RECENSIONE "Io sono la preda - Venezia oscura" di Anna Pia Fantoni

Titolo: Io sono la preda - Venezia oscura
Autore: Anna Pia Fantoni
Editore: Self publishing
Genere: Thriller, noir, romance
Prezzo ebook: 3,99 €
Prezzo cartaceo: 13€
Prezzo cartaceo: 13€ ridotto a 11,59€
Pagine: 224

ORDER


Giuditta si è trasferita da cinque anni a Lido di Venezia dove lavora in un'agenzia di interpreti. Si innamora di un suo amico e collaboratore, Samuele, che la desidera segretamente da anni. Tutto sembra andare per il meglio, ma presto si ritrova ad essere la preda di un gioco perverso e pericoloso che potrebbe mettere a repentaglio il suo amore, la sua carriera e la sua vita.

Buongiorno, cari lettori! Oggi voglio parlarvi della mia ultima lettura: "Io sono la preda - Venezia oscura" di Anna Pia Fantoni.

Giuditta è una trentenne che ha dato una svolta radicale alla sua vita dopo un passato terribile e spaventoso. Nel lavoro è un vero talento, ma la sua vita sentimentale è un disastro. È innamorata di Umberto, un ragazzo che la illude, tenendola a sé con la promessa di lasciare la fidanzata per intraprendere un percorso d'amore insieme a lei.
Fortunatamente, ci sono due figure ad aiutarla, direttamente o indirettamente, a mettere insieme i pezzi della sua vita.
La prima è Chiara, incontrata per caso a spasso per Venezia. È una ventata di allegria e di positività che le ispira fin da subito una crescente fiducia.
E poi c'è Samuele, il suo collega di lavoro, che la ama segretamente da anni e che, per amor suo, l'ha sempre consolata ogni volta che ha affrontato una delusione.
Finalmente, Samuele le fa comprendere che il suo sentimento verso Umberto è falso e basato su fondamenta instabili, mentre lui è l'uomo perfetto per lei.
Nonostante si innamorino ed intraprendano una relazione, spesso Samuele mette da parte il suo immenso amore per lei per rimproverarla ogni volta che gli dimostra la sua ingenuità. È lui la sua salvezza per poter finalmente crescere. Ma il passato di Giuditta ritorna improvvisamente a tormentarla e neanche lui può completamente impedirle di tornare a essere la preda di un gioco perverso e dannoso che vorrebbe intrappolarla di nuovo.

L’ho capito subito che eravamo fatti l’uno per l’altra. Io ho i piedi ben piantati per terra, tu galleggi in un mondo di sogni e di nuvole e hai un talento straordinario per il settore commerciale. Siamo complementari, ma ti sei sempre rifiutata di capirlo. Ci volevano una tromba d’aria e un coglione sposato per convincerti.

Gabriele è un consulente finanziario. L'unico tormento della sua vita è la noia. Con il passare del tempo, ha costruito una doppia vita fatta di sadismo e violenza per combattere la sua noia, senza mai escludere alcun tipo di esperienza. Nessuna donna è mai riuscita a sfuggire alle sue grinfie. Tutte sono sue prede. Tutte, tranne una. L'unica che, cambiata e più forte, riesce a tenerlo a bada. Per questo è più arrabbiato e determinato a dominare la sua preda.

Quando ci stai in mezzo è un casino totale. Mi ha plasmata che ero una ragazzina senza genitori, lo capisci o no? Nove anni sono lunghi, e non ragioni più lucidamente! Cerchi solo di sopravvivere! Ero atterrita all’idea di sbagliare, di deluderlo, vivevo nell’incubo che si svegliasse e mi spaccasse la mandibola, così, giusto perché lo facevo incazzare.

Le vite di Giuditta e Gabriele scorrono parallelamente.
Sembrano completamente distanti nei primi capitoli. Ma pian piano si avvicinano sempre più, fino a scontrarsi pericolosamente.
Giuditta esprime se stessa in un desiderio di essere amata ma lo reprime per paura di ricevere una nuova e pesante delusione.
Al contrario, Gabriele porta avanti la sua vita segreta e perversa senza alcun pentimento, senza vietarsi nulla.
L'autrice è abilissima nel passare da una vita fatta di sogni e di speranze a una piena di reati e perversioni, da un linguaggio semplice e quotidiani a uno crudo e forte.
È sorprendente il suo modo di cimentarsi in un personaggio così sadico e sanguinario, inventando la sua mente malata: un'abilità per niente semplice, dimostrata con maestria.
Questo libro è destinato a chi vuole immergersi in una lettura imprevedibile e con un finale ancor più aperto all'immaginazione del lettore.



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Le parole che ho trovato per te" di Alessio Tavino

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni