REVIEW PARTY - RECENSIONE "La ragazza invisibile" di Blue Jeans


Titolo: La ragazza invisibile
Autore: Blue Jeans
Editore: DeA Planeta
Prezzo ebook: 4.99 €
Genere: New adult -Thriller
Data pubblicazione: 26/02/19


Amore e amicizia, intrigo e mistero. Dalla penna di un autore fenomeno mondiale, una suspense perfetta.

Una mattina di maggio Aurora Ríos viene trovata morta nella palestra della scuola. Qualcuno le ha inflitto un colpo fortissimo sulla testa e ha abbandonato vicino al corpo martoriato uno strano indizio: una bussola. È forse questo il primo momento in cui i compagni si accorgono veramente di Aurora, la “ragazza invisibile”. A diciassette anni, Aurora non ha amici, né una famiglia che voglia occuparsi di lei. La sua morte fa chiasso, forse troppo, finché tutti ammutoliscono. Perché all’improvviso tutti a scuola vengono sospettati per il delitto. Ma chi è il vero responsabile di quello che è successo? Julia Plaza è ossessionata da questa domanda. Compagna di classe di Aurora, Julia ha un’intelligenza straordinaria e una memoria prodigiosa, ed è in grado di realizzare un cubo di Rubik in meno di cinquanta secondi. Così, quasi per gioco, e con l’aiuto del suo migliore amico Emilio, inizia a indagare sul delitto. Ma il gioco si trasforma rapidamente in un vortice da cui Julia non può più uscire: perché niente è come sembra e l’assassino della bussola potrebbe essere proprio accanto a lei. Con oltre un milione e mezzo di copie vendute all’attivo, Blue Jeans è un vero e proprio fenomeno editoriale in Spagna e in Sud America. La ragazza invisibile è il suo esordio nella suspense, un romanzo dall’ingranaggio perfetto e dal ritmo implacabile. Una storia travolgente in cui tutti sono sospettati, o forse tutti sono colpevoli.


Buongiorno cari lettori, oggi vi parlerò di un genere insolito per me un "Thriller, new adult" che mi ha piacevolmente colpita. Si tratta de "La ragazza invisibile", romanzo di esordio di Blue Jeans, autore che sta spopolando in Spagna e Sud America.

I personaggi di questo romanzo sono innumerevoli, ma tutti hanno un ruolo ben preciso ed è facile tenerli a mente senza confonderli, questo dimostra la bravura dell'autore nella caratterizzazione dei personaggi all'interno della storia.

Aurora Rios è una ragazza molto riservata, non ha molti amici e si è chiusa ancor di più in se stessa quando i suoi genitori si sono separati e questo ha portato a un'infinità di pettegolezzi nel paese su di lei e la sua famiglia. Da quel momento sentendosi tradita anche da chi riteneva amico decide di non fidarsi più di nessuno, di non dare confidenza, fare il suo dovere con lo studio dileguandosi appena la campanella suona. Nessuno sembra far caso a lei, tutti la ritengono una tipa un po' strana, senza amici e con cui non è facile creare un rapporto. Perciò tendono principalmente a ignorarla o a sparlarle alle spalle.  Nessuno la calcola, fino al giorno in cui non viene ritrovata assassinata negli spogliatoi della palestra. A quel punto lo shock è tanto. E il rumore che si crea in paese tra giornalisti, poliziotti e indiziati diventa immediatamente il caso dell'anno. 

Quella ragazza ritenuta Invisibile, diventa la persona più nota del paese. Tutti si chiedono cosa facesse nel tempo libero, chi dovesse incontrare negli spogliatoi, chi poteva volerle del male, ma nessuno riesce a darsi risposta.

Julia Plaza è una ragazza plusdotata, compagna di classe di Aurora, ma che si è trasferita in paese solo da poco tempo, il suo unico e migliore amico è Emilio, ragazzo con un rapporto ostile con i genitori, abbastanza appariscente che cambia colore dei capelli ogni 2 o 3 mesi, perciò difficile da non notare. I suoi genitori vengono subito coinvolti nel caso. Il padre è il detective che si occupa dell'omicidio e sua madre ne è il medico legale. La curiosità di Julia non passerà in secondo piano, vuole aiutare con il suo spirito critico e con la sua capacità di memorizzazione nei dettagli a scoprire cosa sia successo a quella ragazza, a cui si sente tanto vicina ora perchè riservata come lei. Complice una cartellina gialla dimenticata sul tavolo dal padre a Julia si aprirà un puzzle difficile da districare, le foto della compagna dopo l'omicidio saranno scioccanti ma la sua capacità di giudizio le permetteranno di notare subito particolari sfuggiti a chi del mestiere. Con l'aiuto di Emilio, aspirante giornalista, le loro giornate saranno particolarmente ricche di mistero e colpi di scena. 

"Abbiamo tutti qualcosa da nascondere. Julia."

Ci ritroveremo immersi in uno scenario dove tutti saranno sospetti e sospettati. Dagli insegnanti, dai compagni di classe, persino i genitori della vittima o qualcuno di esterno all'ambiente scolastico. Ogni personaggio sarà un possibile sospettato. Tanto che una volta arrivati alla soluzione del caso ci troveremo a dire "beh, ci avevo anche pensato..." ma semplicemente perché penseremo a chiunque, nessuno escluso! :D

Il racconto è scritto in maniera fluida e accattivante. In terza persona visto i numerosi personaggi. Ci troviamo con delle variazioni temporali che vanno dal passato, momento in cui Aurora era ancora viva che ci sveleranno qualcosa in più di lei, al presente, cioè durante l'indagine in corso. 
L'editing è fatto in modo scrupoloso e questo è sicuramente un valore aggiunto. Ogni capitolo ci svelerà un tassello ma ci aggiungerà anche nuovi dubbi e nuovi colpi di scena. Sarà un'avventura interessante che porterà il lettore a iniziare un viaggio  in questo caso misterioso, aumentando di curiosità capitolo per capitolo. 

Consiglio questo romanzo a chiunque ami i thriller, i casi intricati, a chi cerca la suspense e ipotesi difficili da svelare e risolvere. Leggetelo perché è un romanzo che merita veramente.
Non perdetevelo!

Buona Lettura.




Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi