RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Basta poco per innamorarsi" di Chiara Trabalza

Titolo: Basta poco per innamorarsi
Autrice: Chiara Trabalza
Editore: Emma Books
Genere: Romanzo rosa
Data pubblicazione: 20 marzo 2019
Prezzo ebook: € 2,99
Serie: Autoconclusivo

PREORDER

Giulia è la classica brava ragazza con la testa sulle spalle. Simone è il classico tipo poco raccomandabile che passa da una donna all’altra. La loro storia comincia per caso, dopo qualche drink di troppo. All’inizio sembra solo l’avventura di una notte, ma quando il destino ci mette lo zampino… A Giulia non resta che escogitare un piano e per farlo ha un disperato bisogno dell’aiuto di Simone. Così fanno un patto. Ma quando c’è di mezzo il cuore le cose non sono mai facili. Anche perché, a volte, basta poco per innamorarsi… soprattutto su una romanticissima isola greca.


Eccomi con una nuova recensione a "Basta poco per innamorarsi" di Chiara Trabalza, edito da Emma Books che ci ha fornito il file per la recensione.

Giulia è la classica brava ragazza con la testa sulle spalle, cresciuta da una famiglia all'antica che le ha inculcato dei principi sin da bambina. Insicura e poco consapevole della propria fisicità, si è convinta di non avere nessuna attrattiva per il genere maschile e di non meritare una seconda occhiata. Questa sua insicurezza si accentua quando si trova sola e abbandonata dal fidanzato. In una notte di particolare solitudine si lascia andare e complice qualche drink di troppo si trova a vivere un'avventura con un uomo che ha come regola: non legarsi mai.

"Ma, per una volta nella mia vita, non voglio pensare troppo. Per una sola volta non voglio preoccuparmi delle conseguenze o chiedermi se ciò che sto facendo è giusto o sbagliato."

Simone è un playboy che non si lascia scappare nessuna avventura, è convinto delle sue attrattive e considera le donne un bel passatempo con cui divertirsi ma senza mettere di mezzo i sentimenti. Bello, ironico e con una faccia da schiaffi riesce sempre a cavarsela ma non ha fatto i conti con quella ragazza conosciuta per caso e che gli è rimasta in mente nonostante la brevità dell'incontro.

"Una ragazza, una volta, mi ha dato del vigliacco perché non ho mai messo in gioco il mio cuore, ho sempre preferito il sesso ai sentimenti.
Mi ha anche detto che non sono poi così libero come credo perché in realtà sono schiavo delle mie paure, della mia incapacità di amare."

Qualunque certezze si possa avere, se il destino decide di metterci lo zampino state pur certi che la vita verrà sconvolta e gli sforzi per migliorare la situazione potrebbero non esser sufficienti a riequilibrare il fato.
Giulia e Simone si incontrano e come due meteore illuminano per pochi istanti il cielo dell'altro ma, quando si allontanano nulla è come era prima e anzi, le conseguenze lasciano un segno.
Due perfetti sconosciuti con molto più in comune di quanto loro stessi credano.
Due vite che si incrociano e un futuro che resta ignoto.

"Non è stato facile portare avanti questo segreto senza poter contare sull’aiuto di nessuno."

Considerazioni

Questo file mi è arrivato tra capo e collo e la prima reazione è stata: oddio e adesso quando lo leggo?
Subito!
La scrittura di Chiara è semplice e coinvolgente, utilizza un linguaggio contemporaneo e delinea la trama in modo lineare, con dettagli che aiutano a contestualizzare gli eventi ma senza esagerare con le nozioni. La lettura risulta piacevole e la curiosità mi ha portata a finire il libro in poche ore.

Una storia che ha i presupposti per essere una favola ma che tratta situazioni che si addicono ai tempi moderni. Due personaggi realistici con le loro paure, le convinzioni e qualche segreto che vi assicuro vorrete svelare in maniera morbosa.
Giulia e Simone si raccontano in prima persona al presente e a pov alternati. È piacevole vedere i loro punti di vista e scoprirne i pensieri.
Ricchi dialoghi, buona la struttura caratteriale dei personaggi e l'introspezione. Si assiste a una crescita dei personaggi che rivelandosi tra loro e a noi lettori, si trovano a condividere qualcosa di unico e dolce. Non mancano le rivelazioni accorate e i drammi che creano aspettativa e lasciano tutto nell'incertezza su ciò che accadrà.
Alcuni passaggi risultano un po' ripetitivi ma rimarcano lo stato emotivo dei due protagonisti.

Editing e correzioni risultano accurati, faccio i complimenti alla casa editrice e a Chiara Trabalza per aver dato vita a una così dolce e intensa storia.

Ne consiglio la lettura a tutti i romantici che pur vivendo le difficoltà della vita quotidiana credono e sperano nel lieto fine perché ce lo meritiamo!

Buona lettura!
Monica S.

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi