RECENSIONE "Incanto di Natale" di Pamela Baiocchi e Michela Piazza

TITOLO: Incanto di Natale
AUTRICE: Pamela Boiocchi, Michela Piazza
EDITORE: Self publishing
GENERE: Humor/ Romanzi Rosa
FORMATO: ebook
PREZZO: EURO 0,99 / KU
DATA PUBBLICAZIONE: 8 novembre 2017
PROTAGONISTI: Gipsy, Guillaume, Etienne
PAGINE: 114
SERIE: Non è il mio tipo








Una favola natalizia ambientata sulle incantevoli Alpi francesi
Gipsy detesta il suo nome, preso da un romanzo di Liala.
Gipsy si vergogna di sua madre, che scrive romanzi erotici, e un po' anche di suo padre che insegna meditazione.
È una con i piedi per terra, lei, un revisore dei conti con ottime prospettive di carriera.
Proprio per mettersi in luce agli occhi del suo capo, accetta di lavorare al bilancio di un resort durante le Feste... Ma non ha fatto i conti con il fascinoso Guillaume, proprietario dell'albergo, né con l'irritante ma irresistibile Étienne, l'insegnante di sci!
Possibile che la magia del Natale sia in grado di far innamorare persino una ragazza moderna?
NON È IL MIO TIPO, una trilogia di romanzi AUTOCONCLUSIVI
Perché, a volte, l'uomo meno adatto a te è il solo in grado di renderti felice



Buongiorno, lettori! Oggi vi parlerò di "Incanto di Natale", l’ultima pubblicazione di Pamela Baiocchi e Michela Piazza, due autrici che, se da sole sono molto brave, insieme sono inarrestabili!

Protagonista è Gipsy: giovane, ambiziosa, con i piedi ben piantati per terra e tanta voglia di dimostrare non solo di essere in gamba ma, soprattutto, di non essere simile ai suoi genitori. 
Sì, perché in effetti i suoi la imbarazzano un po’. 
Sua madre, così giovane ed energica da sembrare sua sorella, scrive romanzi piccanti. Suo padre, invece, insegna meditazione e tiene convegni in casa loro. Il loro essere hippies e le loro insistenze affinché viva senza troppi pensieri spingono Gipsy a crearsi un mondo tutto suo, in cui il lavoro rappresenti una certezza, qualcosa di concreto, di tangibile.
Con lei, a sostenerla, ci sono Priscilla e Mercedes, le zingare (così si chiamano tra loro), amiche fidate, sempre pronte a darle man forte, specie quando Gipsy annuncia ai suoi che dovrà lavorare a Natale. Si reca così in un lussuoso resort sulle Alpi francesi, felice di bypassare albero, regali, dolci, e di potersi immergere in controlli e resoconti. Ciò che però ignora è che il luogo inizierà pian piano a esercitare su di lei una certa attrazione, soprattutto a opera della fauna maschile che lo occupa. 
Prima, infatti, conoscerà l’affascinante Guillaume, uno degli amministratori, che con le sue maniere gentili e il suo fascino discreto saprà farle abbassare la guardia. Poi arriverà uno scapestrato massaggiatore/maestro di sci, Etienne, tanto intrigante quanto dolce. E per Gipsy arriverà il momento di crescere, di abbandonare quella punta di cinismo che ha indossato come una corazza e di ritrovare la magia del Natale nell'ambiente e nelle persone che la circondano.

Difficile non sorridere con un racconto come questo, talmente simpatico che lo si legge in pochissimo tempo. Ogni personaggio ha un suo perché, un carattere preciso, un ruolo funzionale alla storia. Gipsy, per esempio, colpisce per la sua determinazione, la forza caratteriale, ma anche per la capacità di evolversi, di aprirsi a nuove esperienze, che la aiutano a ritrovare non solo l’entusiasmo di quando era bambina, ma anche il coraggio di superare i propri limiti.
I due personaggi maschili, Guillaume ed Etienne, sono altrettanto ben costruiti. Si fa fatica a staccare gli occhi da uno e dall’altro e i dialoghi tra loro e Gipsy sono frizzanti e realistici.
Una menzione speciale meritano le zingare, le amiche del cuore, che sanno cosa dire per spronare la protagonista ma, da vere sorelle, sanno anche quando tacere. Il rapporto tra loro è intenso, brioso e si sviluppa attraverso i libri della serie Non è il mio tipo. Da non perdere!
Lo stile, proprio come la storia, è fresco, leggero, piacevole. Senza errori né altri difetti, la scrittura garbata ci accompagna in questa vacanza sulla neve, facendocela godere come se fossimo nel resort anche noi, seduti di fronte al camino mentre ci gustiamo una cioccolata calda.
Un libro eccellente, non solo per il periodo natalizio!

Buona Lettura!!!


Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni