RECENSIONE "Respirami" di Laura Rocca

Titolo : Respirami
Autrice: Laura Rocca
Editore: Self publishing
Genere: New Adult, Romance
Formato: ebook / cartaceo
Prezzo: € 2,99 / € 14,65
Data Pubblicazione: 31 gennaio 2019
Protagonisti: Freya, Chase
Pagine: 454 pagine





“Nelle carte rimescolate dal destino, pare che questa sia una mano da passare, ma non sono forse le grandi occasioni proprio quelle in cui bisogna rischiare?
Se non provi a perdere qualcosa, non vincerai mai niente.”

“Avrò diciassette anni ancora per poco, poi sarò libera”, ecco cosa pensa Freya osservando i suoi genitori che inscenano la famiglia perfetta.

La sua vita potrebbe essere riassunta con due parole: apparenza e finzione. Ma quel mondo dorato non ha più nulla da offrirle e presto potrà lasciarselo alle spalle, dimenticandolo per sempre.

“Bugiarda! Non tutto. Non Chase”, la pungola la sua coscienza.

Sì, Chase, l’unico capace di fare breccia nella sua corazza, il ragazzo che le ha rovinato la vita in una notte. Per colpa di una sola debolezza, da un giorno all’altro andare a scuola è diventato un inferno e quello che era un sogno a occhi aperti è ormai un incubo sulla bocca di tutti, un bisbiglio che la perseguita.

Chase Weber — in arte Defluencer — è l’influencer più chiacchierato del momento perché non mente mai, ed è famoso proprio per le sue recensioni dissacranti, per il suo sarcasmo pungente, per la sua ribellione nei confronti del sistema. 
Ma è realmente la persona che fa credere di essere? Il ragazzo sicuro che non si nasconde dietro a nulla, che non ha remore a disprezzare anche ciò che gli converrebbe acclamare, che fa e dice solo ciò che vuole davvero?

Defluencer saprà guardare oltre o farà a pezzi anche Freya?

I due si ritroveranno coinvolti in una storia difficile, schiacciati tra passione e dubbi, inebriati a tal punto da perdere il controllo e la lucidità. 
In bilico tra giusto e sbagliato, verità e finzione, mondo reale e social, Freya e Chase dovranno decidere se passare la mano o rischiare.




Laura Rocca nasce a Genova, sul morire dell'estate. Forse è per questo che ama tanto l'autunno; o forse perché colori, profumi e suoni autunnali alimentano la sua indole fantasiosa. Fin da piccola vive avventure fantastiche, eludendo la realtà. Ricorda ancora con gioia le scuole elementari, quando immaginava, insieme alla migliore amica, che un grosso chiodo bitorzoluto fosse la porta segreta per il Paese delle meraviglie.
Crescendo dirotta la sua apertura mentale nella scrittura, dando libero sfogo all'immaginazione. Pomeriggi interi spesi a dipingere, tramite una penna e un vecchio diario, realtà incantate che solo lei può vedere, nelle quali si rifugia. Pur conseguendo un diploma non umanistico, continua ad assecondare la sua passione, perché crede fermamente nella realizzazione dei sogni, con determinazione e spirito di sacrificio. Dal 2005 al 2011, infatti, cura un blog su Splinder nel quale racconta le sue vicissitudine lavorative, con ironia e sarcasmo. Nel frattempo continua a scrivere poesie, piccoli racconti e fiabe, ma non ha il coraggio di mostrarli a nessuno. Nel settembre del 2013 decide che è ora di provare a realizzare uno dei suoi più grandi sogni: pubblicare un romanzo fantasy. Inizia così, nel giorno del suo trentatreesimo compleanno, la stesura del primo volume de Le Cronistorie degli elementi, il mondo che non vedi.


Buongiorno Lettori,
oggi vorrei parlarvi di un romanzo d'amore bellissimo, l'autrice tratta inoltre temi molto importanti e attuali come il bullismo, il mondo dei social e i problemi tra genitori e figli.

Addentriamoci in questo romanzo e scopriamo qualcosa in più:
Lei è Freya, ha diciassette anni (ancora per poco in quanto tra pochi mesi diventerà maggiorenne), vive a Milano con le governanti e ha un rapporto a dir poco travagliato con i genitori, entrambi infatti lavorano all'estero e si riuniscono solamente in alcune occasioni per "recitare" il ruolo di famiglia perfetta. Freya viene considerata anormale da loro, soprattutto dalla madre, in quanto non vuole entrare a far parte del suo mondo e coltivare la sua passione per l'arte.

"Anormale... Solo perché vorrei laurearmi alla Facoltà di Belle Arti e non mi interessa la loro falsa vita fatta di apparenze? Anormale perché vorrei una vita vera? Anormale perché vorrei che le persone mi conoscessero sul serio e gli amici tenessero davvero a me? Anormale perché vorrei vivere in un mondo in cui non conta solo il mio aspetto o i soldi che possiedo?"
A dispetto, infatti, del volere dei genitori si iscrive a un istituto d'arte e tra poco darà la maturità. Freya pensa solo a studiare per riuscire a diplomarsi e andare all'università, mai stata fidanzata, mai avuto un ragazzo, nessun amico ad esclusione di Tanya, la sua migliore amica. L'unico ragazzo che ha fatto breccia nel suo cuore è Chase.
Chase, il nostro protagonista maschile, è un modello, noto influencer (sui social infatti è chiamato Defluencer) che dà vita a video dove espone le sue recensioni dissacranti, ha un noto sarcasmo pungente e non mente mai. Ma sarà realmente così? O questo è quello che vuole far credere a tutti?
I nostri protagonisti si incontreranno proprio a Milano in occasione di un evento che proprio Chase terrà in un locale e Freya e Tanya riusciranno adincontrarlo. La nostra protagonista è elettrizzata e dopo la serata passata con lui sogna a occhi aperti, ma ben presto si trasformerà in un incubo. Infatti Freya a causa di quanto successo quella sera vivrà una delle esperienze peggiori della vita di qualsiasi persona, sarà infatti additata, derisa, perseguitata dai suoi stessi compagni di scuola. Sarà uno dei momenti più brutti per Freya, ma un episodio cambierà tutto. Samuel, un suo compagno di scuola, anch'esso vittima di bullismo, diventerà ben presto il suo migliore amico, e con esso deciderà di intraprendere un viaggio e trasferirsi a Londra.

"Allora mettiti in gioco e guarda come vanno le cose. Se davvero sei cambiata come mi hai detto, se hai deciso di lasciarti alle spalle quella ragazza che non si faceva avvicinare da nessuno, è tempo didimostrarlo. Godi ogni attimo. Come andrà lo vedrai, ma almeno nel frattempo sarai stata felice".

Sarà proprio nella capitale inglese che Freya rincontrerà Chase. Tra i due l'attrazione è palpabile, non riescono a stare lontani, quando sono vicini perdono il senno e la lucidità. Ma non sarà semplice, infatti i nostri protagonisti si ritroveranno presto coinvolti in una storia molto difficile, pressati da ansie e dubbi, spesso divisi tra amore e odio, tra giusto e sbagliato, verità e finzione, mondo reale e social.
Riusciranno a vivere la loro storia o la vita ha in serbo altro per loro?

"Io per lui. E lui per me. Lui è in me, in ogni mio respiro. Non si può vivere senza respirare".

Non mi resta che lasciare a voi il piacere di leggere questo romanzo e augurarvi Buona Lettura!

CONSIDERAZIONI
Questo romanzo oltre ad avere una storia d'amore complicata che metterà in discussione i nostri protagonisti e il loro amore, tratta anche un tema molto attuale il Bullismo. L'autrice è riuscita a trattare questo argomento in maniera impeccabile, certo in alcuni tratti un po' forte, ma era necessario per far capire realmente cosa stesse provando la nostra protagonista.
Il libro è molto scorrevole, si legge bene e fortunatamente non contiene particolari errori. A livello stilistico il libro è scritto in terza persona, sarà proprio la voce del narratore a darci una visione completa della storia. 
I personaggi, luoghi ed eventi descritti in maniera esaustiva, senza dilungarsi troppo in dettagli superflui.
Volevo ringraziare Laura Rocca per questo libro, per avermi permesso di conoscere Freya e Chase, per essere riuscita a portare in un romanzo il tema del bullismo e averlo trattato molto delicatamente. Voglio lasciarvi proprio con una frase dell'autrice: 
"Anche se non posso porgervi la mano nella realtà, spero con tutto il cuore di avervi fatto vedere le cose da una nuova prospettiva. Una prospettiva di speranza. Ricominciate a vivere, non ve ne pentirete".
Libro consigliatissimo. Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni