RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Il mio surfista" di Carlo Lanna

Titolo: Il mio surfista
Autore: Carlo Lanna
Editore: Delos Digital
Collana: Senza Sfumature
Genere: M/M
Prezzo ebook:
Data pubblicazione: 8 ottobre 2019
Pagine: 56
Serie: autoconclusivo

ORDER
Un audace gioco di sguardi, una passione sconsiderata, un amore che va ben oltre qualsiasi tipo di immaginazione. In una calda estate californiana, la vita di Carter viene stravolta da un tornado di sensualità che chiama “M”. 
M è un surfista solitario, un Dio sceso in Terra, un seduttore dal passato tormentato. Carter è un liceale appena diplomato, che deve ancora assaporare la sua prima esperienza e non ha accettato di essere un ragazzo dai gusti diversi dai suoi coetanei.
Una vibrante passione guidata dai fumi del sesso intreccia i fili del loro destino, sviluppandosi in un amore che lega i cuori in modo indissolubile. La vita, però, continua a mettere i bastoni fra le ruote e per Carter e M non sarà facile prendere in mano le loro vite e scrivere il loro desiderato lieto fine.
Carlo è nato a Caserta trentaquattro anni fa. Di professione è giornalista di spettacolo per IlGiornale.it. È laureato in Legge e in Scienze della Comunicazione. Divora film e serie tv di tutti i tipi fin dall’adolescenza e ama follemente le saghe urban fantasy e i dark romance. La scrittura è nel suo DNA, ma solamente quattro anni fa è tornato a picchiettare le dita sulla tastiera e navigare con la fantasia, dopo un lunghissimo periodo di silenzio. Ha pubblicato svariati racconti brevi su diverse antologie. “Scegli il nostro destino” è il suo romanzo d’esordio.
Buon martedì a tutti,
ho letto in anteprima "Il mio surfista" di Carlo Lanna, edito dalla Delos Digital per la collana Senza sfumature.
Il file mi è stato fornito dalla casa editrice.

Carter è un giovane studente di appena 18 anni e si trova a scoprire e a dover accettare la propria omosessualità. Cosa non semplice visto che la sua è una famiglia difficile e per nulla propensa al dialogo. Un ragazzo timido che si apre difficilmente agli altri e che teme di essere giudicato.
Solo M. riesce a scuoterlo e a fargli vedere un possibile cambiamento, un rifugio dalla realtà che gli va stretta.

"A diciotto anni, non conoscevo il significato di "mordere la vita"; non conoscevo niente di niente. A volte desideravo essere un ragazzo diverso." 

M è spregiudicato, dominante, sfacciato e di una bellezza che gli è valsa il soprannome di Figlio di Nettuno. Nonostante i suoi 24 anni ha un'esperienza ampia e sa cosa può offrirgli la vita.

"Anche io avevo i miei pregi e, soprattutto, avevo un cuore.
Ma non avevo mai creduto a tutte quelle smancerie romantiche; la vita era stata già troppo dura nei miei riguardi, per cullare ancora quelle illusioni in cui mi perdevo da ragazzino."

I due sono agli antipodi ma si attraggono in un modo che va oltre la fisicità. Un'avventura fugace apre il sipario a qualcosa che richiede impegno e voglia di rivoluzionare la propria vita. L'orgoglio e le difficoltà però sono scogli insormontabili che si frappongono alla felicità.

Considerazioni

Un racconto che affronta le difficoltà dell'uscire allo scoperto e il timore di esser giudicati ma anche quello di accettarsi.
I due protagonisti sono ben delineati e hanno una buona costruzione a livello psicologico.
La narrazione è a capitoli alternati e in prima persona, insieme ai dialoghi e all'introspezione la storia appare piena di emozioni e questo aiuta il lettore a entrare in sintonia coi protagonisti.
Dolcemente torride le scene sessuali che hanno una buona carica sensuale.
Nonostante la brevità del racconto mi sono trovata immersa in un'atmosfera ricca a livello emotivo e sensoriale, Carlo Lanna ha gestito davvero bene le dinamiche e la crescita dei personaggi, gli faccio i complimenti.

Il file che ho letto presenta degli errori alcuni forse imputabili alla conversione ma altri no.
Nell'esprimere la mia opinione ne terrò conto, mi auguro che l'eBook sugli stori sia adeguatamente corretto. Nel frattempo il mio voto è un 2,5 richiede una rilettura, peccato perché la storia meritava un buon voto.

Consiglio questa lettura a tutti gli amanti del genere e a chi crede che accettarsi sia più importante di qualche pregiudizio.

Buona lettura!
Monica S.



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni