RECENSIONE - "Alla ricerca di te. Oltre il sentiero del cuore" di Serena Brucculeri

Titolo: Alla ricerca di te. Oltre il sentiero del cuore.
Autore: Serena Brucculeri
Editore: Fd books - Auto da fé
Genere: Romanzo Rosa
Formato: ebook/cartaceo
Prezzo:   €2,99/€13,90
Data pubblicazione: 21 giugno 2017
Protagonisti: Sara e Peter; Sally e Jeffrey
Pagine: 272
Pagina autrice
ORDER



Dopo aver perso i genitori, la nonna e un figlio Sarah è rimasta sola. Decide di rifarsi una vita in Nebraska dove conosce Peter, che la desidera senza però amarla: quando scopre di essere incinta fugge per non obbligarlo a riconoscere il bimbo.
Peter capisce di amare Sarah ma ormai è troppo tardi e forse solo dopo un lungo viaggio riuscirà a raggiungerla.
Una volta ritrovato il suo amore, riuscirà a finalmente a essere sincero con lei? Il sentiero per incontrarsi di nuovo è difficile, ma è l’unico che resta. 


Serena Brucculeri, nata a Mantova, lavora come insegnante alla scuola Primaria. È sposata, ha due figli maschi e un gatto persiano dal pelo arancione, maschio pure lui. È lettrice compulsiva di romanzi rosa e, come ogni donna, fa i salti mortali per cercare di conciliare famiglia e lavoro. 

Bentrovati amici di lettura. Oggi vi parlerò di “Alla ricerca di te. Oltre il sentiero del cuore”, il  romanzo di esordio di  Serena Brucculeri.
Iniziamo a conoscere la protagonista femminile.
Sarah è una giovane donna di 25 anni. Da un giorno all'altro la sua vita viene stravolta: perde i genitori in un incidente e poco dopo anche la nonna; il suo ex fidanzato, Richard, l'ha lasciata a causa di una gravidanza che lui voleva interrompesse. Ma non finisce qui: Sarah perde anche il bambinooche aspettava e si ritrova sola.
Ha perso ormai la fiducia nel genere umano e decide di ricominciare una nuova vita. Lascia il lago Michigan e si trasferisce in Nebraska.
Non ha desideri, non cerca l'amore né tantomeno nuove amicizie. Vuole solo ritrovare se stessa tra quei territori innevati che le infondono la pace che tanto anela. Trova lavoro in un locale gestito da Sally e da suo figlio Peter.
Peter è un bel ragazzo, ma nella sua vita non ha mai amato davvero, o almeno così pensa, odia dover dipendere da altre persone.

“Lei non vuole più innamorarsi, lui pensa di non esserlo mai stato; lei conosce ciò che l' amore può fare quando ti volta le spalle, lui non ha niente da perdere, non conosce il dolore di un tradimento di un cuore spezzato.”

Fra i due, inizialmente, ci sarà una forte ostilità e antipatia reciproca poi, conoscendosi meglio, il loro legame si trasformerà portandoli a instaurare una relazione. Sarah, pur non volendo, inizierà a provare sentimenti forti; Peter invece, oltre all'affetto e all'attrazione fisica, sembra non avere il suo stesso coinvolgimento. Sarah non vuole mettere di nuovo a repentaglio il suo cuore. La sua mancanza di fiducia nel prossimo riemergerà prepotentemente e, quando scoprirà di aspettare un bambino da Peter, scapperà ancora per non rivivere le esperienze del passato e per non farsi ferire ulteriormente.
Quando Peter si renderà conto di amarla e averla persa, sarà troppo tardi.

“Gli manca Sarah, vorrebbe stringerla forte e amarla fino al giorno dopo, svegliarsi con lei fra le braccia e amarla ancora. Non ne aveva mai abbastanza di lei, ma aveva scioccamente scambiato tutto questo per un'intensa attrazione fisica e nient'altro.”

Intraprenderà un lungo viaggio alla sua ricerca. Riuscirà a ritrovare Sarah e ottenere la sua fiducia? Non vi resta che scoprirlo.
Parallelamente alla storia principale, ci ritroveremo a leggere anche di un'altra relazione sentimentale, quella fra Sally e Jeffrey, ma anche per questa vi invito a leggere e scoprire da soli cosa accadrà fra loro.

Davvero un buon esordio per Serena Brucculeri. 
Sia la trama del romanzo che la storia d'amore fra Sarah e Peter sono molto coinvolgenti: si prova da subito empatia verso la protagonista, mentre vien voglia di scrollare per le spalle Peter e farlo rinsavire.
I protagonisti principali sono ben caratterizzati: 
lei, personaggio molto determinato che trae forza dal suo difficile passato e che con il suo carattere socievole riesce ad attirare le simpatie e l'affetto di chi la circonda; 
lui, che vorrebbe apparire forte e irraggiungibile, ma che in realtà avendo avuto solo rapporti superficiali in passato, non riesce a comprendere bene i sentimenti che prova. La sua vera indole, quando verrà fuori, farà amare anche il suo personaggio.

La storia narrata, pur essendo drammatica, non ne ha appesantito la lettura. 
La scrittura fluida, la forma corretta e la mancanza di errori portano a leggere la storia tutta d'un fiato.
Altro elemento che ho molto apprezzato è stato la perfetta descrizione dei luoghi: molto spesso, iniziando a leggere un libro, l'ambientazione della storia viene solo definita, non è questo il caso.
L'autrice è stata brava a far immaginare i luoghi portandoci per mano, sia ad Adersonville, in Michigam, sia a Waverly in Nebraska. Si vede che c'è stato uno studio preventivo sulle ambientazioni e non so se l'autrice c'è stata davvero. È un fattore che ho molto apprezzato. Riesce a dare un tocco in più al romanzo.
Pur essendoci un discreto numero di personaggi, Serena  è stata brava a non ingarbugliare la trama, dando ampio spazio a entrambe le storie d'amore, senza mai però distogliere l'attenzione dal punto focale della trama.

Posso solo complimentarmi con Serena Brucculeri per la sua opera e consigliare a tutti coloro che amano le storie intense di leggere questo bel romanzo.
Buona lettura!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni