RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Chiamami Melly" di Alessandra Fortunato

TITOLO: CHIAMAMI MELLY
AUTORE: Alessandra Fortunato
EDITORE: Queen Edizioni
GENERE: Commedia romantica
USCITA: 16 Marzo 2019
PREZZO: e-book € 2,99 – cartaceo € 9,90
PAGINE: 250



Una commedia romantica amata da migliaia di lettori. Melly è una sognatrice, uno spirito ribelle e divertente che desidera una vita migliore. Lasciata la sua amata Sicilia, si trasferisce al nord dove trova un lavoro come assistente del dottor Valenti. Grazie al suo carattere spigliato, Melly, si circonda di amicizie e persone che amano stare in sua compagnia. Sembra tutto perfetto finché, un ammiratore segreto non decide di stravolgere la sua vita con poesie d’amore a lei dedicate. Le emozioni provocate da uno sconosciuto, spingono Melly alla ricerca di ciò che manca nella sua vita… l’amore. 

Alessandra Fortunato nasce a Siracusa nel 1983 dove tutt’ora vive. Cresciuta nella piccola e storica città siciliana, la sua terra rappresenta l’inizio del suo percorso come scrittrice, nato quasi per caso. Scrivere le permette di sentirsi davvero libera e a proprio agio con se stessa. “Chiamami Melly” è il suo primo romanzo, una storia romantica, che ha come protagonista una sognatrice, un po' come lei, del resto. 


Buongiorno Lettori, oggi vorrei parlarvi di un romanzo a dir poco favoloso, "Chiamami Melly" è il libro di esordio di Alessandra Fortunato, edito alla seconda riedizione dalla Queen Edizioni e devo dire che sono rimasta colpita già dalla versione self di cui vi ripresentiamo la recensione
È un romanzo che vi farà ridere, arrabbiare, sognare e gioire.
La protagonista Carmela Rizza, ribatezzata "Melina" nella sua Sicilia, lascia la sua terra per trasferirsi a Milano dopo vari episodi dove viene derisa e dopo uno, un po' più grave, che le fa prendere questa amara decisione di abbandonare tutto e tutti. Adora la sua famiglia in particolare sua sorella Bea e la nonna materna. È una ragazza determinata, semplice, con i piedi per terra, testarda e sognatrice.
"Io invece sono una precisina, una super ordinata, posata. Amo divertirmi ma senza eccessi, e metto sempre il dovere davanti al piacere. Cerco di mantenere i piedi ben saldi a terra, per cui risulto diffidente verso tutto e tutti. Se una cosa non me la sbattono in faccia, io non ci credo. E poi... poi mi butto giù facilmente! Quando c'è da essere forti per gli altri, incitarli e spronarli, sono la numero uno, ma per me stessa rappresento il massimo della negatività e della lagna. Ah, poi c'è la ciliegina sui difetti! Sono testarda, orgogliosa e insistente, l'ultima parola deve essere sempre e solo la mia."
A Milano lavora in uno studio odontoiatrico come assistente alla poltrona per i due medici Giorgio e Giacomo, il primo è il classico donnaiolo mentre l'altro è sposato e fedele alla moglie. Praticamente i due opposti, anche se molto amici. Ovviamente Melly, che così si fa chiamare al Nord, adora il gentile dottor Giacomo e odia profondamente l'antipatico Giorgio. La vita della nostra protagonista sembra procedere nella routine fino a quando un giorno trova una busta rosa. Questa contiene poesie scritte per lei da un ammiratore segreto. Ed è così che Melly inizia a fantasticare e a sognare il fatidico sconosciuto, ad attendere con ansia quel bigliettino sperando di trovare finalmente la persona che le faccia battere forte il cuore.
"Magari un'altra al tuo posto avrebbe reagito in altro modo, ma solo perché siamo tutti diversi, ma tu, tu sei una sognatrice. Le donne come te hanno la favola nel DNA ma questo non vuol dire essere sciocche o stupide, vuol dire scegliere di vivere col cuore."
Un giorno incontra Helga, una ragazza che diventerà poi la sua migliore amica. Grazie a lei vivrà momenti di gioia, diverrà la sua confidente e la sua spalla su cui appoggiarsi nei momenti di sconforto, anche se il mistero di quei bigliettini la metterà a dura prova. Infatti tra viaggi, vacanze e feste si intrecceranno varie situazioni che metteranno il cuore di Melly in subbuglio.
"Partenza che decretano un addio o forse un arrivederci, chi può dirlo? Il destino deride i giovani assaliti dalla paura che il tocco delle loro parole raggiunga le cime più alte dell'amore, mentre promesse strappate alla sorte creano illusioni che danzano sulle ali del vento. "Mi dimenticherai" gli chiese? "Mi cercherai ancora?" Rispose. E tra sospiri agitati avrebbe sognato il lieto fine, nell'incanto di poesie d'amore e di passione."
Fino a quando non si troverà a scegliere a chi donare il suo cuore: all'ammiratore segreto, all'uomo dei sogni che tutte vorrebbero avere, o a quell'uomo che le fa battere il cuore anche solo con uno sguardo o un contatto? Questo lo scoprirete leggendo questo libro.

Un libro molto coinvolgente, infatti si legge in maniera compulsiva per scoprire sempre qualcosa, chi è l'ammiratore segreto in primis, cosa faranno i vari personaggi della storia e anche chi riuscirà a rubare il cuore della nostra amata Melly. L'autrice riesce a tenere con il fiato sospeso fino alla fine,  descrive bene le vicende, i luoghi e i personaggi che intrecciano il cammino della protagonista da far gioire, arrabbiare e ridere insieme a Melly. Ti fa adorare e cercare un'amica come Helga e da inguaribile romantica trovare l'amore così come lo desidera.
Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi.

Buona Lettura!



Commenti

  1. "Chiamami Melly" è un libro che si divora. É un romanzo intrigante e accattivante, a tratti divertente. Cattura l'attenzione e l'interesse del lettore. É ben scritto e nessun punto è lasciato in sospeso. I personaggi sono ben delineati e sempre fedeli a loro stessi.
    Il finale inaspettato corona con sorpresa una storia brillante e originale.
    Complimenti all'autrice.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni