RECENSIONE "Demone Dissoluto" di Alicia Dawn e Nikita Jakz

Titolo: Demone Dissoluto
Autore: Alicia Dawn e Nikita Jakz
Editore: Quixote Edizioni
Genere: Fantasy
Formato: ebook e cartaceo
Prezzo: ebook 3,99€ cartaceo 13,00€
Data pubblicazione: 1 marzo 2019


Seraphina Orielle, un angelo della luce e del fuoco divino, è anche un oracolo della preveggenza. Considerata un’adolescente in mezzo ai suoi pari, sta ancora destreggiandosi con il suo dono, quando ha la sua prima visione: un maschio affascinante il cui destino è intrecciato intimamente al suo. Ma non è un disegno angelico, e quando Sera scopre questo dettaglio fondamentale, il demone ha già preso possesso del suo cuore. Ma non della sua abilità di… fuggire. Un centinaio di anni dopo, Cole Astaroth sta vivendo la sua vita come meglio gli pare, quando non è occupato a soddisfare sordide richieste del suo Padrone. Irascibile e sarcastico, ama creare scompiglio nel regno umano e far supplicare le donne per un suo tocco. La vita per lui è fantastica… Fino a che il fato non lo raggiunge. Qualche momento di debolezza, un incontro innocente di troppo e i due sono di nuovo irrimediabilmente invischiati. Ma le cose ora sono molto più complicate. E Cole non ha più molta fiducia o voglia di perdonare. 

Benvenuti su Opinioni Librose, oggi vi parlerò del primo volume della Demon Trilogy, "Demone dissoluto" di Alicia Dawn e Nikita Jakz.

Sera è una giovane angelo, dal dono della preveggenza, questo suo dono la ha condotta a conoscere Cole un Demone, il loro destino è legato, ma quando Sera scopre che Cole è un demone, fugge da lui.
Cole trova conforto nel suo essere demone, nei piaceri umani e cerca di dimenticare Sera, fino a quando lei non decide dopo centinaia di anni di rifarsi viva nei suoi sogni.
Sera non ha mai dimenticato Cole e tra loro quella forte passione che li ha sempre uniti, riaffiora, ma stavolta non gli è permesso amare Cole e la sua memoria viene cancellata.
Non le rimane nessun ricordo di questo amore ma Cole intende mantenere la promessa di restituirglieli e la rapisce.

Purtroppo, non ho trovato molta affinità con questo romanzo, non mi ha colpito nonostante sia un genere da me apprezzato.
La trama è carina, ma ahimè molto poco sviluppata e passatemi il termine frettolosa, forse una scelta delle autrici in quanto si tratta di una trilogia, ma i personaggi sono poco caratterizzati e la trama non è ben strutturata.
Una prima parte piuttosto lenta e il seguito seppur abbia preso un po' di ritmo non mi ha soddisfatta appieno.
Un vero peccato, perché il romanzo è scritto molto bene, non ci sono refusi, un buon editing e una buona traduzione, scorrevole sopratutto nella seconda parte.
Da un punto di vista emozionale però è abbastanza carente non mi ha trasmesso grandi emozioni come prometteva la trama.
Il mio voto finale è 3,  nonostante dia molto importanza nelle recensioni alla parte emozionale più che alla parte strutturale non posso tralasciare il buon lavoro fatto e non voglio penalizzare un romanzo che ha del potenziale.






Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni