RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Quante volte ti ho odiato" di Kelly Siskind

Titolo: Quante volte ti ho odiato
Autore: Kelly Siskind
Editore: Newton Compton
Genere: New Adult
Formato: ebook /cartaceo
Prezzo:   €5,99 / €8,50
Data pubblicazione: 16 novembre 2017
Protagonisti: Shay e Kolton
Pagine: 347
Serie: Over the top




Over the top Series
Un viaggio con le amiche nel paradiso sciistico di Aspen: è proprio quello di cui Shay ha bisogno per dimenticare la rottura con il suo ex. E il fatto che, oltre alle piste da sci meravigliose e all’affetto delle amiche, ci siano bei ragazzi praticamente ovunque, di sicuro non guasta. Ma il sogno viene interrotto quando uno spericolato sciatore la mette al tappeto, travolgendola. La guerra è iniziata.
Kolton non ha esattamente idea di cosa in Shay lo faccia infuriare. Non solo fa fatica a rimanere lucido in sua presenza, ma la ragazza sembra avere la particolare capacità di fargli perdere la calma. Quando la rabbia si trasforma in una chimica esplosiva, i due verranno travolti dall’intensità di un’avventura che lascia a entrambi dubbi e insicurezze. Ma c’è qualcosa che va oltre l’odio e la passione, e Kolton e Shay, tra le scaramucce e i litigi, potrebbero scoprire di provare qualcosa di importante… Se solo riuscissero a smettere di detestarsi.
Le regole dell’amore non seguono mai uno schema preciso.


Si è trasferita nella regione Nord dell’Ontario, abbandonando la grande città, per aprire un negozietto di formaggi con suo marito. Quando non è impegnata ad aiutare in negozio o a camminare, passa il tempo scrivendo. È un’inguaribile romantica e divora qualunque libro con una storia d’amore. Quante volte ti ho odiato è il suo primo libro pubblicato in Italia.

Ben ritrovati amici del  blog “Opinioni Librose”. Anche oggi la mia recensione verterà su un romanzo che sarà pubblicato dalla Newton Compton, il 16 novembre.

Il titolo è “Quante volte ti ho odiato” e l'autrice, già conosciutissima oltreoceano, è Kelly Siskind; il libro fa parte di una serie, “Over the top” ma ogni romanzo è autoconclusivo.

In questo primo romanzo conosceremo Shay e Kolton.
Shay, protagonista femminile, è reduce da una rottura col suo ex, il quale l'aveva plasmata sia caratterialmente che fisicamente ai propri gusti personali. Adesso è pronta a riprendere in mano la sua vita e a non farsi più condizionare, nelle sue scelte, solo per compiacere un uomo. Per ricominciare a sentirsi se stessa decide di intraprendere un viaggio, con le sue amiche di sempre, nel paradiso sciistico di Aspen. Dovrebbe essere l'inizio perfetto del suo periodo di odio verso gli uomini e concentrarsi sulla sua carriera professionale a cui ha rinunciato per amore dello “stronzo”.

Kolton, il nostro protagonista maschile, si trova nella stessa località sciistica insieme ai suoi colleghi di lavoro, per staccare la spina e, perché no, trovare qualche piacevole diversivo visto che, nella vita di tutti i giorni è assorbito completamente dal suo lavoro e dalle sue responsabilità. Qualcosa accaduto in passato ha segnato il presente di Kolton. Da allora, tranne qualche incontro con l'altro sesso, per puro appagamento fisico, non ha avuto nessuna storia importante.
I due si scontreranno, nel senso letterale della parole, sulle piste da sci e sarà antipatia reciproca a prima vista.

"Il ragazzo si stiracchia il collo e le ciocche all’altezza del mento gli ricadono sulla faccia. Si leva di dosso lo zainetto, lo apre e ci ficca dentro la maschera rotta. Dopodiché si raddrizza e scuote i capelli. «La precedenza ce l’ha chi scende. Non ci vuole una laurea. Se fossi stato un bambino non mi sarei rotto soltanto la maschera. Quindi fa’ attenzione la prossima volta che scendi sparata». Mi fulmina con lo sguardo, neanche fosse il padrone della montagna. Come se fossi una sciatrice alle prime armi. E poi bofonchia: «Cretina». Ora che ci penso, un tipo ideale ce l’ho. Mi sa che si chiama Co… glione. «Ma piantala!». Gli mostro il dito medio, afferro le racchette e me ne vado, superando il suo bel culetto e i capelli da modello, mentre lui mi dà della stronza.”

Dopo  questo primo incontro turbolento i due si rincontreranno in compagnia dei loro amici e la vicinanza forzata, nonostante i continui battibecchi, li porterà a vivere dei momenti di passione sfrenata che, secondo le loro intenzioni, dovranno essere solo una parentesi da vivere durante la vacanza.

“quello che succede ad Aspen, rimane ad Aspen!”

Punto di forza di questo romanzo è sicuramente l'intero cast di  personaggi secondari: primo fra tutti Jackson, un bambino adorabile e con manie particolari, che nel corso della lettura vi farà sorridere più di una volta; Stella, collaboratrice di Kolton, che adorerete dal primo momento, infine, l'intera truppa di amici di Shay e Kolton che, come prevedibile ,  saranno poi i protagonisti dei prossimi romanzi della serie e vi assicuro, che anche se c'è solo un primo accenno su come si evolveranno le altre storie, sapranno stimolare la vostra curiosità.
Non voglio raccontarvi molto altro, preferisco che viviate in prima persona le emozioni e le sorprese che il libro ha in serbo per voi.

Il romanzo inizia come una commedia romantica e divertente, dato che troverete tutti i presupposti del caso, ma si trasforma lentamente in qualcosa di più profondo.
Oserei definire questo libro completo in quanto, in esso sono concentrate una varietà di emozioni che lo renderanno sicuramente piacevole a vari tipi di lettori: c'è  romanticismo, passione, amicizia, famiglia e anche qualche risvolto più triste, il tutto condito da una buona dose di umorismo ed ironia.
I personaggi sono descritti molto bene sia caratterialmente che fisicamente. 
Una curiosità: per una volta, il personaggio sulla cover rispecchia al 100% l'aspetto fisico del protagonista.....finalmente!!!!
La scrittura è molto fluida, sicuramente opera di una traduzione accurata.
Il Pov alternato dei due protagonisti vi farà scoprire i pensieri e i desideri di entrambi, man mano che la storia si evolverà, infatti c'è una lenta evoluzione del rapporto fra Shay e Kolton, perché, anche se sono immediatamente attratti l' uno dall'altro, i sentimenti subentreranno solo con il passare del tempo.
Forse, se devo trovare un difetto, è un po' troppo sdolcinato in alcuni passaggi,  ma questo è solo il mio pensiero personale.
Se avete voglia di leggere un buon romanzo contemporaneo, con un perfetto equilibrio fra aspetto emotivo e umorismo, di sicuro questo è il libro che fa per voi.

Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni