RECENSIONE per "Christopher" di Cecilia K.

Titolo: Christopher
Autrice: Cecilia K
Editore: self publishing
Genere: Romance
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo: 0,99 €/ 11,0 €
Data pubblicazione: 22 novembre 2018





Un'anima lacerata.
Un'anima sola.
Un'anima priva di colori.
Questo sono io da quando Rain se ne è andata.
Ricominciare a vivere è difficile, a tratti impossibile.
Tutte le certezze su cui si è fondata la mia vita sembrano improvvisamente traballare rischiando di vanificare l'impegno e i sacrifici fatti finora.
Poi, nel buio, si accende una fiammella.
È la luce da seguire per uscire da questo tunnel oscuro, ma riuscirà anche a scaldare veramente il mio cuore?
Un uomo distrutto.
Cinque anni per rimettermi in piedi.
Il destino beffardo che aspetta dietro l'angolo.
Il destino che semina il caos là dove ormai c'erano ordine e quiete.
Il destino che, dopo la pioggia, fa splendere l'arcobaleno.

**Romanzo autoconclusivo.**
Spin off di "Rainbow" di cui si raccomanda ASSOLUTAMENTE la lettura preventiva.


Buongiorno Chiacchierine! Il libro di cui vi parlo oggi è "Christopher", lo spin off di Rainbow scritto da Cecilia K.

“Christopher, stai bene?” mi chiede William preoccupato.Cazzo no, non sto bene. Sono a pezzi, sono ridotto in un milione di pezzi e non so da dove iniziare per risistemarmi. Non so nemmeno se lo voglio.

In questo romanzo troviamo i pensieri di Christopher, fratello di William che abbiamo già conosciuto in Rainbow. Parla del periodo trascorso senza Rain di cui non si sapeva nulla tranne che per qualche sporadico frammento rinvenuto grazie a Liam e Grace.
All’inizio del romanzo, Chris è disperato. Rain se n’è appena andata lasciandolo solo, senza più una ragione di vita. Passa il suo tempo a ubriacarsi, è apatico e chiuso in se stesso. Ma la vita ha in serbo altro per lui. Infatti conosce Megan che sarà la sua salvezza.

"Megan mi ha accolto nel suo mondo e mi ha plasmato affinchè fossi felice, e io l’ho lasciata fare perché ogni passo che ho fatto con lei mi ha restituito dignità, sicurezza, ordine."

Conosceremo meglio questa ragazza, il suo modo di vivere tutto calcolato, tutto metodico, in cui ogni cosa deve essere al suo posto. Ed è proprio così che riesce a far ritornare Chris sulla retta via, ma sotto sotto il ragazzo ha ancora in testa Rain. Nella sua mente alberga ancora il ricordo dei loro baci, le carezze, le risate, il suo profumo, la sua vivacità. Insomma, tutto in lui sembra urlare Rain.


CONSIDERAZIONI
In questo romanzo, l’autrice racconta gli anni peggiori di Christopher, ma a me non è arrivato come avrebbe dovuto.
Le caratterizzazioni sono buone, si percepisce la differenza psicologica dei personaggi e questo ha salvato il mio voto.
Ho riscontrato i medesimi problemi del primo romanzo, molto prolisso (anche se fortunatamente questo era lungo la metà), avverbi in ogni dove (anche se per l’autrice rappresentano il suo stile) e ripetizioni che si sarebbero potute evitare.
In conclusione, consiglio questo romanzo a chi ha letto e apprezzato il primo volume per poter comprendere meglio la psicologia di Christopher.
Buona Lettura.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni