RECENSIONE IN ANTEPRIMA "703 Minuti" di L.F. Koraline

Titolo: 703 minuti
Autrice: L.F.Koraline
Editore: Newton Compton Editori
Genere: Erotic romance
Prezzo ebook: 4,99€ ebook
Prezzo cartaceo:7,50€ cartaceo
Data pubblicazione: 15/11/2108
Pagine: 480
Serie: 703

PRE-ORDER

Playlist Koraline
Playlist Stefania

Damon ha capito che la missione della sua vita è proteggere la famiglia, dedicarsi con tutto se stesso alla donna che ama ed essere un buon padre. Vive insieme alla sua Eden in una prigione dorata, perché nonostante il loro sogno d'amore sia diventato ormai una splendida realtà, il mondo lì fuori è in agguato. E una minaccia oscura si addensa all'orizzonte. Amanda, la giovane figlia adottiva di Eden e Damon, è sempre stata una ribelle. Le rigide regole di casa Blake le stanno strette. Affascinata dalla verità che ha scoperto su Sean Davis, decide di partire per il Giappone alla sua ricerca. Sull'isola di Hokkaido, Amanda si troverà finalmente faccia a faccia con il maestro maledetto e con la sua follia, mentre a New York Damon e Eden dovranno fare i conti con un passato pronto a tornare per distruggere ogni cosa...


Koraline ha pubblicato con la New Compton Editori 703 ragioni per dire di sì.- Suite 703 - 703 volte tua, e dal 5 novembre è disponibile l’intera trilogia n un unico volume: 703 La Serie; e poi ha pubblicato Red il Leviatano da self. Il 15 novembre uscirà il quarto volume della serie 703.


Ed eccomi qui a raccontarvi in un modo molto speciale la mia lettura di 703 Minuti di Koraline, edito da Newton Compton Editori, e in uscita il 15 Novembre. 
Una delle caratteristiche della scrittura di Koraline che mi ha da subito catturata è stato l’abbinare sempre dei brani musicali ai momenti salienti delle sue storie, e credo che questo aiuti a enfatizzare il momento e a entrare in empatia con i personaggi. 
Sì, da come avrete capito, adoro i libri con delle playlist, e adoro ascoltare le canzoni citate mentre li leggo. Questo mi fa capire cosa stanno provando, crea un’atmosfera unica.
Quindi, ho scelto di parlarvi di 703 Minuti proprio attraverso la musica che Koraline ha selezionato per accompagnare Amanda, Sean, Eden e Damon in questo nuovo capitolo della loro storia, provando a fare il gioco “Se fossi stata Koraline, che canzone avrei scelto?” Riallacciandomi alla tappa del nostro Blogtour che riguardava proprio la "Playlist".

Questo capitolo non sarà l’ultimo, ma ci attenderà ancora un po’ di suspense prima di doverli lasciare andare. "Koraline…ti attendiamo alla porta (capirete ragazzine, capirete a tempo debito)."

Damon e Eden vivono ancora la loro scatenata storia d’amore, anche se nel loro mondo di cristallo, perché il passato è ancora là fuori in agguato, nascosto chissà dove. La loro famiglia si è ampliamente allargata e i loro momenti di passione vanno contenuti in determinati momenti e spazi, vista la moltitudine di bambini che girano per casa, ma Damon sa come sorprendere la sua Milady…

Salto in macchina, metto in moto e ringrazio mentalmente il geniale inventore del cambio automatico. Faccio partire Eyes On Fire dei Blue Foundation.Ho una mano libera per lei…

Nella ricerca mentale di una canzone adatta a questo momento, molto molto intimo, da come avrete potuto capire, il mio pensiero è andato alla bellissima canzone dei Muse, che io adoro, e che trovo molto adatta al nostro Damon e a quello che prova per la sua Eden: Madness…

Ma anche Eden sa come stupire il suo Mr Blake, eccome se lo sa stupire…

Il grande cancello…è già aperto… le note di All I Need dei WithinTemptation risuonano nell’aria. So quanto ama questa canzone: “Tutto quello di cui ho bisogno”. È questo che mi sta dicendo.

E nella mia mente Ed Sheeran canta Photograph e dice…
Amare può guarire
Amare può curare la tua anima
Ed è l’unica cosa che io so.
E questo Damon l’ha capito grazie a Eden.

