REVIEW PARTY - RECENSIONE "Niente di serio, almeno credo" di Cecile Bertod


Titolo: Niente di serio, almeno credo
Autore: Cecile Bertod
Genere: Chick-Lit
Editore: Leone Edizioni
Data Pubblicazione: 17 Ottobre 2019
Formato: Cartaceo
Prezzo: 10.90
Pagine: 504
Collana: Sàtura





UN LIBRO DELLE RISPOSTE E UN
ASCENSORE POSSONO CAMBIARTI LA
VITA?



Dorothy Dorfman ha sempre sognato di lasciare il suo lavoro in biblioteca per vivere un’avventura. Così Nanette, la sua migliore amica, le regala un libro delle risposte e le suggerisce di smettere di ragionare, di pianificare sempre tutto e di farsi guidare dal caso. Per Dorothy non può funzionare, non è possibile che un libro delle risposte cambi improvvisamente la sua vita. E per dimostrarle di avere ragione, mentre ritorna a casa prova a usarlo finendo con l’ascensore al piano sbagliato. Quello che non immagina è di ritrovarsi tra le braccia di un attore di Hollywood che le chiederà di sposarlo. Parliamo di Duke  Kline, una star delle soap appena tornata in città.



Cecile Bertod è una restauratrice archeologica di Napoli. Ha iniziato a scrivere con un fantasy, poi ha proseguito con il rosa. Ha già pubblicato Non mi piaci ma ti amo, Nessuno tranne te, Ti amo ma non posso, Dopo di te nessuno mai, C’era una volta a New York e Mai più innamorata. Niente di serio, almeno credo è il suo esordio per Leone Editore.

Buongiorno cari lettori, eccomi qui a parlarvi del nuovissimo libro di Cecile Bertod "Niente di serio, almeno credo", edito dalla Leone Edizione, online proprio da oggi.

"Niente di serio, almeno credo" è uno di quei libri ironici, ipnotici, divertenti e frizzanti che fanno bene al cuore, uno di quelli capaci di trascinarti per qualche ora lontano dai problemi o dalla monotonia di una giornata uggiosa. Una sit-commedy romance nella quale tuffarsi, potersi immergere tra le sue pagine e lasciarsi trasportare in balia di avvenimenti, siparietti comici e da folli personaggi che animano questa storia. 

Voglio iniziare questa recensione parlando dei vari personaggi che la popolano. 
Dorothy Dorfman è la bizzarra protagonista di questo romance, bibliotecaria squattrinata che ha preso in affitto l'appartamento, in un condominio di lusso, che prima era di proprietà della sorella Susan. Passa le sue giornate un po' piatte tra lavoro, serie tv di cui è dipendente e pizze surgelate. Ha un'indole ribelle che maschera dietro la sua continua voglia di passare inosservata e quell'alone di trascuratezza. Circondata da insoliti coinquilini e colleghi di lavoro di fascia media tra i 70/80 anni, ognuno carico di una buona dose di insolita stravaganza e strane manie, insomma un covo di simpatici bisbetici che cerca continuamente di spronare Dorothy a uscire dalla sua vita monotona. Tra le sue amicizie c'è anche Nanette, sua collega di lavoro, che si aggiunge al complicato compito di trovarle un uomo. Poi ci sono i bizzarri inquilini del suo condominio alcuni di loro, i più burberi e con la puzza sotto il naso, sembrano fare la guerra a tutti coloro che non rispettano le regole e tra queste la prima in assoluto è certamente Dorothy, che di riuscire a stare dentro le regole proprio non riesce. A renderglielo continuamente presente è Chaz Kline, avvocato e amministratore del condominio, che passa le sue giornate tra il lavoro nella sua azienda di famiglia, la K.K, tribunali e casa, presso lo stesso condominio che amministra. Totalmente disinteressato alla vita mondana passa le sue giornate in modo formale e insignificante, tra i suoi compiti c'è anche quello di riprendere spesso l'incontrollabile coinquilina del 4 piano, che spesso è la protagonista dei numerosi problemi del palazzo. 

Tutto procede tranquillamente nella solita routine fino a quando un insolito libriccino delle risposte, acquistato per 2 euro da Nanette, l'amica di Dorothy, sembra cambiare completamente le sorti della normale quotidianità per buona parte dei protagonisti. 

Un piccolo capriccio fatto per assecondare Nanette e il suo libro, spalanca le porte al destino e a un personaggio che mai Dorothy, nemmeno nei suoi sogni più fervidi, avrebbe potuto immaginare le sarebbe caduto tra le braccia. Duke Kline, l'attore di serie tv del momento di cui Dorothy è completamente infatuata. Ma Duke Kline non è solo un famosissimo attore ma è anche il rampollo di una delle famiglie più ricche del paese e azionario della K.K. Ma come ogni famosissimo attore è anche il solito personaggio fuori dagli schemi, fatto di sregolatezze, privo di misura, senza responsabilità, che vive la sua vita in modo superficiale accumulando continui debiti sulla sua strada. Debiti che la sua famiglia non è più disposta a colmare. 

Ecco perché gli resta una sola cosa da fare. 
L'arrivo casuale di Dorothy sulla sua strada pare essere il piano perfetto per i suoi intenti.

Flash e giornalisti, insieme a lui, piomberanno nella vita di Dorothy, stravolgendola completamente e catapultandoci in una sorta di insolita favola fatta di gag, avvenimenti bizzarri e scenette esilaranti. 

Questo è un libro che leggerete costantemente con il sorriso sulla labbra dalla prima all'ultima pagina. Dove l'assurdo si scontrerà con il romanticismo, il tifo da sit-com romantica aleggerà di continuo e dove i personaggi talmente insoliti vi faranno scappare più di una risata. 

"In quello stesso istante torna la corrente. Pian piano, ogni lampione di Vale Lune si rimette in funzione. 
E la torcia di Chaz si spegne. Click. E anche il mio cuore fa un po' click.
A volte capita, a voi? A me sì. È che non regge. Si accende per un po' e poi si spegne".

Lo stile scorrevole e lineare porta il lettore a leggere velocemente questa storia. Completamente priva di punti morti o noiosi che rallentano il romanzo. Il libro è molto ben curato nei dettagli e l'editing è pressoché perfetto. La capacità di creare storia insolite e articolate e di destreggiarsi tra i numerosi personaggi è una qualità che apprezzo molto in questa autrice.

Questo romanzo ci insegna in modo molto divertente come tutto possa cambiare in un attimo. Mutare le nostre esistenze, che si sono magari svolte per anni con la solita routine, in una trasformazione completa stravolgendo le nostre vite con avvenimenti improbabili di cui magari non ci sentiamo neanche pronti. 
Ci insegna come un singolo e semplice cambiamento di un elemento, come in questo caso un insolito libriccino, possa modificare completamente tutto, portandoci a vivere un'avventura completamente diversa. A volte basta veramente poco, magari con l'aiuto di un bizzarro e insolito destino per cambiare tutto.

Consiglio tantissimo questo libro a chi ha bisogno di staccare la spina dai soliti problemi, a chi ama le serie romantiche ma divertenti e a chi sogna sempre il tanto agognato lieto fine. A chi ha voglia di leggere un libro che lascia con gli occhi a cuore e il sospiro tra le labbra.

Ps. Il libro delle risposte di Cecile Bertod è qualcosa che dovete assolutamente avere. Da tenere costantemente a portata di mano. Magari non sarà autore del vostro destino ma, senza dubbio, vi terrà di buon umore. (Gadget in edizione limitata)

Buona lettura!

Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni