambiano poche parole dietro alle maschere. Passiamo del tutto inosservati, come se non esistessimo, come granelli di sabbia. Nessuno sa chi siamo, nessuno ne è certo. Lei non è Serena Autumn e io non sono il suo maggiordomo."
Ho trovato questa storia originale, carismatica come tutti i suoi personaggi, scritta in maniera impeccabile e fluidamente, con il punto di vista alternato. Il finale, anche se non è quello sperato, è originale, non il solito da "Vissero felici e contenti" l'unico che ho ritenuto fattibile. Nonostante spero vivamente in un continuo della serie, perché non sono ancora pronta a lasciare andare il nostro maggiordomo e i suoi personaggi. Ma sono certa che neanche l'autrice lo sia, e sono convinta che come per Castiel riusciremo a strapparle qualche riga in più, prima o poi... ;)

Consiglio questa storia a chi non cerca il lieto fine forzato ma non disdegna una bella storia che faccia sognare, con un pizzico di suspense accompagnato da qualche pasticca di malox... A chi ama i personaggi ricchi di charme e particolari. 
Buona lettura! 




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino