RECENSIONE " INTERNATIONAL GUY 4" di Audrey Carlan

Titolo: International guy 4- Madrid, Rio de Janeiro, Los Angeles
Autore: Audrey Carlan
Casa Editrice: Mondadori
Genere: Romanzo rosa
Prezzo ebook: 7,99€
Prezzo cartaceo: 15,21
Data pubblicazione: 05/03/2019
Pagine: 452
Serie: International Guy

ORDER

Sono Parker Ellis e la mia vita si è sempre fondata su tre aspetti: amore, soldi e lavoro. Sono innamorato del mio lavoro che mi permette di fare un sacco di soldi e di rendere reali i sogni delle donne che mi assumono. Ho sempre pensato che questi tre elementi fossero la chiave della felicità ma poi qualcosa è cambiato. Ho capito che stavo sbagliando, che tutto quello su cui avevo costruito la mia esistenza è insignificante se attorno a te non hai le persone giuste: i colleghi giusti, ma ancora più importante l'amore della donna giusta. E io l'ho trovata, si chiama Skyler. Il mio futuro ormai è nelle sue mani e io non sono mai stato così felice... Nel quarto e ultimo volume di International Guy, Parker Ellis sembra finalmente aver messo da parte le sue paure e aver consegnato il suo cuore a Skyler. Il lavoro continua in tre nuove città, Madrid, Rio de Janeiro e Los Angeles, con tre nuove clienti che hanno un disperato bisogno di lui per spiccare il volo. Non è semplice però fare un lavoro dove le tentazioni sono dietro l'angolo, e allo stesso tempo proteggere un amore ancora così fragile e bisognoso di attenzioni. E Parker Ellis se ne sta rendendo conto..
Eccoci arrivati al quarto libro della serie International Guy, libro che conclude temporaneamente questa serie; infatti con Madrid, Rio de Janeiro e Los Angeles l’autrice ci porta al culmine dell’amore fra Parker e Skyler, ma ha già dichiarato che presto vorrà approfondire anche sugli altri amici della grande famiglia degli IG, dei quali nell’ultima novella ci ha lasciato tanti punti di domanda e tanta suspense…cosa avrà in serbo per loro la Carlan?
Potete trovare le recensioni dei volumi precedenti a questo LINK

Come aveva preavvisato l’autrice in svariate interviste, ci lascia con un bel lieto fine, ma vi devo avvisare che è ben sudato questo finalissimo, perché la nostra signora Carlan vi farà provare tante emozioni, lanciando indizi e creando molta suspense sull’odiato e pericoloso stalker che ormai da un po’ stava turbando le vite di Parker e Skyler.
La vita lavorativa dell’IG continua, seppur turbata dalla presenza dello stalker, che spaventa tutti.
La prima  missione per Parker, con al seguito la sua Skyler, è a Madrid, dove dovranno sostenere una emergente cantante pop per farle trovare un po’ di sicurezza e autostima

Non smettere mai di sognare.

La seconda avventura della coppia è a Rio. Qui arriveranno per una doppia motivazione: la prima è di sfuggire allo stalker intanto che le indagini proseguono, visto che si è fatto più agguerrito e sono dovute intervenire le forze dell’ordine per indagare; la seconda è per aiutare l’azienda di famiglia del compagno di Paul. Qui si potranno concedere anche una pausa, visto che nessuno conosce la loro destinazione, in modo da rimanere fuori dal raggio di azione dello stalker e allo stesso tempo aiutare Dennis a sbrogliare una complicata situazione finanziaria dell’azienda di famiglia e  affrontare la sua relazione con Paul agli occhi dei suoi genitori, un po’ bigotti.

Non puoi fingere di essere qualcosa che non sei.

Ma lo stalker psicopatico non riuscendo a rintracciarli, riuscirà a trovare il modo per farli rientrare a casa, un modo davvero crudele. Le indagini si infittiscono, e infine si arriverà alla triste verità, scioccante, cruda, fredda, malsana verità.
Sarà per tutti un duro colpo, ma soprattutto per la coppia Sky-Parker, che grazie al loro amore riusciranno a trovare la tanto agoniata serenità. Serenità che vedremo trasparire in tutta l’ultima novella ambientata nella loro avventura a Los Angeles. Questo ultimo libro sarà attraversato da una vena gioiosa di pace e ilarità fino alla fine. E non aggiungo altro… solo che…

La felicità è una scelta. E io la scelgo fino in fondo.

Considerazioni:
Cosa dire ora che siamo arrivati alla fine di questa splendida serie?
Per prima cosa devo dire che l’aspetto maggiore che mi porterò nel cuore è il tema dell’amicizia, un tema che è stato il collante di tutta la serie. L’unione di questi tre amici, che insieme hanno formato una società di successo, grazie al loro affiatamento e alla loro capacità di completarsi a vicenda. Completarsi, proprio perché sono tre personaggi talmente diversi, che insieme sono una garanzia, tre menti brillanti che lavorano in sincronia e armonia. Collegato al tema amicizia c’è la famiglia, che non viene intesa solo come familiari con legami di sangue, ma anche come famiglia allargata. Quindi gli amici diventano parte della famiglia, che abbiamo potuto vedere come sia cresciuta esponenzialmente. Questa grande unione porta anche ad avere dei forti valori, quindi chi è all’interno del grande cerchio non sarà mai solo, perché ci sarà sempre qualcuno pronto a prendersi cura dell’altro, anche in situazioni davvero estreme.
Altro collante è l’amore fra Sky e Parker, che abbiamo visto maturare, andare in crisi e crescere.
L’autrice è stata molto brava nella scelta delle tematiche e delle ambientazioni molto varie per ogni novella, utilizzando un linguaggio semplice, ma allo stesso tempo accattivante per il lettore, coinvolgendolo con descrizioni dettagliate dei paesaggi mozzafiato, che ha scelto da cornice per le sue avventure. Da sottolineare anche le scene hot, alcune very hot, che contribuiscono a tenere il lettore incollato al libro, anche se devo ammettere che a volte erano forse troppe.
In conclusione, consiglio questa serie scorrevole nella lettura pur essendo ricca di descrizioni, coinvolgente per le tante tematiche affrontate, appassionante per la storia d’amore e per l’IG in sé, ipnotizzante per la suspance, e stuzzicante per le scene più infuocate.

Buona lettura da Stefania


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

REVIEW TOUR - RECENSIONE - "Disgraceful" di Autumn Grey

RECENSIONE - "Deacon" di Veronica Scalmazzi