Eden mi sta aspettando…Sara Barreilles canta la sua Breathe Again.“Respira di nuovo”, dice la canzone, come se sapesse che parte del respiro mi è rimasto intrappolato nel petto.

Eden sa di essere il motivo per cui Damon è riuscito a cambiare vita, è rinato, ha ricominciato a respirare perché lei è la sua ragione e lui quella di lei…mentre suona per noi Reason degli Hoobastank.

Contrastiamo la corrente creata…e la sensazione è davvero magnifica. È come se tutto il corpo si irradiasse di energia. Eden mi prende la mano e mi chiede di continuare a girare su noi stessi….Ross Copperman si introduce fra noi, cantando la sua Holding On and Letting Go.Eden si blocca, io faccio lo stesso…“Eravamo destinati a qualcosa di più. Eravamo destinati a questo.”

Questa volta Damon Blake è stato fregato alla grande.
Eden Blake1- Mr Blake sottozero
E scusami Koraline, ma nella mia testa suonava lui (David Garrett) col suo mitico violino accompagnato dalla profonda voce di Andrea Bocelli, perché Ma dove sei è la loro canzone, la dichiarazione d’amore di Damon… e che ho trovato adatta anche per questo momento che li ha fatti ritornare nel passato a ripercorrere il loro amore per poi ripiombare nel presente come se “gli avessero sparato nel petto una bomba di energia.”
“Quello che sento non è stato mai descritto in nessun libro…non esiste niente oltre a questo”…(curiose?)

Lei inarca la schiena…in sottofondo Poison & Wine dei The Civil Wars.“Dio mio Damon, quanto ti amo.”Qui non posso aggiungere niente.

Bene, avete capito che le cose fra Eden e Damon, “per ora”, vanno a gonfie vele.
Ma…perché c’è sempre un ma… Amanda è riuscita a convincere Damon a farla andare in Giappone per aiutare un’associazione animalista. Mentre il suo scopo finale era fare chiarezza sul rapporto fra il misterioso Sean Davis e la sua famiglia.

Adele canta la sua When We Were Young.Lui resta in piedi a guardarmi…Il volto troppo serio, lo sguardo troppo preoccupato, il corpo troppo teso…

E facendo zapping alla radio in macchina mi sono soffermata ad ascoltare Torna a Casa dei Maneskin…e ho pensato a Sean e ad Amanda.
Dopo che avrete letto il libro capirete quanto queste due canzoni siano adatte al momento e ai personaggi.

Un pianoforte suona In The End dei Linkin Park, mentre…appare lui.Il mio cuore perde un battito… mi sento come se più niente avesse importanza.

Dentro di me il pianoforte è quello del maestro Ludovico Einaudi e suona la sua emozionante Experience.

Conclusioni:
Che dire. Aspettavo con ansia questo libro, e devo ammettere che le mie attese non sono state deluse. Anzi…troverete tanti colpi di scena alla Koraline. Col suo modo di scrivere semplice, ma minuzioso nelle descrizioni, vi farà vivere un bagno emozionale, con uno stile che ho trovato più maturo, saprà farvi sognare e rinnamorare. 
Troverete i nostri cari amici, ma con dei tratti nuovi, che li caratterizzeranno e vi faranno capire quanto il loro vissuto abbia forgiato anche il loro essere.
E con tutte le sensazioni che mi ha saputo dare questo libro, mi auguro di avervi fatto crescere ancora di più la curiosità, rendendo questa attesa frizzante e stimolante.
Vi riporto lì dove ci eravamo lasciati…

Watashi ga kite imasu…”Sto arrivano”, gli scrivo, sperando che Google mi abbia  suggerito la frase giusta.
Buona lettura!



Commenti

  1. Questa è la più originale e frizzante recensione che io abbia mai letto. Una recensione a suon di musica che solo chi ha profondamente "letto e vissuto" questa storia fin dal principio poteva scrivere. Non mi resta che ringraziare la Blogger Stefania e tutto lo staff di Opinioni librose ❤️
    Alla prossima avventura.
    L. F. K.

    RispondiElimina
  2. No va beh la frase non sarà l'ultimo capitolo e aspettiamo che continui mi apre l'ennesimo mondo🤩🤩🤩🤩

    RispondiElimina
  3. Che bella recensione, caspiterinami complimenti!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni