REVIEW PARTY - RECENSIONE per "Knight" di B.B. Reid


Titolo: Knight
Autore: B.B. Reid
Editore: Always Publishing
Collana: Always Romance n 8
Genere: Dark romance
Prezzo ebook: € 5,99
Prezzo cartaceo: € 13,90
Data pubblicazione: 26/07/2018
Pagine: 241
Serie: #2 Duetto rubato





Un segreto svelato.
Una vendetta consumata.
Una guerra alle porte.

Mian Ross ha fatto di tutto per proteggere suo figlio, scontrandosi con segreti a lungo celati, arrivando a scoprire la profondità delle tenebre dell’uomo che, prima di occupare i suoi incubi, aveva per lungo tempo occupato il suo cuore
Ma ora Mian non teme più Angel Knight.
Insieme non hanno trovato una favola, hanno trovato una guerra.
Per Angel il potere e la sete di vendetta si sono rivelati alleati inutili. Quale sarà la prossima mossa del Sesto Cavaliere?
È disposto ad annientare ogni suo nemico, ad abbandonare il suo trono, a mettere a rischio la sua stessa vita pur di proteggere la sua ossessione.
Ma alcuni tradimenti non posso trovare perdono.
Bandit vi ha lasciato col fiato sospeso con le sue domande, Knight ve lo ruberà con le sue rivelazioni.


B.B. Reid torna a stupire con la conclusione perfetta per la sua fiaba d’amore contorta, Bandit.
La storia oscura e adrenalinica di Angel e Mian prosegue in un romanzo dalle svolte imprevedibili, in cui niente è scontato fino all’ultima pagina. Il capitolo che chiude il Duetto Rubato è una storia da leggere tutto d’un fiato, col cuore in gola. B.B. (si pronuncia Bebe) ha scoperto la sua passione per il romance sin da piccola, quando sgattaiolava nell’armadio di sua madre per rubarle i libri. Presto diventò un’abitudine e più tardi, una vera dipendenza. Preferisce il romance fatto non solo di amori a prima vista e ama poter far crescere i suoi personaggi, che sembrano segnati sin dall’inizio ma riescono comunque a trovare l’amore. B.B. vive nel North Carolina ed ha conseguito una laurea in Economia e Finanza.


Cari lettori, parliamo del secondo volume di Il duetto rubato di B.B Reid, "Knight", edito da Always Publishing.
Bandit ci aveva lasciato con il fiato sospeso, ma finalmente ecco la conclusione della storia tra Mian e Angel. Le cose sono sempre più complicate, ma i loro sentimenti sempre più chiari e forti. Angel cercherà di fare tutto quello che può per proteggere Mian e il piccolo Caylen, ma un antagonista, davvero insistente nei suoi intenti, farà loro rischiare grosso.

«E a lei cosa fa la paura, signorina Ross?» La sua voce si abbassò e, sebbene nessuno ci prestasse attenzione, lui fece un passo avanti per assicurarsi che sarei stata l’unica a sentire le sue parole successive. «Quando qualcuno minaccerà la sua vita o la vita di suo figlio, si spezzerà?»

Ho trovato questo secondo volume più interessante del primo, perché si capisce un po’ meglio tutta la storia del Knight e le regole che lui e la famiglia devono seguire. Inoltre importanti rivelazioni mettono continuamente alla prova la fiducia e i sentimenti di Mian nei confronti di Angel. Lui dal canto suo cerca di farle capire che ormai loro sono una coppia e non può scappare. Ovunque lei andrà, lui la troverà.

«Il destino avrebbe potuto scegliere qualsiasi strada per noi quindici anni fa, e non importa quante volte corriamo in direzioni opposte, lui ci rispinge sempre insieme. Penso che lo dobbiamo a noi stessi scoprire il perché. Io non riesco a starti lontano e il tuo cuore non smetterà di cercarmi. Siamo inevitabili, Mian».

Una pecca di questo libro è il linguaggio spesso fuori luogo. In alcuni momenti e situazioni accetto e comprendo un linguaggio spinto, mentre in altre è veramente inadeguato e rovina l’atmosfera del momento. Inoltre alcune scene le ho trovate leggermente ripetitive. 
Tuttavia Angel alla fine mi ha molto sorpreso, ha preso delle decisioni difficili e significative che non mi aspettavo completamente e che mi hanno piacevolmente colpita.

“Lei poteva non sapere come colmare quel vuoto nel suo cuore, ma io sì. Non era stato un cambiamento del mio cuore che mi aveva condotto qui. Era stato un cambiamento nel suo ritmo. Adesso batteva per lei.”

Nel complesso è un buon libro che sa coinvolgere e destare curiosità. La relazione tra Mian e Angel si evolve per poi tornare indietro e di nuovo fare un passo avanti. È una continua altalena che ha dei momenti toccanti, profondi e anche molto piccanti. Azione, mistero e suspense arricchiscono questa storia che valuto 4/5.
Non perdetevi Knight, soprattutto se avete letto Bandit.
Non voglio anticipare nulla ma credo che leggeremo ancora di Mian e Angel, in un modo o nell’altro. 
Buona lettura!



Commenti

Post popolari in questo blog

RECENSIONE - "Io sono mio fratello" di Giorgio Panariello

RECENSIONE - "A un millimetro di cuore" di Massimo Bisotti

RECENSIONE IN ANTEPRIMA - "Io non ti lascio solo" di Gianluca Antoni